147 Condivisioni

peperoncini

Sappiamo tutti che la Calabria è il regno del peperoncino, e se ci capitate, lo scoprirete sulla vostra pelle, ops, palato.

Forti e saporiti, ma anche belli da vedere e stuzzicanti da mangiare.

Già, oltre il peperoncino, cos’altro potete gustare da quelle parti? Ve lo dico io, reduce dalla piccante settimana calabrese, ricca di cibo, vino e storie.

1. Nduja

nduja

Innanzitutto, la nduja, la più nota specialità calabrese. E un salame spalmabile, morbido, saporito e piccantissimo, fatto di carne di maiale, poco grasso e tanto peperoncino. Ha una consistenza particolare che nemmeno dopo la stagionatura si indurisce. Inutile specificare che il suo tipico colore rosso è dovuto al peperoncino. Una curiosità: il nome “nduja” deriva dal francese “andouille” che significa appunto, salame o salsicciotto.

E attenzione a non sbagliare: si scrive nduja, non nduia!

Az. Leadercoop. Casabona (Kr)

2. Sardella

sardella

Dal nome potrebbe sembrare il pesce o il salume, e infatti, è una crema spalmabile, piccantissima, preparata con i pescetti di media taglia, peperoncino macinato e sale. La sardella calabrese, tipica della zona di Crotone, viene spesso chiamata “il caviale dei poveri”, “il caviale del sud” o “rosamarina”. Attenzione: la pesca di novellame è vietata dalle normative di UE per cui occhio alla sardella che acquistate.

Fontana Salvatore. Via Nazionale snc, 88812, Crucoli (KR)

3. Salame di suino nero di Calabria

salame_maiale_nero

Il maiale nero è una razza tipica calabrese, che a vederlo sembra più cinghiale che maiale, grazie al suo mantello nero e setole abbondanti. L’allevamento semi-brado e la lavorazione artigianale delle carni magre del nero di Calabria fanno si che i salumi hanno il sapore e il profumo particolarmente intensi.  Fino a pochi anni fa la razza era in pericolo di estinzione, ora, grazie al lavoro di recupero delle piccole aziende, possiamo stare tranquilli di gustare ancora il salame dolce o piccante di suino nero.

Az. Agr. Ferrari. C.da Monti, 87040, Altilia (CS) – tel 334 5639303

4. Caciocavallo Podolico

caciocavallo_podolico

Il caciocavallo podolico è prodotto con il latte di una razza delle vacche podoliche, solo in alcuni periodi dell’anno. Queste vacche, oltre che in Calabria, sono diffuse in Puglia, Abruzzo, Molise, Campania e Basilicata.  Il caciocavallo è il formaggio semiduro a pasta filata, è caratterizzato dal gusto dolce con i sentori di erbe selvatiche, e più viene stagionato (anche 5 anni), più è buono.

Una curiosità: la razza podolica ha origini ucraine, è stata introdotta sulla penisola durante le invasioni barbariche e dà il meglio laddove le altre razze soffrono, quindi, in condizioni di poca acqua e dei pascoli scarsi.

Az. Parilla Gastronomia, via Scalaretto 88811, Cirò Marina.

5. Pecorino Strongolese

pecorino_strongolese

Il pecorino Strongolese è prodotto con il miglior latte intero non pastorizzato di pecore che pascolano tra le pianure del litorale Ionico e le pendici dell’altopiano Silano. Intenso e aromatico, è il formaggio della serie “una fetta tira l’altra”. Si trova fresco e stagionato, si mangia a tavolo e si usa in cucina, ma dà sicuramente il meglio di se, stagionato 2-3 mesi e consumato al naturale, tra una chiacchiera e un bicchier di vino.

Az. Agr. Spina. loc. Mannico, Strongoli (Kr) –  tel. 0962.89424

Voi assaggiate altro se andate in Calabria oltre ai 10 migliori vini di questa regione?

147 Condivisioni