Caffè-Gambrinus

Il caffè a Napoli è buono o non è buono? Le anticipazioni dell’inchiesta di Report sul mondo del caffè hanno sollevato un polverone.

Anzi hanno lasciato l’amaro in bocca. I napoletani si sono indistintamente incazzati neri, come il caffè, a sentire che quello di uno dei templi della città, il Gambrinus è una ciofeca.

E così, a seguito delle dichiarazioni diAndrej Godina relativamente alla qualità del caffè servito in alcuni bar della città di Napoli, SCAE (Speciality Coffee Association of Europe) ha diffuso una nota stampa per chiarire quello che è accaduto.

 “Le opinioni espresse dal Dott. Andrej Godina nella recente intervista apparsa sui media italiani sono strettamente personali e non rappresentative delle opinioni e dell’atteggiamento di SCAE nei confronti dei torrefattori, operatori di bar e baristi  italiani”.

Ok. Ora qualcuno potrà prendere la dichiarazione come una pilatesca lavata di mani.

Qualcun altro potrà fare dietrologia perché Andrej Godina voleva smontare il mito del caffè napoletano.

Qualcuno potrà discettare sull’utilizzo dell’acqua e dello zucchero o della tazzina calda.

Ma nessuno, dico nessuno, a Napoli potrà mettere in dubbio che il caffè migliore si beve a Napoli.

O no?

5 Commenti

  1. Il caffe’a Napoli ha la stessa valenza del miracolo di S.Gennaro. Si ama, non si discute. Inoltre ci sono bar e torrefazioni in provincia di Napoli e di Caserta, molto meno rinomati di questi ultimi, che offrono qualita’ eccellenti di caffe’il cuoi aroma ti abbraccia e ti segue per tutto il giorno. Scrivo da Oxford, MS (USA) e solo io posso sapere quanto pagherei per trovarmi a Napoli e gustare un caffe’ con le celeberrime “3 C”.

  2. Non prendete in considerazione la terza ipotesi?
    Cioè che Godina abbia ragione e che i caffè che lui ha assaggiato facciano effettivamente schifo? Non il caffè a Napoli in generale, ma quelli che ha assaggiato lui: c’è una bella differenza.
    Sarei comunque curioso di sapere il parere di un assaggiatore napoletano sui caffè serviti a Trieste.

  3. A Napoli è difficile (..ma non impossibile) bere una purga di caffè, un bar del genere non avrebbe clientela.

    Io vado spesso a Napoli e mi fermo in bar di ogni tipo e non sono mai rimasto deluso.

  4. Giulio ti rispondo io,napoletano DOC appena tornato da Trieste (che mi piace tanto per la cronaca) : avrò provato 5 caffè in bar diversi, credo abbastanza per capire il tipo di caffè che servono (dopo aver dovuto specificare in ogni bar che volevo un semplice espresso,e non altro,lì chiedere “un caffè” vuol dire tutto e niente) Ebbene,scusate ma non c’è proprio storia,ma di tanto eh….a Napoli è CENTO volte meglio. E’ caffè. A Trieste è un caffè europeo,tendente al lungo e meno intenso,la tazzina la riempiono fino all’orlo o quantomeno a metà,ed è già una tazzina grandicella in genere. Ora che il signore triestino abbia potuto assaggiare qualche caffè non buono a Napoli,ci sta,non è che tutti i bar lo facciamo buonissimo e perfetto,ma facendo un giro di 10 bar di Napoli, 5 rinomati e 5 a caso,si capisce SUBITO che il caffè napoletano è il migliore di gran lunga. Poi de gustibus,ovvio…..ma allo stesso tempo quando una cosa è buona,è buona

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui