Alla grande festa popolare della pizza che è in corso di svolgimento a Nola, fa effetto la quantità di concorrenti accorsi per sottoporsi al voto delle giurie plurime in cui è apparso Gino Sorbillo che in questi giorni si è diviso a fette per coprire tutti gli eventi. Chiaro segnale di divismo da pizza.

Poi ci sono i giapponesi, con tanto di interprete per rispondere alle domande tecniche (in pratica tutti concorrono per la categoria STG e sono attentissimi alle spiegazioni dei loro errori). C’è anche un francese che in stile marsigliese si mette a cantare un motivetto di esaltazione dell’attività (nulla a che vedere con Paris s’éveille di Dutronc, ma fa molto pop).

Al momento della foto di gruppo ho chiesto loro di festeggiare in maniera assolutamente oltre le righe la partecipazione a questo campionato. C’è la fontana del Vulcano Buono, c’è l’acqua che va a nozze con la farina. Non ci hanno pensato due volte.

Riescono a divertirsi nonostante la posta in palio, lo percepisci, per loro è alta, altissima. Competono, ma sono uniti, nemmeno se fosse in palio un titolo a squadra. Napoli incontra Tutti (facile giocare).

E poi ci sono i ragazzini come Luigi Bartolo Gallo che a 14 anni è lì compito ed emozionato a stendere la sua pizza classica. Ha imparato nella pizzeria del padre, Giulio, che si chiama Pizza Speed a Paolisi in provincia di Benevento. Ha guardato il padre e dopo l’orario di pizzeria si è allenato al forno sfornando pizze per sorella e cuginetti.

Farà il pizzaiolo, dice, ma solo dopo aver frequentato il liceo scientifico. La madre subito sottolinea che potrebbe fare l’università invece di seguire le orme paterne.

Non so, l’avvio sembrerebbe promettente. Forse resterebbe sguarnita la parete senza la laurea incorniciata. Ma fare un pizza che supera l’esame dei gourmet potrebbe essere la chiave del successo (Gino Sorbillo insegna)?

6 Commenti

  1. Insegna a capire che cos’è la sovraesposizione mediatica, senz’altro (complice chi ne parla). Però, comme se dice: se si’ incudine statte e se si’ martiello, vatte…

    • Ciao Tullio, ma sei propio tu quello che stai in Venezuela? spero di si, ho provato a cercarti via web ma non ci sono riuscito, ho visto questo commento con una “s” e ho immaginato che eri tu, se sei tu, scrivimi a questa mail, ti devo parlare: faracecostruzioni@libero.it
      Ciao Antonello Farace.

  2. SEI UN GRANDE GIGI VAI COSI’ E’ STATO BELLO PASSARE UNA GIORNATA CON TE AL VULCANO BUONO HAI REGALATO EMOZIONI A TUTTI CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO PISCIONEEEEEEEEEE.

    Angelo e Caterina.

  3. Non sottovalutare mai la forza dei tuoi mezzi. Essere grande è una combinazione fra amore, speranza e fiducia nei propri mezzi, non è un semplice sentirsi bene ma è la convinzione profonda che allenando le proprie potenzialità si possono raggiungere traguardi straordinari.
    Bravissimo Luigi Bartolo Gallo

  4. Luigi, ricorda;…”El verdadero arte de la memoria……es la atencion…….., e ancora , ” Estudiad mas, no para saber mas , sino para saber mejor que los otros…………………………….,e vaaaaaaaiiiiiiiii sei graaaaaandeeeeeeee………:) 🙂 🙂 auguri, auguri , auguri e sopratutto ai tuoi mamma Anna e papa Giulio, bacioni a Martina
    ARRIVA PAOLISIIIIIII

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui