Ristorante etnico come un lager: 60 ore di lavoro a settimana per 3 € all’ora

I due titolari sono stati denunciati per una lunga serie di reati, dalle lesioni colpose al falso documentale, all’uso indebito di sistemi di controllo dei lavoratori

Tempo di lettura: 2 min

Dici ristorante etnico e sei sicuro che agli italiani, magari campanilisti quando devono mettersi a tavola, l’idea piace. Siamo curiosi di conoscere e sperimentare le cucine degli altri.

A volte, però, dietro a un mondo affascinante, dietro insomma a un ristorante etnico, si nascondono situazioni incresciose, se non proprio dei simil lager. Succedeva fino a qualche giorno fa in un ristorante di Pordenone, il cui nome non è stato reso pubblico, ora chiuso per aver sfruttato il lavoro dei 10 dipendenti.

I due titolari sono stati denunciati per una serie nutrita di reati. Lesioni colpose, minacce nei confronti di un lavoratore, falso documentale, uso indebito di sistemi di controllo dei lavoratori.

È scattata una multa di oltre 20 mila euro comminata per: impiego di lavoratori «in nero», registrazione irregolare delle ore lavorative e superamento dell’orario massimo di lavoro consentito.

Il ristorante dovrà anche versare circa 140 mila euro di contributi previdenziali a causa degli orari effettivamente svolti dai propri lavoratori.

3 euro netti all’ora

Gli accertamenti del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pordenone ha fatto emergere una situazione comune a tutti i dipendenti, sia stranieri che italiani giovani. Come ha raccontato Il Gazzettino, i lavoratori svolgevano oltre 60 ore settimanali non contabilizzate in busta paga. Venivano retribuiti con la paga prevista per il contratto part-time anche se lavoravano per un numero di ore molto superiore. Ne risultava un salario di circa 3 euro netti all’ora.

Ma non basta. All’interno del locale era stata installata una web-cam, ora sequestrata, usata dai titolari per avere il controllo continuo e in tempo reale dei propri dipendenti, così da poterli esortare a essere più attivi.

Il punto più basso si è toccato quando uno dei dipendenti, senza contratto, è stato minacciato per non denunciare agli uffici competenti una grave infortunio accaduto durante l’orario di lavoro.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui