Mi Garba è una trattoria che ha aperto a Milano (lo so, non ci credo nemmeno io, non riesco più a starci dietro, signora mia dove andremo a finire), nei locali in cui era prevista l’apertura di un altro Sciatt à Porter più grande e più “ristorante” del locale attuale, che è lì di fianco.

Mi Garbaè un format che nasce nel 2014 a New York “con l’intento di esportare la cultura enogastronomica toscana in Italia e nel resto del mondo.”

Lodevole idea, curioso l’itinerario Toscana-States-Milano. Ben pensato il logo, con il nome Mi Garba (mi piace, mi aggrada), il motto “C’è la Toscana dentro”, e la sagoma del cipresso, albero-simbolo o quasi della regione (sì, mi ricordo ancora a memoria i primi versi di Davanti San Guido di Giosuè Carducci – no, fidatevi: non li trascrivo).

L’ambiente, grande e articolato, con un piccolo soppalco, è tutto sui toni del legno scuro e del rosso antico. Sembra che il legno vada molto nelle nuove aperture: lo troviamo ad esempio da ToscaNino, altro locale toscano, aperto da qualche mese in Porta Venezia. I complementi d’arredo provengono da aziende artigianali toscane.

Anche il menu è, abbastanza ovviamente, toscano. Ed è anche un menu molto raccontato, i piatti sono descritti con cura e attenzione, e alcune ricette sono anche appese in giro per il locale. In realtà, il menu racconta anche particolari dei piatti e degli ingredienti, citando ad esempio il Giornalino di Gian Burrasca di Vamba per introdurre la pappa co’ i pomodoro, piatto peraltro toscano che più toscano non si può. Ogni volta che lo leggo in un menu, inizia a girarmi in testa la canzone di Rita Pavone – e questo mi rende felice.

Come mi rende felice, in generale, la cucina toscana, che in questo menu ritroviamo pressoché per intero. Dagli aperitivi (taglieri e calice di vino a 10 €) agli antipasti (3 € la fettunta, ovvero la bruschetta toscana, taglieri da 6 a 14 €), ai primi: le zuppe (la ribollita, le zuppe di farro e orzo, pasta e fagioli e pasta e ceci a 7,50 €), i piatti di pasta (pici cacio e pepe, tortelli mugellani) a 8,50 €.

Tra i secondi, trippa alla fiorentina (13 €), seppie in zimino e cinghiale in umido (15 €).

E le schiacciate (la versione toscana della focaccia) a 5,50 €. Mentre fra i dolci (5,50 €) non mancano i cantucci col vinsanto.

Insomma, un viaggio per scoprire quanto ci garba pure a noi, la cucina toscana.

Mi Garba. Viale Monte Grappa, 18. 20124 Milano. Tel. +39 0229062931.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui