Il parcheggio per disabili a Roma? Lo levo per fare spazio ai tavolini

Tempo di lettura: 1 minuto

La strada è via dei Banchi Vecchi a Roma, luogo ben conosciuto dai gourmet e dagli appassionati di vino per la presenza di due indirizzi di riferimento, Il Pagliaccio e il Goccetto. La foto pubblicata da Repubblica Roma sembrerebbe un normale spazio all’aperto di un ristorante come tanti ce ne sono.

Ma la segnalazione ha dell’incredibile. Per fare spazio a quei tavolini, un ristorante al n. 48 della strada avrebbe divelto il segnale che riserva il posto alle auto dei disabili.

Le riprese di Google Street View mostrano il cartello disabili prima della ristrutturazione dei locali. In rete il consiglio è di non frequentare un ristorante che ha un comportamento del genere. Possibile che al Municipio I abbiano sbagliato a concedere l’autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico?

[Link: repubblica.it]

20 Commenti

  1. non è possibile che essendo un posto riservato personale con num. di conc. la persona che ne usufruiva , è andata a vivere da uin altra parte , questo post è un falso moralismo , sarebbe giusto informarsi prima di sparare

  2. È tutto scritto al condizionale, inoltre si conclude con il beneficio del dubbio. Se tu ti sei informato e puoi confermare che il parcheggio è stato tolto per il trasferimento dell’utente, scrivilo, così le sorti dei ristoratori dei banchi vecchi si risolleveranno da questo colpo.

  3. Mmma mi sembra strano che lo abbiano fatto, la procedura pe far spostare un parcheggio disabili non é così complicata. Per l’esattezza é molto semplice se é un parcheggio disabili generico mentre é semplice se é nominale numerato.
    Il parcheggio deve rispettare determinate distanze non deve stare per forza in un posto.

  4. Il molto semplice é riferito al confronto con la pratica di richiesta di occupazione che invece é molto complicata. Le cose semplici all’interno del comune di Roma non esisteranno fino a quando non saranno licenziati tutti gli attuali personaggi inutili a cui paghiamo la pensione da lavoratore attivo raccomandato.

  5. sono passato adesso: il Comune ha rimesso il cartello col segnale di parcheggio riservato ai disabili e disegnato le relative strisce per terra !

  6. Il Sig. Silvestro Romano, titolare del locale Turi & Tano in Via Lazio 17, è accusato di aver divelto un posto dei disabili e cancellato col catrame le strisce per collocare i suoi tavolini. Diversi residenti e negozianti di Via Lazio dichiarano di avero visto nel luglio 2010 porre in atto tale vandalico gesto.
    Nonostante un procedimento penale a suo carico è diventato personaggio pubblico recentemente. A quanto dicono i giornali avrebbe dichiarato di essere stato vessato da vigili ed agenti con ripetuti controlli, omettendo però di specificare che vigili ed agenti eseguissero ordini precisi dei giudici penali che hanno disposto il sequestro dei tavolini, “corpo del reato”, dopo la misteriosa sparizione del palo del posto dei disabili e delle strisce.
    Questo Sig. Silvestro Romano, sempre a quanto dicono i giornali, avrebbe anche raccontato di avere una sentenza del Consiglio di stato che lo legittimerebbe ad occupare il suolo pubblico, sentenza che non esiste!!
    Il posto per i disabili è stato latente per circa 2 anni e riposizionato, insieme alla segnaletica vigente, solo pochi giorni addietro.
    Nessun giornale ha però parlato dell’accaduto.

  7. Continua il silenzio dei quotidiani sull’incresciosa vicenda relativa alle asserite dichiarazioni del Sig. Silvestro Romano, divenuto personaggio pubblico con “Vigilopoli”, il quale, secondo quanto riportato dai giornali, avrebbe denunciato 15 vigili accusandoli di averlo perseguitato e multato insensatamente costringendolo a chiudere il locale.
    In realtà il Sig. Silvestro Romano, senza espressa autorizzazione da parte del Comune di Roma, occupò per mesi un posto dei disabili con tavoli sedie ed ombrelloni. Ebbe un procedimento penale a riguardo in cui fu disposto il sequestro di tavoli e compagnia bella, altro che persecuzione da èarte dei vigili!

  8. Vorrei ricordare a questi insigni luminari, che carta canta.
    Ad oggi 3 tra vigili urbani e dipendenti comunali sono stati arrestati per corruzione e abuso… vorrei ricordare sempre agli insigni dotti che ultimamente 112 vigili urbani DEL Comune di Roma sono stati prosciolti per prescrizione da una inchiesta per corruzione ed abuso di ufficio, la cosa ripugnante e schifosa è, che alcuni di questi hanno continuato la loro carriera “onesta e illibata”, tant’è che oggi sono coinvolti in altra inchiesta per corruzione oggetto anche delle mie denunce..
    Infine vorrei ricordare sempre ai bastardi e figli di vigili urbani che si nascondono dietro i blog e i forum sono dei veri bastardi e infami…
    Ritengo fino alla prova contraria (e non alle vostre bastarde calunnie e infamie) che sono sempre stato un cittadino onesto…
    I verbali non sono stai a me contestati per ordine di nessun Magistrato ma per ordine di chi evidentemente non ha avuto da me mazzette !!!!!
    Fatti oggetto di denuncia penale…
    Continuate pure, solo questo sapete fare, nascondervi dietro gli alias e bastardate che fate!!!!!
    Infine vi ricordo che sull’asserito procedimento penale a mio carico non ci crede neanche il P.M titolare che a distanza di quasi tre anni dal fatto, non si è degnato neanche di richiedere il rinvio a giudizio. Evidentemente sicuro che le sue accuse non troverebbero alcun riscontro probatorio in sede dibattimentale o forse perchè nel corso del dibattimento salterebbe fuori che egli stesso è indagato per gli stessi fatti dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PERUGIA. E INFINE LA CIRCOSTANZA CHE A QUASI DUE ANNI DALLA CHIUSURA DEL LOCALE SI CONTINUI A PARLARE DEL SOTTOSCRITTO NON FA CHE RAFFORZARE LE MIE DICHIARAZIONI RESE AI PUBBLICI MINISTERI TITOLARI DELL’INCHIESTA VIGILOPOLI. E COME DISSE UN VERO ILLUMINISTA: CHE SE NE PARLI BENE O MALE, PURCHE’ SE NE PARLI.
    GRAZIE PER IL SUPPORTO FATTIVO CHE STATE DANDO ALLE MIE DICHIARAZIONI.
    DR. SILVESTRO ROMANO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui