Roma. Guida al salone della birra artigianale EurHop e alle 10 birre da assaggiare

Roma sempre di più capitale della birra artigianale con EurHop. È il Salone Internazionale della Birra Artigianale che prova a bissare da venerdì a 18 a domenica 20 ottobre il successo di Fermentazioni spostando gli appassionati brassicoli da Officine Farneto al Salone delle Fontane, all’Eur. Si ricostituisce per questo EurHop il team composto da Ma che siete venuti a fà e Publigiovane Editore che nel 2011 si inventarono Un mare di birra, crociera birraria tra Roma e Barcellona. E, al solito, deus ex machina è Manuele Colonna.

[related_posts]

Le 200 birre di circa 40 birrifici presenti sono pronte all’assaggio. Il biglietto di ingresso costa 6 € (abbonamento a 15 € per i 3 giorni) comprensivi di bicchiere, taschina porta bicchiere e Guida alle Birre in degustazione. Poi bisogna cambiare i gettoni (1 gettone = 1 euro) secondo un sistema ormai rodato in questo genere di manifestazione. Sulla guida sono riportati i costi delle birre in degustazione che variano da 2 a 4 euro per mezzo bicchiere e da 4 a 6 euro per un bicchiere intero.

Birrifici e birre a EurHop

  1. Birra Amiata (Ryeccomi, Contessa, Aldobrandesca, Bastarda rossa, Marsilia, Beersmarck, Marruca, Suor Bastarda)
  2. Beer Here (Vinter Ale, Harwood, Morke, Nordic Rye, Angry Hops, Dead Cat, Farlingwine, Hopfix, Hoptilicus)
  3. Bi-Du (Rodersch, ArtigianAle, H10OP5, 3Dike, Black Mamba, SuperanAle)
  4. Birra del Borgo (Hoppycat, Bigbodyibu, My Antonia, Duchessa, Ducale, Camden versus Italy, Fumata nera, 16 gradi)
  5. Birra Perugia (Golden Ale, American Red Ale, Chocolate Porter, Barley Wine, Seven Hops, Cosmo Rosso)
  6. Birra Stavio (Teentrip, Dirty Arrogant, Altraloma, Don Zaucher, Brown Bunny, Abot, Birrozzo del Paino, Birrozzo del Grent)
  7. Birrificio del Ducato (Viaemilia, Victoria, Verdi Imperial Stout, Kiss me Lipsia, Vieille Ville Saison, Machete, Donkere Vader, Winterlude Donkere Vader, La Luna Rossa, Frambozschella)
  8. Birrificio dell’Aspide (Gairloch, Nirvana, Jurmanita, Cascade Armageddon)
  9. Birrificio Hibu (Entropia, Eil, Vaitrà, Thribu, Mood, Gotha, Tribeca)
  10. Birrificio Italiano (Tipopils, Bibock, B.I. Weizen, VùDù, Amber Shock, Nigredo)
  11. Birrificio Lambrate (Imperial Ghisa, Gaina, Ortiga, Ligera, Sant’Ambroeus, Robb de Matt, Domm, American Magut, Quarantott, Montestella, Ghisa)
  12. Birrificio Lariano (Miloud, Umbrìa, LaGrigna, Rango, New Age, Salada, Statale52, Tripè)
  13. Birrificio Pontino (Runner Ale, Olim Palus, Rose Mary’s Stout, Allaf Kölsch, Purple Ale, Go Black)
  14. Birrificio Rurale (Seta, Seta Special, Reset, Terzo Miglio, Blackout, Castigamatt)
  15. Brasserie Cantillon (Mamouche, Foufoune, Iris Grand Cru, Gueuze, Rosé de Gambrinus, Lambic, Cuvée St. Gilloise)
  16. Brasserie le Paradis (Veronique Lucienne, La Larme Blanche, Sylvie’Cious, Moeder Lambicus – collab. Cantillon per Moeder Lambic)
  17. Brewfist (24K, Burocracy, Spaceman, Green Petrol, Fear, X-Ray, Heimdall, Czech Norris, 2Late)
  18. Brouwerij Alvinne (Melchior, Melchior Monbazillac, Malaga Red, Pur Sang de Mortagne, Foederbier, Balthazar, Gaspar, Mano Negra)
  19. Cerevisia Vetus (BiBì, Viso Pallido, Legio XX)
  20. Croce di Malto (Hauria, Triticum, Acerbus, Triplexxx, Due Mondi, BJ)
  21. Crooked Stave (Vielle Artisanal, Surette Provision, St. Bretta, Hop Savant)
  22. De La Senne (Band of Brothers, Stouterik, Taras Boulba, Zinnebir, Jambe de Bois)
  23. De Struise (Imperialist, Ypres Reserva, Smonk, Shark Pants, Tsjeeses Reserva, Elliot, Pannepot, Pannepot Reserva, Black Berry Albert, Black Albert, Cuvée Delphine, Motuecha, Three, One, Rio Reserva)
  24. Extraomnes (Blond, Zest, Hopbloem, Tripel, Donker, Kerst Reserva 2013)
  25. Foglie d’Erba (Babél, Porter, A Freeweelin’ I.P.A., Cherry Lady, Hopfelia, Smokin’ Hops)
  26. Freigeist (Salzspeicher Cherry, Salzspeicher Raspberry, Biere de Vie, Year of the Dragon, It’s Still Weisse, Preussen Weisse, Geisterzug Gose Rhubarbed)
  27. Loverbeer (Madamin, D’uvaBeer, BeerBrugna, BeerBera, Dama Brun-a)
  28. Magic Rock (Carnival, Great Alphonso, High Wire, Dark Arts, Blueberry Ipa, Cannonball, Human Cannonball, Circus of Sour)
  29. Maltovivo (Noscia, Black Lizard, Fahrenheit 158, Memoriae ris. 2012)
  30. Marina Cervesa Artesana (Devil’s IPA, Summer Ale, Vinya Hop, Hop Attack)
  31. Menaresta (Bevera, 22 La Verguenza, 2 Di Picche, San Dalmazzo, Pan Negar, Dirk)
  32. Montegioco (Rurale, Draco, Bran, Fumigant, Tentatripel, Rat Fener)
  33. Pleine Lune (Aubeloun, Luni’on Jacques, Luna’Cious)
  34. Prairie (Standard, Wine Barrel Noir, Funky Galaxy, Bomb, Ale)
  35. Retorto (Teen Spirit, Latte Più, Morning Glory, Krakatoa, Daughter of Autumn, Black Lullaby)
  36. Siren Craft Brew (Undercurrent, Soundwave, Liquid Mistress, Broxen Dream, Half Mast, Neither)
  37. The Kernel Brewery (Table Beer, Pale Ale Citra Nugget, Pale Ale Waimea, Pale Ale Simcoe, Pale Ale Citra Galaxy Summit, IPA 4C, London Bryck Red Rye, Export India, Porter Columbus Chinook, Export India Porter Topaz Bramling Cross, Export Stout London 1890, Biere de Table BA, London Sour, Stout)
  38. Toccalmatto (Surfing Hop, Salty Angel, Sir Dagonet, Hops, Crime, Oceania, Grooving Hop)

La selezione è superiore a tutte le manifestazioni del settore che ho visitato fino ad ora. Ho il piacere di non trovare alcuni nomi che da altre parti sono presenza quasi fissa. Le degustazioni saranno guidate live su maxischermi da parte del massimo esperto italiano di birra, Lorenzo Dabove aka Kuaska. E nel frattempo, vi fornisco 2 liste. Una con 5 birre che conosco e certamente assaggerò di nuovo. L’altra con 5 birre che sono curioso di assaggiare. Che fate, condividete le scelte?

birraio fabbrica birra perugia

Birre italiane che vi obbligo consiglio di assaggiare, soprattutto ai neofiti.

  1. BdB Duchessa, Saison al Farro dei monti della Duchessa, forse un buon approccio al mondo artigianale, si capisce subito non stiamo parlando di Export Lager; ma non è traumatico.
  2. Birrificio italianoTipo Pils, l’ archetipo della Pils in Italia.
  3. LambrateDomm, una delle miglior Weiss italiane in assoluto.
  4. Birrificio PontinoAllaf Kölsch, non è uno stile che mi fa impazzire ma questa va bevuta, provata a Fermentazioni sotto indicazione del Mastro (Titta, ndr).
  5. Bi-Du ArtigianAle, perché una Bi-Du la dovete bere, e questa secondo me si presta a un palato novizio.

Birre italiane che son curioso di assaggiare.

  1. BdB Camden versus Italy, perché le novità di Borgorose le devo assaggiare, quello è DNA
  2. Stavio Don Zaucher, ne ho solo sentito e letto parlar bene, e a detta loro una delle migliori birre che abbiano prodotto
  3. Birrificio del Ducato Kiss Me Lipsia, ormai è una missione
  4. Lambrate American Magutt, già di suo un ottima Pils, sentiamo coi luppoli americani che esce.
  5. Lariano Rango, per le creazioni di Emanuele Longo vale la stessa motivazione di BdB, ma non è DNA, è fideiussione

A queste si aggiungeranno quanto più possibile assaggi di prodotti dal Belgio e dagli USA, e altre novità nostrane. Molta attesa per le nuove di Birra Perugia, vediamo se mi convinceranno come hanno fatto la Golden Ale (Oro all’European Beer Star 2013, ndr) e l’American Red Ale.

Ricordatevi che potrete mandare un tweet per dire qual è la birra che più vi ha colpito. E che fate, non partecipate?

EurHop. Salone delle Fontane, Eur, Roma.

Venerdì18 dalle 17,00 alle 3,00
Sabato 19 dalle 12,00 alle 2,00
Domenica20 dalle 12,00 alle 24,00

26 Commenti

      • sicuro che costa; è una pena constatare che l’imprenditoria italiana non riesce a trovare forme diverse dal biglietto d’ingresso per rientrare dei costi. Anche i banchetti alle sagre di paese costano …

    • Ammazza quanto rompete, pure per Fermentazioni a scassa’ la sacca con sta storia del biglietto.
      I servizi si pagano, e questa manifestazione come quella di Andrea Turco o come l’ IBF (che rimane quella meno affascinante a paragone) è un servizio, tutte queste primizie brassicole insieme dove e quando le trovi?
      Tanto lo spring festival a Testaccio col monoprezzo a 3€ (soluzione che apprezzai e lo scrissi) per una 0.25 effettiva il biglietto te lo spalmava su ogni bevuta.
      Ma tanto se non è l’ ingresso qualcuno si lamenta per il sistema a gettoni, di qualcosa qualcuno si deve sempre lamentare.

  1. mah, io non sprecherei gettoni per la TipoPils che troviamo sempre in lungo e in largo ovunque.
    Kiss Me Lipsia obbligo, come la Black Albert di Struise. Tutto Schigi per amore, tutto Montegioco, Olim Palus anche se già provata, Lambrate Gaina, Ortiga e Magut….

    troppe ce ne stanno. sarà triste doversi limitare.

  2. Evento imprescindibile con una grandissima offerta di birre, che spero sia accompagnata da cibo all’altezza….a proposito si sa qualcosa?

  3. grande evento non vedo l’ora…gran bella selezione con molte chicche..

    solo l evento dell anno scorso alla fiera di roma aveva una scelta migliore….

  4. Vi consiglio di tuffarvi sul banco di Struise, Cantillon (la mamouche) e crooked stave.. ancora birra del borgo gira… Kiss me Lipsia assaggiata.. fuori forma massima… e io penso che tra gli italiani il Ducato sta sopra metri agli altri. Se dovete buttarvi sulle Gose (stile che ora come ora sta facendo tendenza) provate prima quelle vere (Gasthaus per esempio)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui