pollo colore carne

“Questo è pollo da mangiare…”

E ancora, “il colore della carne” (sottinteso, del pollo)

È sempre lei, la divoratrice di polli di Facebook, a gettare il sasso nello stagno.

Dopo il pollo a 1,95 € al chilo che forse assomiglia di più a “merda compattata e sagomata”, secondo la definizione di uno dei commentatori del post, arriviamo a “Ok, il prezzo del pollo intero è giusto”.

pollo intero prezzo giusto

Che sarebbe 12,50 € al chilogrammo.

Per cui un pollo testa&zampe Noi e la Natura in vendita dal mitico macellaio Roberto Liberati (Via Flavio Stilicone, 278/280/282, 00175 Roma. Tel. +39 06 7154 4153) viene a costare la bellezza di 41,73 €. Ma sono sempre 3,338 kg sulla bilancia.

Comprensivo, ovviamente della testa e delle zampe che andranno utilizzate. Niente scarti.

Ma qualche domanda forse possiamo porcela.

Anzi basta riportare i commenti che accompagnano le foto.

colore carne pollo

“Non è per tutte le tasche”

“Si mangia una volta al mese”

“Non esiste una via di mezzo”.

“3,3 kg di pollo… considera 2,5 kg con lo scarto sono 5 porzioni belle grandi! 12.50 al kg ci stanno come prezzo!”

Insomma, ripartiamo da dove eravamo rimasti all’inizio della settimana.

Con l’osservazione di Giuseppe: “Io ho comprato, anche se non del tutto consapevolmente, dei petti di pollo bio a 29 €/kg in una nota macelleria romana al tuscolano… Per dire che esiste anche l’eccesso opposto…” (e non vorrei dirlo, ma Liberati è al Tuscolano)

Possibile che per mangiare un pollo come si deve sia necessario aprire un mutuo?

Possibile che mezzo mondo ci dica che per stare meglio dobbiamo consumare soprattutto carne bianca e quindi pollo?

Ci deve essere una forte lontananza di vedute tra nutrizionisti, GDO e prezzo del pollo come si deve.

Qualche risposta mentre guardate il video per capire cosa significa carne per Liberati?

Non vi nascondete dietro l’ovvia affermazione che la qualità si paga. Perché qui non è in dubbio che il pollo in questione sia eccezionale. Ma capire se è vero che “In medio stat virtus” equivale a mangiare il pollo una volta al mese.

24 Commenti

  1. C’è poca chiarezza nel far comprendere i fatti.
    C’è poca chiarezza nel formulare le domande.
    Quindi non so bene cosa chiede l’articolista.
    Al quale dico: ma li conosci i polli ruspanti?
    Lo sai che ci sono diverse razze?
    Lo sai che il colore della carne cambia
    molto in base alla razza, oltre che al tipo di allevamento ?

    Detto questo, cerco di mettere un po’ di ordine:
    1 Il pollo-mer.. era quello a 4 euro al kg(in offerta alla metà)
    2 La fascia economica della GDO firmata(grossi produttori nazionali)
    è intorno ai 5 euro
    3 il pollo dell’articolo è a 12,50 al kg(tolto testa e zampe qualcosa in più
    Tra il punto 2 e 3 esistono, se non sbagli, nella GDO(ed in macelleria) altre due fasce di prodotto e prezzo: es. Campese e Ruspantino.

    Ora cosa chiede PRECISAMENTE l’articolo?
    Se il pollo n1 è davvero mer..?
    Qual’è il miglior rapporto qualità/prezzo delle 5 fasce di prodotto/prezzo?
    Il pollo dell’articolo, sicuramente, è il migliore dei polli delle 5 fasce da me descritte.Sicuramente deve costare di più.Ho cercato di informarmi sul sito dei produttori, ma non mettono i prezzi, per fare una valutazione più attenta del rapporto qualità/prezzo.Avrei voluto maggior informazioni sul numero di giorni di allevamento: è un parametro importantissimo per valutare il prezzo e…quindi…il rapporto qualità/prezzo.Informatevi e fatecelo sapere.Non affidatevi soltanto alle CHIACCHIERE di un macellaio con battute da basso macello.
    ..
    Posso solo concludere così:
    il pollo ruspante vero al 100% è solo quello di autoproduzione.
    Chi vende ha altre logiche: questo non significa che non possa produrre qualità ma solo l’autoproduzione dà la garanzia totale.

    • La domanda è nel titolo. In aggiunta, c’è una via di mezzo?
      Per me il pollo migliore è di chi lo sa allevare bene. L’autoproduzione non è un valore assoluto.

    • Io allevo polli per conto mio, vivono all’aria aperta, aggiungo che dal momento della schiusa delle uova al pollo pronto passano 5/6 mesi, il tempo che perdo per loro mi fa pensare che non ci sia un prezzo giusto e onesto allo stesso tempo, questo per dire che se conoscete un contadino allevatore andate da lui o meglio se avete un campo il tempo e la possibilità allevateli sono buonissimi…..

  2. Ci vuole un bel coraggio (o il portafoglio altrui …) per pagare del petto di pollo a 60.000 lire al kg.
    Ma era il figlio della gallina dalle uova d’oro ? (per chi lo vende, ovviamente)
    Comunque da un pollo di 3 e rotti kg ci fai ben piu’ di 5 porzioni …
    Ci puoi fare il “piatto della festa” per una decina di commensali.
    Per quanto non pochi, soprattutto i bambini, in genere NON apprezzano il “vero pollo” abituati a consistenza e sapore di quello industriale 🙂

    • Guarda io i polli non li vendo, ma se dovessi pensare a quello che spendo ,dovrei venderli a 50 al kg ;dopo questo passo la parola a chi parla giusto per parlare

      • certamente…se mettiamo in conto tutto quello che noi allevatori famigliari sappiamo servire per ottenere la qualità da portare sulla nostra tavola….non hai detto un’eresia..

      • Condivido pienamente con te….allevo anch’io polli per fabbisogno famigliare e confermo che tanta gente si riempie la bocca senza sapere esattamente quello che sta dicendo. Ai lor signori suggerirei di provare un allevamento a terra di tipo famigliare, con tutte le incombenze e problematiche correlate, per vedere se dopo il “periodo di prova” ancora si sciacquano la bocca con dei spropositi…..

  3. Non compro e non mangio pollo al supermercato, lo prendo solo per il cane, la parte inferiore, cosce e sovracosce la trovo nei supermercati vicino casa intorno ai 3 euro al kilo o poco piu.
    Prendo il pollo per me da contadini che conosco, liberi, all’aperto, alimentati a grano, orzo mai e scarti freschi di vegetali, mi chiedono dagli 8 ai 10 euro al kilo, e so che è un prezzo equo.

  4. volevo fare alcune considerazioni:
    Un pollo “industriale” maschio ha circa 50/55 giorni di età, pesa 3kg e costa 5€
    Un pollo a crescita naturale per arrivare a 3kg ha bisogno di circa 150 giorni e costa, come vediamo sullo scontrino, 12,50€
    Quindi nel tempo in cui il pollo naturale finisce il suo ciclo l’industriale ne ha fatti tre.
    Conclusione il pollo a crescita naturale dovrebbe costare, per logica, tre volte di più rispetto a quello industriale

    • mi permetto molto gentilmente farti notare che hai dimenticato di mettere in conto che mangi carne senza prodotti chimici e farmaci, inoltre il pollo a “crescita naturale” come da scontrino, è definito tale perchè non allevato in gabbie ma a terra, questo non significa che non abbia mai mangiato mangimi anabolizzanti e non sia mai stato “siringato” per accrescerne il volume e il peso…

  5. Buongiorno a tutti! Io allevo polli per me e amici, zero mangime solo grano erba ecc… Vero biologico, prezzo di vendita euro11 al kg, mesi di allevamento per polli da arrosto 6 mesi peso dai 3kg ai 4kg,gallina per lesso euro 11kg allevamento 12 mesi.
    Ormai nessuno più guarda la qualità solo il prezzo, noi piccoli allevatori di vere bontà siamo sempre troppo cari,però la gente deve capire che da noi crescono in modo naturale con i mangimi in meno di metà tempo si macella,ma cosa si mangia?.. Un prodotto chimico da laboratorio
    Saluti simone

  6. allevo polli a terra che mangiano solo i prodotti dalla natura, per fabbisogno famigliare, occasionalmente ne vendo a conoscenti… pollo vivo (si arrangia l’acquirente alla macellazione) euro 15 al kg….gli acquirenti tornano sempre da me, se non ho disponibilità, si prenotano lasciandomi addirittura la caparra ! lavoro onestamente e raccolgo gratifiche sui risultati ! posso concludere che euro 15 al kg sia un prezzo adeguato alla qualità che offro, date le richieste e i risultati…

  7. Va di moda ora parlare di “allevato a terra” e spesso si fa confusione pensando che sia un sinonimo di “allevato all’aperto”. Nulla di piu’ sbagliato! Quando si parla di “allevate a terra” si indica semplicemente che gli animali non sono tenuti in gabbia ma poggiano su un pavimento: sono comunque allevati all’interno di grandi capannoni industriali e non sono previsti pascoli esterni.

    Le tecniche di allevamento si distinguono infatti:

    -in gabbia: tanti capi per mq; gli animali passano la loro vita produttiva all’interno di gabbie che vengono distribuite nei capannoni con piu’ piani. Luce e ventilazione sono artificiali. Solitamente e’ una pratica usata solo per la produzione di uova.

    -a terra: tanti capi per mq; gli animali passano la loro vita all’interno di capannoni chiusi. Solitamente si usa sia per la produzione di uova che per la carne. L’allevamento a terra puo’ essere anche “intensivo” quando raggiunge gli standard industriali con l’uso di luci artificiali (sempre accese per invogliare il pollo a mangiare continuamente), alimentazione spinta (molto carica), ventilazione forzata (viene regolata con dei ventilatori).

    –all’aperto: pochi capi per mq. Gli animali vivono in capannoni che dispongono di un pascolo esterno e possono razzolare a piacimento.

    –biologico:pochi capi per mq. Gli animali vivono in capannoni che dispongono di un pascolo esterno e possono razzolare a piacimento. L’alimentazione prevede solo alimenti certificati come biologici.

  8. Allevo polli conigli,vitelli senza mangime la differenza è abissale,li servo nel mio agriturismo e li vendo macellati.piacciono tanto a tutti,ma solo il 10,%delle persone capisce la differenza ,trovando buona sia la carne allevata a mangime che la mia.

  9. Salve,
    anche io allevo pollame per la casa e solamente per gli stretti familiari,
    i miei polli crescono a terra, all’aperto, allo stato più naturale che io possa garantire loro, nascono da chiocce che se ne prendono cura dal primo giorno di cova sino ai 40 e più giorni dopo la schiusa, appena nati già corrono per il campo sotto l’occhio vigile della chioccia stessa che cerca di proteggerli da cornacchie falchi e gazze, cercando di insegnare loro quali siano i primi bocconi più salutari ed energetici, integro il loro pascolo con granaglie, (che all’acquisto il venditore mi garantisce siano tutte NO OGM), i miei polli,(a seconda delle razze), impiegano mediamente dai 150 ai 180 giorni per raggiungere un’età macellabile.
    Dopo tutta questa premessa e aggiungendo che spesso volpe e rapaci fanno razia come natura detta ed insegna posso certamente confermare che se volessimo vendere un buon pollo dei nostri non basterebbero 15 Euro al kilogrammo,(a conti fatti a tavolino e sulla base di un anno di contabilità basata sui soli costi di grano/orzo/sorgo/mais che dò loro ad integrazione delle erbe che si procurano da soli***escluso quindi la mia manodopera e sacrifici per la pulizia del loro ricovero, l’impossibiltà di allontanarmi in vacanze per la necessità di badare loro, ed escluso le perdite dovute agli attacchi dei predatori).
    Saluto a tutti, sopratutto ai colleghi amanti e rispettosi delle vecchie tradizioni e della salute e benessere dei propri “clienti” quando ve ne siano.

  10. Ma è possibile fare un conto dettagliato dei vari costi che fanno il prezzo finale?

    Es. Costo del pulcino, costo mangime, etc.

    ?

    In 180 gg. Quanto mangime si pappa un pollo da carne a lento accrescimento ?

  11. Salve a tutti. Noi abitiamo in campagna a Palombara Sabina (RM) e da un paio d’anni alleviamo polli e conigli per lo stretto uso familiare (almeno sappiamo quello che mangiamo); dallo scorso anno viste le richieste da parte di qualche amico e familiare che li hanno assaggiati da noi, abbiamo inziato a vendere il surplus a 10 euro/kg e già avevo dei dubbi in merito agli sforzi ed ai costi di mantenimento; leggendo l’articolo ed i commenti relativi, trovo una risposta ai miei dubbi, ovvero che chiedere euro 15/kg sia il prezzo equo, altrimenti chi vuole mangiare pollo e spendere 5 euro/kg ne trova senza problemi al supermercato.

  12. Il mio è un pollo d’erba che pascola e mangia quello che vuole, pesa ca tre kg dopo 7/8 mesi. un animale vero come dovrebbe essere allevato. a che prezzo lo dovrei vendere? Lo vendo a 8,50 euro kg eppure c’è gente che osa dire che è caro.
    Il problema è che si fa sempre il paragone con gli allevamenti a terra dei grandi allevatori per i supermercati

  13. Salute a tutti,
    per diletto allevo alla vecchia maniera ed in modo completamente salutare polli e galline ovaiole, … chiaramente si tratta di un piccolo allevamento molto molto amatoriale.
    I miei polli crescono liberi nell’ettaro di terreno recintato a loro disposizione sperando di poter iniziare piano piano una nuova attività che consentisse di autofinanziare questa mia passione grazie alla vendita ogni tanto di qualche capo giunto alla maturità per la macellazione: beh purtroppo l’impresa è fallimentare, i miei polli impiegano 6/7 mesi a crescere e quindi effettivamente dovrei chiedere almeno 15 euro al kg per rientrare delle spese, senza contare la mia manodopera (e di mia moglie !!!!)…
    …. riesco a vendere qualche pollo a 13.50 euro al kg mentre le uova vanno a ruba a 70centesimi l’uno …
    … credetemi, alla fine della fiera ho deciso di non vendere più i polli ma al limite regalare quelli in eccesso (quando ce ne siano alla famiglia) ed agli amici più cari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui