Fagiolo di Rotonda e Miele delle Dolomiti Bellunesi le nuove Dop

Tempo di lettura: 2 minuti

Un pane profumatissimo, un sidro di pere, un fagiolo iperproteico, un miele di montagna, una pera tondeggiante e dolcissima. Sono solo alcune delle 8 specialità agro-alimentari che hanno passato l’esame della qualità in Europa e sono state iscritte nel Registro delle Dop e Igp.

Salgono così a quota 1010 i prodotti a denominazione europea e l’ascesa verso l’Olimpo dell’agro-alimentare riprende dopo la piccola battuta d’arresto della fuoriuscita di tre denominazioni tedesche.

Dopo il Pecorino siciliano ‘Piacentinu Ennese’, numero 1000 del Registro delle Dop e Igp europee, le due specialità italiane finite sotto la tutela europea sono i Fagioli Bianchi di Rotonda Dop e il Miele delle Dolomiti Bellunesi Dop. Insieme al sidro di pere Mostviertier Birnmost Igp (Austria), ai 3 formaggi slovacchi Zázrivský korbácik Igp, Tekovsky salamovy syr Igp, Oravsky korbacik Igp, al pane polacco Chleb pradnicki Igp, alla spagnola Pera de Lleida Dop.

I Fagioli Bianchi di Rotonda Dop, prodotti in alcuni Comuni della Valle del Mercure, in provincia di Potenza, sono legumi ottenuti con gli ecotipi Fagiolo Bianco e Tondino o Poverello Bianco, sono immessi sul mercato in forma di baccelli e presentano un elevato contenuto di proteine (fino al 27%). Si tratta di un legume di facile cottura grazie alla natura dei terreni nei quali cresce, alla loro posizione, al clima mite e alle acque prive di calcio delle sorgenti del Pollino.

Il Miele delle Dolomiti Bellunesi Dop è prodotto con nettare di fiori dell’intero territorio della Provincia di Belluno, al di sopra dei 2200 metri di altitudine (il Veneto è al primo posto in Italia per numero di Dop e Igp registrate, 35 in tutto). E’ reperibile in diversi tipi: Millefiori (sapore dolciastro e tendente alla cristallizzazione), Acacia (sapore molto dolce, consistenza più liquida), Tiglio (retrogusto amaro e odore balsamico), Castagno (amarognolo, tannico e dall’odore pungente), Rododendro (sapore delicato e vegetale), Tarassaco (acido, amaro e astringente).

Fonte: Qualivita

Foto: catalunyapress.cat, protonutrizione.blogosfere.it, protonutrizione.blogosfere.it, ilperiodico.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui