Re Carlo teatro del sale

Il Teatro del Sale apre a Firenze e lo spirito di Fabio Picchi rivive

Riapre il Teatro del Sale a Firenze per la prima volta dopo la morte di Fabio Picchi. Il programma della stagione 2022 e i prezzi

Locali

Il 18 ottobre 2022 riapre il Teatro del Sale a Firenze.

È una buona notizia per tutto il capoluogo toscano. La chiusura forzata ha levato il sorriso ai molti fiorentini che considerano il Teatro del Sale un punto di riferimento culturale, non solo gastronomico, della città.

Prima il Covid, poi, soprattutto, la morte di Fabio Picchi, lo chef, scrittore e volto televisivo scomparso lo scorso febbraio all’età di 68 anni. 

Dopo essere riuscito a trasformare un gomitolo di strade vicino a Santa Croce, non distante dal Mercato di Sant’Ambrogio, in un piccolo impero della cucina fiorentina conosciuto e ammirato in tutto il mondo. 

Teatro del Sale di Firenze: un’invenzione di Fabio Picchi

I tavoli e il palco del Teatro del Sale di Firenze

Fabio Picchi è stato anche l’inventore del Teatro del Sale, nel 2003, insieme a Maria Cassi, attrice, regista e sua moglie.

Un teatro, un ristorante e un negozio di specialità gastronomiche al tempo stesso, aperto a colazione, pranzo e cena.

Acquistando all’ingresso una tessera associativa a un prezzo poco più che simbolico (Il Teatro del Sale è un circolo) ci si poteva sedere su comode poltrone di pelle, tra vecchi scaffali di libri.

Oppure davanti alla cucina a vista, dove consumare il brunch, un pranzo o una cena prelibata, che Picchi serviva direttamente. 

A volte si condivideva la serata con altre persone, intorno a grandi tavoli, oppure si prendeva posto gli uni accanto agli altri in uno spazio ristretto. Poi, poco prima delle 21, la sala veniva sgomberata per lo spettacolo. 

L’atmosfera che si respirava era spesso magnifica, anche nelle serate in cui non erano previste rappresentazioni. 

Ora tocca a Giulio Picchi, il figlio cui Fabio ha ceduto il Cibreo e tutti i suoi satelliti. Anche lui appassionato di teatro come i genitori, ha intenzione ripercorrere le orme del padre. 

La nuova stagione del Teatro del Sale è stata appena presentata, non senza gli occhi lucidi per la commozione, in fondo è la prima volta dopo la scomparsa di Fabio Picchi. 

La nuova enoteca e il brunch del sabato

Giulio e Fabio Picchi

Ma tra dosi elefantiache di mezze maniche al pomodoro, frittata, arrosto con la schiacciata, panna coi cialdoni, come ha segnalato La Nazione, Giulio Picchi ha pronunciato parole di ripartenza. 

Il Teatro del Sale sarà di nuovo quel luogo conviviale che scodella il meglio della cucina toscana preparato nella cucina de Il Cibreo, prima di godersi lo spettacolo in programma. Teatro, balletto, concerto o performance che sia.

Per ribadire che a Firenze la cultura si mangia con gli occhi e con la bocca, sono stati accesi il forno della schiacciata e il girarrosto, e lo chef Oscar Severini, alla guida di una giovane brigata di cuochi, ha annunciato un nuovo menu. 

A proposito di novità, all’ingresso del Teatro del Sale adesso c’è un’enoteca per scegliere quali vini bere o con che birre dissetarsi.

Il redivivo brunch sarà disponibile solo di sabato mentre la domenica sarà consacrata al teatro per i più piccoli e le famiglie. Ma la struttura vivrà anche durante la settimana con iniziative in via di definizione, incontri e spazio per il coworking.

Teatro del Sale, stagione 2022

Il Cibreo di Firenze

Mentre il 18 ottobre, il giorno in cui il Teatro del Sale di Firenze riaprirà, proprio Giulio Picchi porterà in scena il suo spettacolo. Si chiama That’s Life, È la vita. Ci sarà da ridere e da pensare, soprattutto alla vita che riprende. 

Come riprenderà a essere calcato, quel palcoscenico, da nomi di prim’ordine al pari di quanto successo in passato: Elvis Costello, Patty Smith, Baryshnikov. Persino l’allora non ancora re Carlo, insieme a Camilla, per conoscere i grandi nomi toscani del cibo. 

Per concludere veniamo ai prezzi, l’ingresso che comprende cena e spettacolo costerà 35 euro, in più si pagheranno 15 euro per la tessera valida un anno. 

In tanti, pensando alla scomparsa di Fabio Picchi, hanno parlato del Teatro del Sale con nostalgia. Ma adesso si riparte, appuntamento al 18 ottobre.