Perché i ravioli al cioccolato Rana vanno a ruba come le scarpe della Lidl

L’insolito prodotto in edizione limitata aiuta il Banco Alimentare a distribuire cibo ai bisognosi

Tempo di lettura: 2 minuti

I ravioli al cioccolato di Giovanni Rana come le scarpe della Lidl. Il paragone in apparenza stravagante si spiega con l’indice “prodotti andati a ruba negli ultimi giorni”.

Sulle sneaker in vendita nei punti vendita della catena tedesca di discount a 12,99 euro non c’è granché da aggiungere. I ravioli al cioccolato invece, prodotti in edizione limitata, sono il veicolo di un progetto a sostegno delle persone in difficoltà. Partner del pastificio è il Banco Alimentare. La onlus italiana che aiuta le persone bisognose attraverso la distribuzione di generi alimentari.

Come sono questi ravioli al cioccolato

Il fatto che i ravioli siano insoliti è indiscutibile. Per questo hanno subito attirato l’attenzione. La sfoglia della pasta, piegata a mezzaluna come d’uso, prevede l’inedita aggiunta di cacao, mentre il ripieno è al cioccolato con nocciola a granella.

Una pasta versatile che, tra i fornelli di casa, si presta a numerose ricette, presenti nel sito dedicato al progetto. Dalla cottura con zucchero, burro e tocco finale affidato a una pallina di gelato, alla frittura in padella. Solo per citarne un paio.

Nel sito è anche possibile documentarsi sui dati di vendita per tutta la durata del progetto. Nonché verificare il tracciamento di ogni singola confezione di ravioli al cioccolato. Questo grazie alla pubblicazione delle bolle di consegna dei prodotti donati da Rana alle strutture che svolgono attività di volontariato accreditate al Banco Alimentare. Che a sua volta aggiungerà nel sito le relative bolle di trasporto.

L’iniziativa congiunta parte dai dati in possesso del Banco Alimentare. Le conseguenze della pandemia, a iniziare dalla primavera 2020, hanno portato a un calo del reddito complessivo delle famiglie italiane che in alcuni casi supera il 50 per cento.

Nello stesso periodo, le strutture caritative accreditate al Banco Alimentare hanno registrato un impressionante aumento, pari al 40 per cento, di persone in difficoltà economiche. In particolare giovani fino a 34 anni.

Nasce da questi dati l’idea di rilanciare i ravioli al cioccolato e collegarli a un’iniziativa benefica. Che funziona così.

Come funziona l’iniziativa di beneficenza

Per ogni confezione comprata fino a febbraio 2021, Rana regalerà due dei suoi prodotti freschi al Banco Alimentare, che per la distribuzione farà su 2000 volontari e su una rete di oltre 8.000 strutture sociali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui