Mangi sano e risparmi con la tassa sul junk food

Tassare il junk food. Sul tavolo del Governo l’offensiva al cibo spazzatura è già pronta. “Prima la salute poi la cassa”, ha detto il ministro della Salute Renato Balduzzi per allontanare il (legittimo) sospetto che più che di una misura anti-obesità si tratti di un’iniziativa per rimpinguare l’Erario.

Superalcolici, succhi di frutta e bibite gassate nel mirino del Governo che conta di ricavare da una tassazione su questi prodotti 270 milioni di euro da utilizzare per ammodernare le strutture sanitarie e per finanziare progetti di educazione alla salute. Esclusi per il momento patatine, snack e merendine per i quali il ministero ha in mente di chiedere un abbassamento del contenuto di grassi, zucchero e sale entro il 2014 pena l’imposizione della tassa.

I superalcolici saranno tassati nella misura di 50 euro ogni 100 litri con un ricavato previsto di 24 milioni di euro mentre più bassa è l’imposizione fiscale prevista per le bibite gassate e i succhi di frutta: 7,16 euro per 100 litri con un introito però ragguardevole di 245 milioni di euro.

Non è la prima volta che in Europa un Governo pensa ad una tassa di scopo per finanziare la spesa sanitaria. Una “fat tax” è in vigore da tempo in Danimarca e Ungheria mentre in Francia è da poco entrata in vigore la “taxe soda”, che tassa con 7,16 euro ogni ettolitro di bevanda gassata. In Italia, dove il numero degli obesi ha raggiunto quota 5 milioni e dove il 34% dei bambini di 8 e 9 anni è in sovrappeso, il ministro Balduzzi ci sta pensando da tempo e l’idea, secondo un sondaggio online condotto da Coldiretti, piace a 8 italiani su 10.

[Fonte: liberoquotidiano.it, repubblica.it, scienzaesalute.blogosfere.it Foto: saluteesport.blogspot.com]

1 commento

  1. Certo che se da una parte è giusto scoraggiare il consumo del cibo spazzatura tassandolo, dall’altra sarebbe cosa ben più giusta una riduzione delle tasse sul cibo sano.. Un delle cose che frena i il consumo dei cibi biologici è sicuramente il maggiore costo.. Non sarebbe il caso di incentivarne il consumo riducendo la tassazione dei prodotti certificati..?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui