Varese. Apre Zona Franca, cucina con semi antichi

Tempo di lettura: 2 minuti

(null)

Domenica 13 settembre, alle ore 18.00 in Via Severo Piatti 9, a Varese apre Zona Franca.

Non un semplice ristorante ma un luogo di condivisione e smercio.  Un take away che è anche un luogo di produzione e diffusione virale tra cibo, arte, economia e cultura. Come servizio diurno di ristorazione take away, Zona Franca produce pasti basati sul recupero e l’autoproduzione di semi antichi, sulla biodiversità e sul rispetto di regole etiche e naturali della produzione agricola.

Oggi e domani, in Largo Forzinetti, in pieno centro di Varese, sarà animato dalle 18 alle 20 da un’azione di guerrilla fooding, mentre domenica in Via Severo Piatti verrà regalato un sacchettino di semi tradizionali, fino ad esaurimento scorte.

Il regalo dei semi simboleggia la riproduzione di un patrimonio clandestino da preservare, condividere e riprodurre.

 

Tra gli ingredienti utilizzati per preparare zuppe, dolci, salse e pane artigianale ci sono ortaggi, legumi, frutti e cereali germogliati da semi antichi, forniti da produttori indipendenti.

Uno dei motivi del loro uso in Zona Franca sta nella volontà di sensibilizzare le persone al loro impiego comune. Il cibo cucinato è in larga percentuale prodotto a partire da semi antichi non registrati al catalogo ufficiale europeo. La percentuale di ingredienti coltivati con semi antichi è indicata per ogni piatto.

Un patrimonio comune che in passato è stato condiviso e diffuso in modo libero e informale e che le normative europee hanno reso spesso illegale. Giocando in una zona d’ombra della normativa, Zona Franca  riattualizza questo patrimonio, lo porta nelle nostre vite quotidiane e lo reinserisce nelle maglie del mercato, creando ristorazione ed economia legale a partire dai semi clandestini.

 

Una cucina che diventa pretesto di performance artistiche (dietro Zona Franca c’è Franca Formenti che spesso collabora con Scatti di Gusto) e di condivisione. Basta chiedere e Zona Franca ospiterà gratuitamente e senza nessuna pretesa sui ricavi, espositori di oggetti usati e di piccolo artigianato artistico.

 

Zona Franca è parte di Foodpower, un percorso di ricerca sui cambiamenti della società contemporanea letti attraverso il cibo ispirato da uno studioso e intellettuale mai dimenticato e tuttora sempre stimolante come Antonio Caronia.

Zona Franca. Via Severo Piatti, 9. Varese. Tel. + 340 6793582

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui