Champions: Napoli-Chelsea 3-1. Con il panino sasicc’ e friariell’

Tempo di lettura: 1 minuto

Die Meister
Die Besten
Les grandes équipes
The champions.

I tifosi napoletani stasera hanno potuto ancora una volta gridare allo stadio San Paolo l’inno della Champions League.

Tutta la città era già in fibrillazione da alcuni giorni per il grande evento e finalmente dopo 20 anni si concretizza per la squadra del Napoli e per suoi tifosi il sogno di giocarsi il trofeo contro le migliori squadre d’Europa.

Sì, ma cosa hanno mangiato i tifosi in attesa del grande evento? C’è chi ha esorcizzato l’attesa con il pranzo al sacco preparato dalle mamme a casa: frittate di maccheroni, panini con cotolette, polpette e chi più ne ha più ne metta. C’è chi invece ha sfidato tenacemente la propria resistenza fisica, abbandonandosi alla tentazione del classico panino sasicc’ e friariell’, acquistato dai venditori ambulanti.

Ma il caso ha voluto che l’evento tanto atteso sia coinciso con l’ultimo giorno di Carnevale, il tanto amato Martedì Grasso, e quindi c’è anche chi comodamente ha assistito alla partita a casa, non potendo rinunciare alla lasagna di Mammà, alle chiacchiere e al sanguinaccio. Ogni occasione è buona, soprattutto in casi del genere, riunirsi a casa con gli amici (visto il costo effettivamente eccessivo di un biglietto per i distinti, 100 euro azz!) e smorzare la tensione con brioches rustiche, rotoli alla nutella, insomma evviva l’abbondanza! Il vero tifoso che si rispetti, quello che ha vissuto gli anni di gloria della squadra, stasera si è lasciato abbandonare all’emozione, trattenendo il fiato per 90 minuti, per poter gridare infine, finalmente dopo tanta attesa: FORZA NAPOLI!!! (e a carnevale ogni piatto vale).

Foto: repubblica.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui