sapori-al-femminile-a-Palazzo-Caracciolo-2

In soffitta odontoiatra e architetto. Eco-chef, food blogger, pasticcere, panettiere, cameriere e alchimista di campagna saranno i lavori più richiesti da qui al 2020. Il futuro è roseo per i mestieri del gusto e non bisogna aspettare che sia la scuola a dire ai figli quali saranno le professioni del futuro, ad orientarli, insomma. Al bando anche i soliti consigli ottocenteschi, figli di un mondo che non c’è più. Dimenticare veterinaria e medicina è un’altra indicazione che arriva dalla Fondazione Italia Orienta.

Vediamo in dettaglio la lista dei lavori da imparare.

  1. Green economy: grandi soddisfazioni all’orizzonte per eco auditor e eco-chef
  2. Cameriere, insieme a estetista e commesso, una dannazione per i datori lavoro. Sempre troppo pochi.
  3. Artigiano, in qualche caso un mestiere che non tramonta mai: il falegname in primis seguito da installatore di infissi, panettiere, pasticcere, sarto e cuoco.
  4. Agricoltura: spazio all’alchimista di campagna. Sotto la sua supervisione, e dall’incontro inedito di erbe, nascono nuovi distillati e liquori. E’ roseo il futuro anche del food blogger
  5. Informatico, continua la pacchia, soprattuto per le figure di project manager e per il web marketing
  6. Infermieri. Fra 7 anni ne occorreranno 266 mila unita’ in piu’.
  7. Chimici, Gia’ oggi trovano lavoro 8 giovani su 10 e il primo contratto (a tempo indeterminato!) arriva 2 mesi dopo la laurea.
  8. Ingegnere, il sogno di tutti padri. Vanno sempre forte l’ingegnere gestionale e il mecanico
  9. Laureato in Scienze motorie, ma non era una laurea inutile? Non secondo quanto risulta a Italia Orienta visto che gia’ oggi dopo un anno dalla laurea il lavoro arriva per il 78% dei giovani
  10. Dottore in economia e statistica. Più di 110 mila assunzioni all’orizzonte

Link: adnkronos.it