Sesso al ristorante. Chiedersi con Anna Falchi se farlo anche in bagno

Notizie

“Se mi vien voglia di far l’amore porto il mio uomo anche nel bagno del ristorante”. Parliamone. Anna Falchi ha un po’ di pancia causa gravidanza e ha deciso di saltare la prova bikini. Solo costume intero.

Ora, non vorrei trasformare questo blog in un contenitore di perversioni oltre a quelle che già trasudano abbondanti da queste pagine, ma qualche quesito me lo sono posto.

  1. Al ristorante la mia compagna va in bagno da sola e, suppongo, per effetti collaterali combinati di acqua (poca) e vino (molto).
  2. Le pulsioni istintuali che aleggiano sulla tavola comportano l’utilizzo esclusivo del cavo oro-faringeo e la soddisfazione si consuma in maniera praecox a livello papillare.
  3. Sto provando a compilare la classifica dei migliori bagni dove trovarsi in caso di voglie improvvise. C’è una guida in tal senso?
  4. Ritorno all’annosa questione dello scatenare passioni irrefrenabili: meglio ostriche o una cacio e pepe da urlo (o che ci mettereste)?
  5. Il vino è una componente fondamentale. Il primo che dice Passerina lo squalifico a vita. Io sarei per un woooooooowww intenso subito in apertura che mi faccia apparire agli occhi della mia dirimpettaia come un accenditore di sensazioni. O è meglio conservare il colpo in canna per la chiusura?
  6. Quali sono le accortezze che un ristoratore dovrebbe porre in essere per facilitare simili colpi di testa?

[Note per le donne navigatrici. Potete sostituire compagna con compagno e declinare al femminile inserendo il personaggio che più vi aggrada]

[Link: TMNews. Immagine: Vanity Fair]