Quote latte, la Lega chiede sei mesi di proroga. “C’è la crisi!”

Tempo di lettura: 1 minuto

Il pagamento della multa dovuta per lo sforamento delle le quote latte potrebbe essere prorogata di sei mesi. Lo chiede la Lega che, “al fine di far fronte alla grave crisi in cui versa il settore lattiero-caseario”, ha presentato un emendamento al decreto legge Milleproroghe, attualmente all’esame delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio del Senato.

Slitterebbe dal 31 dicembre 2010 al 30 giugno 2011 il termine ultimo per il pagamento della multa dovuta dagli allevatori non in regola con le quote latte (536 aziende a fronte di 39 mila che hanno rispettato la legge). 30 milioni di euro la copertura necessaria a far fronte alla proroga.

Insorgono le associazioni di settore. “La richiesta non ha nulla a che fare con la crisi agricola perché se così fosse dovrebbe riguardare tutti i settori e tutte le scadenze”, ha commentato Coldiretti. “Non c’è alcuna motivazione per una ulteriore proroga del pagamento delle multe che di fatto danneggerebbe gli allevatori che hanno creduto nello Stato e si sono messi in regola affrontando duri sacrifici economici”.

Per Francesco Bettoni, presidente di Confagricoltura Lombardia, l’emendamento altro non è che “un ennesimo tentativo di tutelare la solita ristretta minoranza di aziende che si muovono da sempre fuori dai confini della legalità”.

Nel dibattito acceso sollevato dalla proposta della Lega, è intervenuto il ministro delle Politiche Agricole Giancarlo Galan precisando: ”L’emendamento della Lega sulle quote latte non è accoglibile. Non sarebbe né legale né etico. Non ci sarà nessuna proroga del pagamento delle multe”. Staremo a vedere.

Fonte: Ilsole24ore.it, quibrescia.it

Vignetta: neuroniattivi.blogspot.com, blog.panorama.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui