Masterchef. Tiziana vince o esce per l’olio aggiunto #oilgate?

Tempo di lettura: 2 minuti

Tiziana Masterchef servizio

Masterchef funziona e piace. La sua formula un po’ sadica sta sbancando con 700 mila spettatori che pendono dalle labbra dei tre giudici cattivi i cui “eccessi” farebbero impallidire Anton Ego di Ratatouille. L’obiettivo è conquistare la celebrità con un assegno in tasca da 100 mila euro, un libro e la popolarità che ti permette di cambiare vita, aprire un ristorante, rendere concreta la passione per i fornelli. Farla diventare un’attività anche se molti chef hanno iniziato a storcere il naso. Diventare famosi prima di aver dimostrato di saper cucinare attraverso un percorso di studio e di sacrificio diventa pericoloso. Crea illusioni e false aspettative. Ma sono le regole dello star-chef system: se non parlano di te nemmeno esisti e con te il tuo ristorante.

In maniera analoga si sgomita nella cucina di Masterchef per mettersi in evidenza da subito. Lo hanno ben capito i protagonisti di questa seconda serie. Masterchef è un talent show, non un reality. E c’è bella differenza: non è in diretta, non si interagisce, si sa “già” chi è il vincitore, non è possibile modificare il percorso “già” scritto dagli autori.

Prendiamo, ad esempio, Tiziana, avvocato romano che ha quasi subito vinto il premio poca simpatia. Ha creato lo scandalo che è stato ribattezzato su twitter #oilgate. Nella puntata che ha visto l’esclusione di Suien e di Agnese “Tiziana è stata fuori legge (Bastianich dixit) per aver messo l’olio a prova finita sul suo Capitone con lenticchie croccanti” (cit.). Alzate le mani e state buoni e lei mette giù il filo d’olio che ha condannato Suien? I giudici chiudono un occhio: potrebbe mai un programma di “aspirational tv” come lo definisce lo scafatissimo Joe Bastianich, 5 edizioni da giudice, perdere il cattivo?

Le reazioni veridiciste della rete sono state immediate. Su twitter spunta l’hashtag #oilgate di @johnnypalomba e in molti si scatenano contro l’avvocata. Che viene ripreso e rilanciato dai media.

Mi manca solo un passaggio.

“Condanna ferma, tra il serio e il gioco virale, assolutamente sproporzionata e per questo esilarante al gesto dell’aspirante chef. Nei giorni successivi lo ”scandalo” non si è placato e si è anzi colorito di battute e tweet ironici. Fino a giovedì prossimo, quando scopriremo se i giudici prenderanno atto della mobilitazione online” [kataweb]

Ma come, mi chiedo: “già” sanno che ha vinto Tiziana e Ivan è arrivato solo alle finali?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui