Rome. View from Monte Testaccio, engraved by J. Byrne published 1819 by Joseph Mallord William Turner 1775-1851

Siete alla ricerca della cucina tradizionale nella città che state visitando per la prima volta?

Mi hanno chiesto di scegliere un ristorante a Roma, città che è soprattutto citata per la carbonara, ma che ha alcune osterie da segnalare anche se non hanno conquistato la chiocciola Slow Food.

Per fare respirare un po’ di aria romana, io ho scelto Testaccio e due osterie: Felice al Testaccio e Flavio al Velavevodetto.

Sono andata a assaggiarli di nuovo prima di portare i miei ospiti.

Felice al Testaccio

Felice al Testaccio

E’ difficile improvvisare una cena da Felice che è sempre pieno, bisogna prenotare qualche giorno prima, ma è un po’ più facile andarci a pranzo. Come ho fatto io.

Conoscendo bene i suoi classici quali alici fritte, cacio e pepe (sempre straordinaria), ravioli al pomodoro e basilico o polpette al sugo, è bello anche cambiare.

fritatata-zucchine

E allora scelgo un antipasto assolutamente casalingo: una  frittata di zucchine, un po’ sciapetta ma abbondante.

spaghetti-alici-pecorino

Poi tocca al tonnarello con alici, pomodoro e pecorino. Eccellente.

filetti-baccala-felice

Non riesco dal trattenermi da un altro classico: il filetto di baccalà in pastella, croccante e godurioso.

A questo punto niente dolci per me, anche se vedo passare i tiramisù al bicchiere, la millefoglie e la torta pere e ricotta di Sal de Riso.

Il conto? Niente paura, 3 portate a 35 euro, con pane, acqua e servizio, ma senza il vino.

Felice al Testaccio. Via Mastro Giorgio, 29. Roma. Tel. +39 065746800

Flavio al Velavevodetto

Flavio-velavevodetto

La sera scelgo Flavio, penso al quinto quarto e a una bella bottiglia di vino. Il bello di questo locale sono le pareti. Da una parte, attraverso le vetrate, si vede la parete interna del Monte dei Cocci. Le altre invece, sono tappezzate dalle foto di piatti che escono dalla cucina dell’osteria. Come resistere?

La carta di vini non c’è: qui funziona come all’enoteca, si sceglie il vino direttamente dagli scaffali.

nervetticacio e pepe pastacoda-alla-vaccinara

Scegliamo dal menù i classici della tradizione romana.

Per iniziare un’ insalata di nervetti  (altrimenti introvabile), da dividere in due; poi una cacio e pepe (ricca e lussuriosa) e la coda alla vaccinara, tenerissima, “da tagliare con un grissino”.

Niente dolci nemmeno stavolta, colpa delle porzioni abbondanti,  anche se un piattino di ciambelline al vino avrebbe  il suo perché.

Il conto è 58 euro in due, con il vino.

Flavio al Velavevodetto. Via di Monte Testaccio 97. Tel. +39 06.5744194

Non so proprio chi scegliere per iniziare con i miei ospiti stranieri. Voi da chi andreste? Anche oltre Flavio e Felice, sia chiaro.

[Immagini: Tate, iPhone Giulia Nekorkina, Facebook]