Feltrinelli apre Red e Leggi, Mangia, Sogna fa Eataly Roma in piccolo

Domande non tanto sparse. A Roma dove vai per comprare e leggere di cibo e di cucina ma con tanti tanti scaffali e titoli a disposizione? Cioè, chi ti fa cultura del cibo a piene mani?

Non ci arrivate.

Secondo indizio. Ditemi qual è il posto più gastrofighetto della Capitale per fare la spesa alimentare di alta qualità e trovare prodotti che vi fanno esclamare “woooooooow anche questo”?

Negli stessi spazi trova posto non solo il reparto dedicato ai libri di cucina ma una proposta di alimenti e vini della tradizione italiana, scelti (…) sulla base di un principio di qualità, sostenibilità, accessibilità, si tratti del vino di Ramandolo, della selezione di birre artigianali o delle conserve di pomodorino di Corbara. Fare la spesa sarà una variante saporita e comoda del Grand Tour: tutta l’Italia e qualche assaggio d’Europa (chi rinuncerebbe al jamon serrano?) a portata di mano e di papille. L’attenzione nella costituzione di questo assortimento va in direzione della sostenibilità, del biologico, delle lavorazioni artigianali.

Non ci arrivate? Siete messi male, ma dove vivete?

Caratteristica saliente del reparto food sarà inoltre la sua specularità con la proposta di menu del ristorante: i piatti sono preparati con i prodotti in vendita al market, e i commensali che vorranno cimentarsi a ricreare a casa propria quanto scoperto in Red, troveranno nel reparto cibi tutti gli ingredienti necessari (l’abilità dovranno mettercela loro).

Altro indizio: avete voglia di mangiare lo Spaghetto Mancini con vongole veraci e colatura di alici di Cetara, quel borgo campano una volta di pescatori e ora abitato da inquiete persone dedite all’arte del marketing, o, peggio ancora, titillare tutte le vostre papille con tutte le declinazione delle carni provenienti dalla cooperativa La Granda, pioniere nell’allevamento sostenibile, per non parlare del food trend prossimo venturo – l’Hamburger di tonno all’incontrario – o la rassicurantissima Minestra della Nonna. Dove andate?

Ci siete? Eataly Roma! Avete sbagliato. Si chiama, con nome non originalissimo (cit. Spada 04.07.2012) che non darà adito ad alcun dubbio circa l’univocità di nome, Red e si legge (questa è coperta da copyright) Feltrinelli. Red cioè Read, Eat, Dream. Leggi, Mangia, Sogna. Che è come dire fallo nobile e con cultura senza sembrare un maiale che grufola alla ricerca del tartufo prelibato.

Oggi lo chicchissimo evento di presentazione alle ore 18 locali si terrà alla presenza di Inge Feltrinelli. Qui finisce che Oscar Farinetti va a ripetizione.

Ora, oltre al fatto che in cucina ci sarà Massimiliano Sepe detto il Giovane (così oltre a due Red avremo anche due Massimiliani Sepi a Roma, fighissimo, e tra l’altro faranno un evento a 4 mani giocando a Volante 1 chiama Volante 2) io mi sono immediatamente chiesto: Ma vuoi vedere che oltre alla partecipazione societaria della Feltrinelli in Antica Focacceria San Francesco c’è dell’altro che a noi umani sfugge? Possibile che tutti stanno guardando al business del mangiare come l’unico business spendibile in terra italiota.

Un pensiero di contaminazione come testimonia l’utilizzo dell’iPad per cercare cosa mangiare cui si aggiunge il wi-fi libero vera manna per i gastro-fighetti-food-blogger che non solo potranno postare in diretta senza preoccuparsi delle tacchette ma potranno godere di
un rinnovato impegno sul fronte dell’informazione e dell’animazione culturale, con articoli, rubriche, video, contributi dal mondo delle librerie e una serie di importanti ricadute su tutti i principali social network, da Twitter (già ora Feltrinelli è il primo retailer italiano per numero di followers a Facebook e You Tube.

E voi che avete risposto Eataly Roma? Confrontate i numeri di Inge Feltrinelli e Oscar Farinetti (e ricordate che oggi dalle ore 18 si inaugura e fatevi trovare preparati)

Superficie di vendita 650 mq 17.000 mq
Assortimento di libri 20.000 1.000
Numero addetti 34 540
Coperti 40 1588
Food referenze 700 oltre 5.000
Ristoranti 1 23
Chef 1 23

PS. La grande differenza è che Red è nel centro di Roma in una delle vie acquario più frequentate del mondo.

Red – la Feltrinelli
Via del Corso 506, 00186 Roma
Direttore: Alessia Sgarbozza
Tel.: 063612370
roma-corso@lafeltrinelli.it

Red – Ristorante
Chef: Massimiliano Sepe
Tel.: 063213676, 3460162804
red.roma@afsf.it

[Immagine: repubblica.bologna.it]



8 commenti su “Feltrinelli apre Red e Leggi, Mangia, Sogna fa Eataly Roma in piccolo

  1. ma mettere il numero di telefono dello chef non vi pare un po esagerato!! io fossi in lui mi inca…erei a morte.
    alla faccia della Privacy!

  2. Siete riusciti a mettere Eataly e Red insieme. Dopo 20 giorni di Farinetti ci aspettano 20 di Feltrinelli. Inqualificabili…

  3. Siamo stati sabato sera al RED. Posto molto bello, servizio carino ed efficiente, ma un freddo terribile e quantità limitatissime di cibo. Possibile che faccio figo mangiare 50 grammi di pasta con 4 vongole a € 14,00? sarà colpa mia che sono vecchia dentro….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing