Sagre. Provare il cibo e la storia Castrum Novum a Castelnuovo Cilento

Tempo di lettura: 1 minuto

L’appuntamento è giovane, seconda edizione, ma Castrum Novum promette bene. Più che una sagra, è una manifestazione di rievocazione storica che il Comune di Castelnuovo Cilento ha organizzato e che ha come scenografia il castello ristrutturato dal marchese Atenolfi negli anni Sessanta. Due serate, 25 e 26 agosto, scandite l’una dal corteo dei Cavalli e dei Cavalieri con la chiusura affidata alla Giostra del Carusiello e l’altra dalla rievocazione della Congiura dei Baroni contro Re Ferdinando I che vide nel Castello di Diano e nelle terre della Lucania dei Sanseverino scene e protagonisti.

Gaetano Stella e Matteo Salsano curano la regia e la direzione artistica delle due giornate e, a giudicare dalle foto (a proposito, se andate sul sito del Comune vedrete che è previsto anche un concorso fotografico Fotogrammi Medievali), lo spettacolo è assicurato.

Sul fronte gastronomico, siamo alla classica produzione di stand con prodotti e preparazioni locali.

  • Pizza fritta (speriamo sia quella buona)
  • Calzoni con verdure degli orti circostanti
  • Acquasale
  • Pane casareccio e biscottato nei forni a legna domestici
  • Melanzane in vari modi, soprattutto ‘mbuttunate
  • Mozzarella fatta a mano sul momento
  • Dolci
  • Menù a sorpresa dell’Ipsar Ancel Keys di Castelnuovo Cilento (l’anno scorso, pasta e fagioli, zuppa di cereali)

Ma, soprattutto, (e qui confesso il mio conflitto di interessi) ci sarà il miele di castagno del mio “trasportatore di mozzarella di bufala” e le marmellate della mia pusher Adele. Un motivo in più per andare ad assaggiare questo spettacolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui