Patente a punti per i locali di Torino. Chiudi prima se vai a zero

Tempo di lettura: 1 minuto

Torino inventa la movida a punti e scende in campo contro gli schiamazzi e le bevute notturne.

Nei locali dove a giorni partirà la sperimentazione, e cioè nella zona di Piazza Vittorio Veneto, i locali avranno in dotazione un bonus di 20 punti. Dovranno farne buon uso altrimenti scatterà la riduzione come sulla patente di guida. Sei punti verranno decurtati in caso di infrazione grave: eccesso di rumore e somministrazinoe di alcolici dopo le 3 di notte, mentre 2 punti verranno via se il locale lascerà rifiuti nelle vicinanze o in caso di carenze igieniche.

I locali che a seguito di queste decurtazioni scenderanno a zero punti, dovranno chiudere un’ora prima.

L’accordo è stato accettato da residenti, Comune e gestori di locali, ma potrebbe tradursi presto in un contratto scritto che vederebbe coinvolti i Vigili nei controlli e i residenti nel monitoraggio.

“Lo strumento del patto giuridico – spiega Giuliana Tedesco, assessore al Commercio di Torino – è previsto dal regolamento comunale ed è un punto di concertazione massima tra gestori di locali, cittadini e amministrazione. Il fatto che vi sia un patto fa sì che non sia l’amministrazione a imporre la chiusura anticipata ai locali, ma che siano loro stessi ad aver preso l’impegno a chiudere un’ora prima nel caso scendessero a zero punti”.

[Link: ilsecoloXIX.itLorenzop]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui