Parma. Il kebab di Strini, genero di Tanzi, fa così default

Tempo di lettura: 1 minuto

Stefano Strini, genero di Calisto Tanzi (quello della Parmalat e del gigantesco crac con cui solo il default dell’Argentina può competere), si è messo a vendere kebab a Parma.

L’uomo custode dei quadri del suocero (100 milioni di euro) si lancia nella sfida impossibile. Fare accettare a una città legata al cibo della tradizione lo street food più odiato dalle amministrazioni comunali (e anche il primo cittadino parmigiano ha chiesto alla regione di limitare la presenza dei locali etnici).

Riuscirà Strini a far dimenticare il mega buco di bilancio madre di tutte le falsificazioni e il tentativo di Tanzi di mettere su un’azienda di muffin? Lui, nella sua Pfk (“pizza focaccia e kebab”) punta tutto sul prezzo basso (4 €) e sulla materia prima di qualità. Come dire, tagli e crescita messi insieme. Chissà dove l’ho sentito questo refrain…

[link: repubblica.it]

4 Commenti

  1. Io non vedo proprio la necessità di fare questa pubblicità gratuita a certi noti truffatori.
    Poi 4 euro per un panino di dubbia qualità, permettetemi, ma non è affatto un prezzo basso.
    Più che da giornalista questo mi pare un pezzo da giornalaio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui