Riaperture. La Regione Emilia Romagna pubblica le sue regole favorevoli

La Regione Emilia Romagna ha preparato le linee guida per consentire la riapertura di ristoranti, bar, pizzerie, piadinerie lunedì 18 maggio

Sono pronte le linee guida, valide su tutto il territorio dell’Emilia-Romagna, per consentire la riapertura, lunedì 18 maggio, degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività di asporto e consumo sul posto come ristoranti, bar, pizzerie, piadinerie, paninoteche, chioschi.

Il protocollo è stato redatto dall’assessorato regionale al Turismo e commercio, in collaborazione con la Direzione generale cura e della persona, salute e welfare della Regione, le associazioni di categoria, i sindacati e i Comuni del territorio, con l’obiettivo di garantire le misure di sicurezza e preservare le caratteristiche di convivialità dell’offerta enogastronomica della Regione.

Come misura generale, il documento insiste molto sulla responsabilizzazione dei clienti nell’assunzione di comportamenti rispettosi delle misure di sicurezza e nell’adozione da parte dei gestori di strumenti di comunicazione utili per far conoscere le nuove regole prima tra tutte la distanza interpersonale di un metro e il divieto di assembramento.

Le regole per il servizio al tavolo

tortellini
  1. All’ingresso del locale dovrà essere installata un’apposita cartellonistica, in italiano e inglese, per ricordare agli avventori le norme di comportamento da seguire.
  2. Necessaria l’installazione di dispenser con gel igienizzanti
  3. Per evitare assembramenti è prevista, se possibile, la separazione degli accessi in entrata e uscita, oltre al ricorso a sistemi di prenotazione telefonica e digitale con scaglionamento delle presenze.
  4. Assolutamente sconsigliato l’uso di appendiabiti in comune, il servizio guardaroba viene fornito solo se è possibile evitare il contatto tra gli abiti e gli altri oggetti personali dei diversi ospiti, ad esempio gli ombrelli.
  5. I tavoli sono distribuiti in modo da garantire la distanza di almeno un metro tra le persone sedute, fatta eccezione per gli ospiti che appartengono allo stesso nucleo famigliare o che alloggiano nella stessa camera, nel caso di un albergo, o comunque tutte le eccezioni previste dalle norme vigenti.
  6. La raccomandazione, comunque, è di privilegiare la sistemazione dei tavoli all’aperto, attraverso dehors o soluzioni simili, quando è possibile.
  7. Il personale di sala dovrà indossare le mascherine in tutti i casi ove non sia possibile mantenere il distanziamento di almeno un metro.
  8. Vietati buffet a self-service, mentre è consentito un servizio di selezione di cibi esposti distribuiti dal personale di sala.
  9. Consigliata l’adozione di menu digitali su dispositivi dei clienti o, in alternativa, l’igienizzazione dei menu dopo ogni uso.
  10. La biancheria da tavolo va sostituita ad ogni cambio di cliente, cosi come l’igienizzazione dei tavoli.
  11. L’accesso ai servizi igienici dovrà avvenire evitando assembramenti e i bagni a disposizione dei clienti dovranno essere dotati di prodotti igienizzanti per la pulizia delle mani.
  12. Per saldare il conto è preferibile usare sistemi di pagamento digitali (carte di credito, bancomat, ecc.).
  13. In ogni caso davanti alla cassa potranno essere collocate barriere di protezione in plexiglass.

Bar

jack morsetto cocktail bologna

Le regole per i bar sono uguali a quelle dei ristoranti. Inoltre ci sono alcune specifiche.

  1. Il servizio al banco deve avvenire con il distanziamento interpersonale di almeno un metro.
  2. Tassativamente escluso il fai-da-te, i prodotti in vendita (paste, pizzette, cracker, ecc.) dovranno essere serviti dal personale, possibilmente con servizio ai tavoli.
  3. Anche qui bisogna garantire la distanza di almeno un metro tra i frequentatori.
  4. Incentivati il take away e la consegna a domicilio.

Asporto e consegna a domicilio

Street Food Fish Bologna banco
  1.  I cibi da asporto devono essere consegnati in contenitori idonei monouso accuratamente chiusi, sempre nel rispetto della distanza interpersonale di un metro.
  2. Alla consegna del prodotto personale dell’esercizio e clienti sono tenuti ad indossare mascherina e guanti monouso.
  3. Per le consegne a domicilio, su ordinazione telefonica oppure on line, gli addetti sono tenuti ad indossare mascherina protettiva e guanti monouso e all’atto della consegna devono rispettare la distanza di almeno un metro dal cliente.
  4. Favoriti i sistemi di pagamento elettronici all’atto dell’ordinazione.
  5. Se invece il pagamento viene effettuato in contanti o tramite Pos portatile, l’operatore provvede alla disinfezione delle mani e del Pos dopo ogni operazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui