Tutte le cose da sapere per andare all’IBF Italia Beer Festival a Roma

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna per il terzo anno a Roma l’Italia Beer Festival, la manifestazione itinerante dedicata alla birra artigianale italiana di qualità.

Dal 15 al 17 aprile l’IBF animerà i locali di Villa Piccolomini a Roma che per la prima volta ospiteranno questa kermesse di richiamo nazionale. Una nuova e più grande location sarà il palcoscenico di una delle tappe più gettonate dell’unico evento italiano interamente dedicato al mondo dei microbirrifici artigianali.

Come di consueto per l’Italia Beer Festival, anche nella tre giorni romana si organizzano laboratori, corsi di degustazione per neofiti condotti dall’Associazione Degustatori Birra, laboratori di abbinamento cibo/birra (ecco le modalità di partecipazione) cui prenderanno parte Lorenzo Bottoni, Manuele Colonna, Bruno Carilli, Paolo Polli e sarà possibile assaggiare centinaia di birre proposte dai birrifici presenti.

Elenco dei birrifici presenti

Amiata (qui la recensione)
B94
Bacherotti
Bad Attitude – Svizzera
Bauscia
Bi-Du
Birradamare – Boa (ecco l’articolo e le sue birre)
Birra del Borgo (il racconto delle sue birre)
BrewFist
Brunz
Croce di Malto
Dada
Lambrate
L’Inconsueto
Maiella (la recensione delle sue birre)
MM1989
Opperbacco (la recensione delle sue birre)
Toccalmatto (le birre assaggiate)
Turan (tre birre già degustate)
Valcavallina – Italia

Campionato Italiano Home Brewer

Durante l’evento romano si terrà inoltre la terza edizione del Campionato Italiano Home Brewer. Il campionato avrà luogo domenica 17 aprile ed è aperto a tutti i produttori casalinghi che presenteranno nell’ambito dell’IBF un campione da 1,5 litri della loro produzione (consegna a mano a Villa Piccolomini venerdì 15 aprile tra le 10.00 e le 18.00 o sabato 16 aprile tra le 12.00 e le 15.00). La giuria, composta da degustatori professionisti di ADB ed esperti del mondo della birra artigianale, decreterà il vincitore domenica alle ore 19.00. Il primo classificato riceverà un buono acquisto per materiale da birrificazione di 100 euro e la possibilità di effettuare una cotta presso un birrificio. Ma domenica 17 alle ore 18.00 si terrà anche la premiazione del Campionato Italiano delle birre artigianali.

Le birre in degustazione

Tra le birre in degustazione non mancheranno quelle realizzate con prodotti del territorio come basilico, tartufo o castagne e quelle afrodisiache preparate con la Damiana (turnera afrodisiaca). Ma l’Italia Beer Festival sarà anche l’occasione per scoprire micro birrifici che hanno scelto di applicare tecniche della tradizione belga o legate al mondo enologico, come ad esempio, l’utilizzo di botti, barrique e mosto d’uva. Tra questi il birrificio Amiata di Arcidosso (Gr), uno dei primi birrifici a utilizzare le castagne per aromatizzare le proprie birre, il Bi-Du di Olgiate Comasco (Co), il Bauscia di Milano, il birrificio ticinese Bad Attitude, apprezzato anche per la sua politica di marketing innovativa, e alcuni nuovi nati come e BrewFist di Codogno (Lo) che già hanno avuto apprezzamento dagli appassionati sia per la qualità dei prodotti che per la politica dei prezzi molto competitivi. Ma a Roma ci saranno anche birrifici provenienti da Città della Pieve – Pg (Baccherotti), Borgorose – Ri (Birra del Borgo), Trecate – No (Croce di Malto che nel 2009 ha vinto la medaglia di platino a Strasburgo con la Triplexxx), Correggio – Re (Dada), Notaresco – Te (Opperbacco), Fidenza – Pr (Toccalmatto) oltre alla romana Na’ Birretta.

L’Italia Beer Festival è realizzato dall’Associazione Degustatori Birra che organizza corsi, il campionato italiano delle birre artigianali, eventi e la trasmissione BQTV sul canale 829 di Sky, per accrescere la conoscenza e la cultura della birra artigianale e promuovere un settore appassionante ma spesso poco noto al grande pubblico. Si tratta di un’importante vetrina soprattutto per la diffusione della cultura e della produzione artigianale birraria nazionale che sta vivendo un vero e proprio momento di gloria con numerosi riconoscimenti internazionali. Può infatti sembrare sorprendente che l’Italia, che non ha una particolare storia o tradizione nell’ambito della produzione della birra, in meno di quindici anni abbia visto la nascita di oltre trecento microbirrifici.

Alla manifestazione, interamente dedicata al mondo della birra, si accede pagando un biglietto di ingresso di 8,00 euro che dà diritto ad un porta bicchiere da collo e ad un bicchiere serigrafato da degustazione provvisto di tacche da 10 e 25 cl. “L’intenzione di questa manifestazione – spiega Paolo Polli, presidente dell’Associazione Degustatori Birra – è quella di diffondere il bere consapevole e la cultura della degustazione anche e soprattutto tra i più giovani”.

La manifestazione si terrà all’interno di Villa Piccolomini (via Aurelia Antica, 164) con i seguenti orari:

venerdì 15 aprile (17.00-02.00)
sabato 16 aprile (12.00 – 02.00)
domenica 17 aprile (12.00 – 24.00).

1 commento

  1. penso ce ne saranno altri, o almeno spero… Spero minimo di vedere Emanuele di Lariano e le sue bireperfettetuttenonnesbagliauna. Comunque due di quelli in elenco sono da evitare come al peste..
    L’ anno scorso assaggiai una weiss che puzzava di piedi (in senso letterale, non tanto per dire). e al sapore confermava lo schifo olfattivo, ho dovuto buttare la birra, sciacquare ben benino il teku e andare a rifarmi la bocca con una Genziana di Leo…
    Comunque domenica pomeriggio saremo presenti assieme a Stefano Frasca del Birri a fasse male…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui