pizza unesco

La pizza ce l’ha fatta. La commissione italiana dell’Unesco ha dato il via libera: l’arte della pizza e i pizzaioli saranno i rappresentanti dell’Italia alla candidatura come bene del Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

pizzaioli Oliva Sorbillo Civitiello

Le 300 mila firme raccolte dal comitato guidato dalla Fondazione Univerde di Alfonso Pecoraro Scanio insieme all’APN di Sergio Miccù, Rossopomodoro, Molino Caputo, Coldiretti e il sostegno di tanti come Scatti di Gusto e i pizzaioli “portabandiera” Ciro Oliva, Gino Sorbillo e Davide Civitiello hanno sortito l’effetto sperato.

image

#pizzaunesco è una realtà.

Ora inizia la cavalcata più difficile ed entusiasmante: convincere l’Unesco che l’arte della pizza è patrimonio dell’Umanità.

La decisione dovranno prenderla a Parigi e fino ad allora potremo contare sulla cassa di risonanza dell’Expo.

Ma oggi è giorno di festa: si brinda alla pizza e ai suoi artigiani che provano a volare ancora più in alto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui