Simona Limentani ha 37 anni ed è la fondatrice di Zolle, la società che distribuisce a domicilio prodotti biologici dell’agro romano. Ecco che cosa mi ha raccontato.

Qual è il tuo lavoro?
Ho difficoltà a definirlo. Diciamo che sono ufficialmente un’imprenditrice. Mi occupo di quello che in inglese si chiama “sourcing”.

Puoi descrivere la tua attività?
Il mio lavoro  consiste nel coordinare le persone, organizzare il loro lavoro, pensare allo sviluppo dell’attività, lavorare con le aziende agricole, ricercare costantamente nuovi prodotti e nuove aziende. Dietro c’è un grosso lavoro di comunicazione diretto ai clienti che seguo anche, per esempio, nella realizzazione del sito.

Cosa ti interessa di più del tuo lavoro?
Quello che mi interessa è creare un mercato alternativo per il cibo, trovare sbocchi costanti e affidabili per le aziende agricole di piccole dimensioni. Fare in modo che le aziende agricole piccole e medio-piccole e chi produce cibo di qualità abbiano voglia di continuare a farlo, e possibilmente incrementarlo. Che i giovani rimangano in azienda e che anche altri coltivatori finiscano per pensare: “Magari anch’io posso produrre alimenti di qualità e continuare a fare l’agricoltore”. Vorrei contribuire a che l’agricoltore sia considerato come un lavoro più che dignitoso, un lavoro vitale e essenziale per la società. Ecco che cosa mi muove”.

Quale mestiere diverso dal tuo vorresti tentare?
Mi piacerebbe fare divulgazione alimentare. Mi piacerebbe chiedere a Report di insegnarmi come si fa a diventare bravi giornalisti d’inchiesta per creare un gruppo di lavoro sulle questioni legate alla produzione di cibo.

Quale professione, invece, non vorresti fare?
Non mi piacerebbe fare un lavoro in cui si truffano le persone. Non potrei neanche fare lavori ripettitivi per molto tempo, per esempio il direttore di banca, Mi annoierei troppo.

Qual è la persona che stimi di più?
Una persona che stimo è un mio amico che vive in America. Mi piace molto la passione con cui riesce a fare tutto ciò che fa. Ha una tale carica di energia da trasmettermela. Stimo molto la sua capacità di rigenerarsi in quello che fa. E inoltre condividiamo una visione politica del mondo molto forte.

Qual è la caratteristica che apprezzi di più negli altri?
L’onestà. Mi fanno impazzire le persone ambigue, che non riescono ad essere chiare e pulite. E’ una cosa che mi fa stare male dentro. Anche se non mi fanno paura, mi dà fastidio la relazione con queste persone. Cerco di evitarle.

Qual è il tuo cibo preferito?
Mi piace tanto il panettone. E anche la carne cruda, le patatine al forno… e tante altre cose!

E la bevanda che preferisci?
Mi sto avvicinando al vino, Ne ho assaggiati alcuni molto, molto buoni. Anche se credo di non avere una passione per il vino.

Vuoi aggiungere qualcosa?
Si. Andate a votare ai referendum, E votate si!

(ENGLISH TEXT)

2 Commenti

  1. Vorrei saperne di più , e mi piacerebbe acquistare dei prodotti
    di queste aziende, essendo anche io amante e” praticante ” della campagna e dei prodotti della terra

  2. dopo aver visto il servizio fatto da rai 1 ,mi sono incuriosita e mi piacerebbe saperne di più
    e mi piacerebbe inoltre conoscere l’indirizzo e-mail per poter fare qualche ordinazione e provare i prodotti delle campagne laziali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui