Gino Sorbillo Cavaliere

Gino Sorbillo Cavaliere della Repubblica Italiana per grandi meriti di pizza

Un pizzaiolo che diventa Cavaliere non è una novità assoluta ma diventa un ennesimo importante riconoscimento per Gino Sorbillo e i pizzaioli

Notizie

L’entusiasmo non manca a Gino Sorbillo, pizzaiolo napoletano che fa incetta di riconoscimenti e premi ed ora è anche Cavaliere.

Il titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana Gino Sorbillo lo ha ricevuto in Prefettura a Napoli. La sua bravura nel settore pizza gli è riconosciuta istituzionalmente. Al di là di citazioni in articoli, post di influencer e classifiche. Ed ecco l’entusiasmo di chi, sui profili social, festeggia questo traguardo come se fosse la prima volta di un riconoscimento.

Gino Sorbillo Cavaliere con Enzo Amendola

Prefettura di Napoli: oggi ricevo con grandissima emozione il titolo di “Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana” dal meraviglioso Prefetto di Napoli Marco Valentini. Nel post anche una foto con il carissimo Enzo Amendola Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega agli affari esteri nel governo Draghi. Davvero un gran bel giorno per me

Poche righe che non lasciano vedere il percorso di lavoro e dedizione alla pizza di Gino Sorbillo. Cui va il principale merito dell’affermazione della figura del pizzaiolo nell’immaginario colletivo. Da bistrattato e oscuro lavoratore al banco, il pizzaiolo con Gino Sorbillo è diventato protagonista della scena gastronomica. E non solo nazionale. Le felici intuizioni imprenditoriali hanno permesso al Cavaliere Gino Sorbillo di costruire una mappa della pizza napoletana non solo nella città di origine ma anche al di fuori.

Le tante pizzerie del Cavaliere Gino Sorbillo

pergamena

Dal primo Lievito Madre al Mare sul Lungomare di Napoli a quello al Duomo di Milano che hanno inaugurato la serie di pizzerie made in Sorbillo. Gemmazioni dirette, e non franchising, della storica pizzeria dei Tribunali che resta la mente pensante del gruppo. A queste sono seguite, oltre le aperture a Roma, Genova, Tokyo, Miami, l’infilata di Zia Esterina. La pizza fritta declinata in chiave contemporanea con aperture multiple a Napoli. Con l’ultima in ordine di tempo a piazzetta Nilo.

Gino Sorbillo Cavaliere, però, non si ferma e non riposa sugli allori. Il “Palazzo della Pizza” ai Tribunali si arricchirà di un nuovo spazio. Divertente e al passo con le richieste del mercato come lui sa fare. Al Vomero, il quartiere residenziale che fatica un po’ ad uscire dal grigiore gastronomico, ci sarà una nuova Sorbillo. E a Milano il successo delle pizzerie come la Gourmand porterà una nuova sede di Lievito Madre all’Isola.

Una forza di espansione fondata sul Lavoro che a Gino Sorbillo è valsa il titolo di Cavaliere.