Patatine fritte. McDonald’s Italia rassicura: solo 8 ingredienti compreso un po’ di silicone

Tempo di lettura: 3 minuti

patatine McDonald's Italia

Siete rimasti sconvolti dal video che rivela i 14 ingredienti utilizzati da McDonald’s per le sue patatine fritte? Quelle in cui c’è anche un’aggiunta siliconica?

[related_posts]

Bene. Mai come in questi casi dobbiamo dichiarare Riceviamo e volentieri pubblichiamo la nota di precisazione dell’ufficio stampa di McDonald’s Italia. Che ci rincuora perché non usano 14 (o 19 con le ripetizioni) ingredienti. Ma solo 8 se . O-T-T-O (che con qualche ripetizione farà 10).

Mandate giù a memoria.

  • Patate intere (il primo che ride lo mando a cavare le patate con la zappa per vedere che a volte il taglio avviene nel campo) e a pasta bianca caratterizzate da tuberi allungati cioè sulla via di diventare bastoncini.
  • Destrosio (zucchero, la vita è già tanto salata e poi un po’ di doratura non si nega a nessuno)
  • Difosfato disodico (che fa il lavoro contrario al vostro olio abbronzante: evita “semplicemente” di far scurire le patatine)
  • Prefritte in olio vegetale mixato e non idrogenato (il James Bond dei tuberi). Fanno altri due ingredienti: colza e soia
  • Antischiumante (E900). Ok, siamo tranquilli: anche noi abbiamo il polidimetilsilossano, cioè il silicone che protegge le patatine dalle alte temperature
  • Surgelate così arrivano già tagliate in comodi sacchetti (ci mancava che fossero stati scomodi)
  • Fritte finalmente in olio vegetale (sempre lo stesso mix non idrogenato di girasole e colza)
  • Un po’ di sale ci va, c’è nella tabella acclusa.
  • E poi sono servite entro sette minuti dalla frittura.

Conclusione: le patatine McDonald’s Italia sono “un alimento vegetariano e privo di glutine”.

Patate-fritte-mcdonalds

Non so perché, ma non sono convinto della definitiva salubrità del prodotto finale e per farmi aiutare dai lettori metto qui la tabellina degli ingredienti e vi copio-incollo il comunicato che è un piacere pubblicare.

French Fries mac fries
Fried potatoes and deep frozen
Potatoes, vegetable oil (sunflower, rapeseed), dextrose, stabilizer: disodium diphosphate
Frying oil Vegetable oil (sunflower, rapeseed), antifoam (e900)
Iodized salt Iodized salt recrystallized.

A voi tutte le considerazioni sulle patatine fritte italiane.

Le nostre patatine provengono da patate intere; utilizziamo principalmente varietà di patate a pasta bianca, che hanno la consistenza ottimale per poi essere fritte e sono caratterizzate da tuberi allungati, perfetti per assumere la forma a bastoncino.
In aggiunta, la ricetta prevede destrosio, ovvero zucchero, e  difosfato disodico, uno stabilizzante che ha semplicemente il compito di evitare che le patate si scuriscano.
Durante la lavorazione, le patate vengono pre-fritte in un olio vegetale non idrogenato formato da olio di girasole e olio di colza al quale viene aggiunto un antischiumante (E900), e poi surgelate.
Le patate arrivano così nei nostri ristoranti già tagliate e surgelate in comodi sacchetti, pronte per essere fritte in olio vegetale.
L’olio, formato da oli non idrogenati di girasole e di colza, viene costantemente ripulito da eventuali residui e filtrato ogni giorno.
Un sistema computerizzato consente di monitorarne la qualità e verificarne il grado di usura in modo da cambiarlo tutte le volte che un apposito strumento elettronico chiamato testo, che rileva la presenza di sostanze polari, ce ne segnala la necessità.
Ogni volta che lo cambiamo, lo facciamo totalmente.

Una volta fritte, vengono servite entro sette minuti di modo da offrirle sempre calde e al massimo delle loro proprietà organolettiche.
Le patatine di McDonald’s sono quindi un alimento vegetariano e non contengono glutine.

PS. Il Fatto Alimentare invita a fare un confronto con altre patatine surgelate in vendita nei supermercati e ricorda che “probabilmente il record (degli ingredienti) spetta alle Pringles che pur essendo leggermente diverse dalle altre patatine fritte nell’elenco degli ingredienti riportano un elenco variabile da 19 a 30 nomi”

15 Commenti

  1. Colza o canola?
    Perchè l’olio di colza standard se non erro contiene livelli molto alti di acido erucico, per nulla salutare, anzi.
    Correggetemi se sbaglio.

    • credo che sull’olio di colza ci sia una stretta regolamentazione proprio per il motivo da te ricordato, penso si tratti quindi di canola

      io comunque a scanso di equivoci il pdms non lo ingerirei, protegge dalle alte T ma fino ad un certo punto, oltre i 250 se non sbaglio si deteriora esposto all’atmosfera

  2. Le Pringles non sono patatine fritte.

    E comunque otto ingrediente non sono nulla se paragonati a qualsiasi merendina che diamo tutti i giorni ai bambini…

    • Le Pringles non sono patatine fritte, è un pastone di farina di grano, mais, riso e latte/panna in polvere. Di patata c’è solo in 17% composta da farina di patate disidratate.

  3. Adoro, e quando possi, vado nei migliori ristoranti celebrati da questo sito…ma come diceva una famosa battuta di un vecchio film di Eddie Murphy (Il principe cerca moglie): “io le patatine le preferisco da MacDonald’s”…

  4. Comunque contandoli sono 7:

    1Potatoes
    2-3vegetable oil (sunflower, rapeseed),
    4 dextrose,
    5 stabilizer: disodium diphosphate
    6 antifoam (e900)
    7 Iodized salt
    Tra un pò qualcuno si lamenterà che è impossibile fare bene le patate con così pochi ingredienti

      • “Silicon” in inglese è sia silicio(l’elemento chimico) che Silicone(polimero) come viene spesso erroneamente tradotto.

        http://it.wikipedia.org/wiki/Siliconi

        “Traduzione corretta dell’inglese silicon
        Non di rado la parola inglese silicon viene resa in italiano con “silicone”: questa traduzione è del tutto errata, silicon infatti significa “silicio”. In inglese il silicone è chiamato silicone, con scrittura identica a quella italiana. Nella pronuncia cambiano i due accenti; [ˈsiʰlikən] per silicio (elemento) e [ˈsiliˌkʰəʊn] per silicone (polimero).”

        Il componente citato da Mc Donald è un polimero organico alimentare usato da molte aziende.

        http://trashfood.com/2013/03/25/e-900-passami-il-dimetilpolisilossano/

        • Il silicone antischiumogeno oltre che in bevande istantanee come questa della Unilever e bevande destinate ai distributori automatici self-service, viene impiegato nella composizione di alcuni oli vegetali per friggere.
          SILICONE ANTISCHIUMOGENO…. decidetevi

  5. Ma le patatine fritte ( correggetemi se ergo ) non sono fatte solo con : patate, sale e olio di frittura?
    E poi si vede che questo derivato del silicone ci vuole e sono assicurato dai contitui controlli di qualità al McDonald’s. …e comunque sono buone!xD

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui