Monti a Calderoli. La cena del Presidente del Consiglio non grava sugli Italiani

Tempo di lettura: 3 minuti

Potrebbe essere Marinari in quel di Piazza di Santa Emerenziana la pasticceria cui si è servita la moglie del Presidente del Consiglio Mario Monti per acquistare i dolci destinati al cenone familiare di San Silvestro che ha prodotto un’interrogazione del Senatore Roberto Calderoli? Come saprete, il Senatore della Lega Nord è preoccupato dei costi della politica dopo la traumatica esperienza del ristorante del Senato e soprattutto a quella della cena degli Ossi che quest’anno non si è tenuta per le divergenze tra i notabili del partito.

Alla precisazione del Presidente Monti, affidata a una nota ufficiale del Governo, non c’è da aggiungere nulla. Se non conoscere in quali negozi di Piazza Sant’Emerenziana e via Cola di Rienzo è stata fatta la spesa.

i tortellini di Monti

I tortellini sono di Gatti&Antonelli, i dolci di Marinari o di Regoli, cotechino e lenticchie di Castroni?

Intanto, leggete il comunicato ufficiale con il suo humour.

4 Gennaio 2012

Il Presidente del Consiglio ha appreso da fonti di stampa che il Senatore Roberto Calderoli avrebbe presentato in data odierna un’interrogazione a risposta scritta con la quale chiede di dar conto delle modalità di svolgimento della cena del 31 dicembre 2011 del medesimo Presidente del Consiglio.

Il Presidente Monti precisa che non c’è stato alcun tipo di festeggiamento presso Palazzo Chigi, ma si è tenuta presso l’appartamento, residenza di servizio del Presidente del Consiglio, una semplice cena di natura privata, dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2011 alle ore 00.15 del 1° gennaio 2012, alla quale hanno partecipato: Mario Monti e la moglie, a titolo di residenti pro tempore nell’appartamento suddetto, nonché quali invitati la figlia e il figlio, con i rispettivi coniugi, una sorella della signora Monti con il coniuge, quattro bambini, nipoti dei coniugi Monti, di età compresa tra un anno e mezzo e i sei anni.

Tutti gli invitati alla cena, che hanno trascorso a Roma il periodo dal 27 dicembre al 2 gennaio, risiedevano all’Hotel Nazionale, ovviamente a loro spese.

Gli oneri della serata sono stati sostenuti personalmente da Mario Monti, che, come l’interrogante ricorderà, ha rinunciato alle remunerazioni previste per le posizioni di Presidente del Consiglio e di Ministro dell’economia e delle finanze.

Gli acquisti sono stati effettuati dalla signora Monti a proprie spese presso alcuni negozi siti in Piazza Santa Emerenziana (tortellini e dolce) e in via Cola di Rienzo (cotechino e lenticchie).

La cena è stata preparata e servita in tavola dalla signora Monti. Non vi è perciò stato alcun onere diretto o indiretto per spese di personale.

Il Presidente Monti non si sente tuttavia di escludere che, in relazione al numero relativamente elevato degli invitati (10 ospiti), possano esservi stati per l’Amministrazione di Palazzo Chigi oneri lievemente superiori a quelli abituali per quanto riguarda il consumo di energia elettrica, gas e acqua corrente.

Nel dare risposta al Senatore Calderoli, il Presidente Monti esprime la propria gratitudine per la richiesta di chiarimenti, poiché anche a suo parere sarebbe “inopportuno e offensivo verso i cittadini organizzare una festa utilizzando strutture e personale pubblici”. Come risulta dalle circostanze di fatto sopra indicate, non si è trattato di “una festa” organizzata “utilizzando strutture e personale pubblici”.

D’altronde il Presidente Monti evita accuratamente di utilizzare mezzi dello Stato se non per ragioni strettamente legate all’esercizio delle sue funzioni, quali gli incontri con rappresentanti istituzionali o con membri di governo stranieri. Pertanto, il Presidente, per raggiungere il proprio domicilio a Milano, utilizza il treno, a meno che non siano previsti la partenza o l’arrivo a Milano da un viaggio ufficiale.

9 Commenti

  1. Roba da pazzi! Con tutto quello che hanno mandato giù i leghisti in fatto di morale, ora si rendono ridicoli facendosi snocciolare dal premier il suo (parco) menu di San Silvestro… :-((

  2. Calderoli e company… Ipocriti e senza ritegno. un manipolo di lanzichenecchi mascherati da finti paladini della Padania, capeggiati da un cerebroleso, indegni di far parte del nostro Stato che disprezzano e tentano di in tutti i modi di disgregare e screditare, nonostante abbiano spartito il bottino della “Roma Ladrona” con i componenti del precedente governo. Ingannano i loro elettori manipolando la loro buona fede…e si permettono pure di fare le interrogazioni e di parlare dal pulpito…ripeto, senza ritegno…Da parte di Monti lezione di sostanzxa oltre che di stile!

  3. ha risposto a Alex:

    Mi rendo conto che deve essere difficile non scadere nell’utilizzo di termini volgarmente offensivi come “cerebroleso”.
    Però provandoci…

  4. ha risposto a Fabio Spada:
    “Rispetto porta rispetto”…Non ti è mai capitato di ascoltare i dolci epiteti con i quali il povero e caritatevole “disabile” apostrofa gli altri, in primis il nostro capo dello Stato? Detto questo umanamente non ho mai augurato del male a nessuno…ma non provo la minima compassione per certe persone…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui