Denuncia al Cibus di Parma: il Romano pecorino australiano a Singapore

Tempo di lettura: 1 minuto

Quando l’imitazione arriva sul mercato prima dell’originale: succede con il Pecorino Romano a Singapore, crocevia del commercio internazionale asiatico e uno dei principali hub mondiali per l’interscambio. La denuncia arriva oggi al Cibus di Parma dal presidente del Consorzio del Pecorino Romano Dop, Gianni Maoddi: “A Singapore ci rappresenta un ‘Romano’ – questo il nome dato a un Pecorino prodotto in Australia –  e nella GDO si affianca ad altre imitazioni truffaldine che sfruttano l’italian sounding, come il Parmesan. Occorrono  maggiori azioni di tutela per i marchi da parte del Governo per difendere le produzioni di qualità che ci rendono famosi nel mondo  soprattutto su mercati emergenti come l’Asia Orientale, che nell’ultimo anno è cresciuta in valore dell’8,9%. Senza contare che se fossimo gli unici a produrre Pecorino Romano nel mondo potremmo arrivare a vendere 3 volte tanto”. Un fenomeno, quello dell’Italian sounding che sottrae annualmente tra i 55 e 60 miliardi di euro al mercato del made in Italy  e che oggi coinvolge anche il Pecorino, nella top ten delle Dop piu’ vendute nel mondo con un valore complessivo dell’export di 100 milioni di euro.

[Link: InterCOM]

1 commento

  1. Attendersi azioni di tutela da parte del Governo è davvero un pio desiderio. Ultimamente vi è poi una inanità da parte del preposto che non rammento nei predecessori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui