Delì Cucina & Bottega a Roma è un piccola perla che brilla di luce propria da appena quattro mesi, in uno dei pittoreschi vicoli di Trastevere a pochi passi dall’affollatissima Piazza Trilussa.

A rianimare questo locale, spento dalla vecchia gestione, ci pensano due amici, Gianluca e Antonello che, in poche settimane, con telefonate veloci e fulminei scambi di idee, hanno dato vita a un sogno, inaspettato, desiderato e difficile da raggiungere.

Riunendo le loro passate avventure sono riusciti ad organizzarsi e a dividere il locale in due anime: la cucina, che spetta ad Antonello, narratore di esperienze vissute alla Barrique e alla Champagneria Remigio; la bottega, che è affare di Gianluca, il “front of the house” che con un sorriso e un piccolo gesto mette subito i clienti a proprio agio.

Entrambi stanno portando avanti una vera rivoluzione opponendosi all’idea che la pausa-pranzo debba essere considerata un momento di stress, attrezzato alla meno peggio e risolto con un panino al prosciutto del supermercato.

Pranzare bene e in modo sano, semplice e gustoso, con panini, insalate e torte rustiche di buona fattura non è un crimine, né per il corpo, né per il portafoglio, anzi.

E dunque, sulla loro lavagna, si possono trovare panini “classici” con prosciutto cotto, fiordilatte e chutney di mango, o più cervellotici e intriganti con pollo thai marinato nello za’atar ( mix libanese di erbe aromatiche tipicamente usato per condire pani e focacce), cotto a bassa temperatura e condito con yogurt&tahina, coriandolo, peperoncino e lime. Questo ripieno è traducibile in insalata!

Ebbene sì, oltre agli onnipresenti panini ci sono anche le insalate, dalla caesar al cous cous, passando per quella col salmone affumicato.

Antonello, il cuoco, ama viaggiare per i sapori di tutto il mondo: guarda all’America per l’hamburger e il pastrami, sandwich di derivazione newyorkese; all’Asia per il pollo thai e il chutney di mango; al Medio Oriente per la tahina e lo stesso za’atar.

Il menu è, come la loro mente, in continua metamorfosi.

Quando sono andata da loro sulla lavagna era segnato uno strepitoso panino con gamberi, cotti sottovuoto con succo e scorza di lime, coleslaw a base di cavolo cappuccio, carote, yogurt e maionese (8 €).

È raro trovare un panino a base di gamberi rossi, e non gamberetti.

In ogni paninoteca figurano panini e tramezzini al tonno, alle acciughe e al salmone affumicato, ma mai nessuna osa proporre qualcosa a base di pesce spada, rana pescatrice o gamberi freschi, soprattutto per il prezzo della materia prima.

Incuriosita dalla loro scelta audace e spinta dagli stessi proprietari ho provato la novità… estasi pura.

Avendo scelto i bottoncini ho potuto provare più ripieni, uno migliore dell’altro.

Non posso fare a meno di consigliarvi quello vegetariano con melanzane al forno, zucchine alla scapece e pomodori confit in cui il succo rilasciato dalle verdure, lievemente acido per l’utilizzo dell’aceto di lamponi e piacevolmente aromatico per la presenza della salvia si amalgama e si marmorizza nella crema di caprino alla base del dischetto di pane.

Oltre al pranzo è divertente e dinamica la loro proposta per l’aperitivo che include le tapas, assaggini ad un prezzo inferiore.

Seduti al bancone, sfogliando un ricettario scelto dalla piccola libreria e sorseggiando un buon bicchiere di vino fra l’edera infestante di Trastevere si trova la pace e il riposo.

Delì Cucina & Bottega. Vicolo del Bologna, 19. Roma. Tel. +39 06.94376470

[Francesca Feresin]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui