Roma. Alemanno ci riprova con un’altra ordinanza anti-alcol

Tempo di lettura: 1 min

A Roma torna il divieto di consumare e vendere alcol dalle 23 alle 6. Questo stabilisce un’ordinanza del Sindaco Gianni Alemanno valida per i municipi I, II, II, VI, XIII e XX, i quartieri della movida.

Si comincia oggi venerdì 3 agosto e il provvedimento resterà in vigore fino al 30 settembre, Tar permettendo. E’ infatti recente la bocciatura del Tribunale Amministrativo del Lazio che a maggio, non ravvisando i criteri dell’urgenza, aveva annullato l’ordinanza con cui il Comune di Roma già disponeva il divieto di bevuta nel centro storico fino al 30 settembre.

Ma per il Sindaco Alemanno l’urgenza è tornata, dopo l’episodio della turista australiana forse vittima di stupro, dopo frequenti episodi di ubriachezza segnalati negli ultimi fine settimana dalla polizia municipale e dai residenti e a seguito della chiusura di 38 locali sospresi a somministrare alcol anche dopo le 3 di notte.

[Fonte: repubblica.it Foto: mtvnews.it]

3 Commenti

  1. Se’, lallero!
    Abito a Ostia, ho un paio di posti non sul lungomare dove col decreto di Alemanno ci possono fare quello che Totò invitava a fare il generale tedesco che aveva carta bianca….

  2. Alemanno con tutti i cittadini che pensano che questa sia la soluzione, dovrebbe forse iniziare a girare un pó. E sapere che:
    a) l’ordinanza non viene rispettata affatto per una semplice ragione: é inapplicabile. Tenere a bada migliaia e migliaia di persone non é un compito da tutti, anzi, da nessuno
    b) vedrebbe le forze dell’ordine passeggiare beatamente in 3/4, chattando e chiacchierando al cellulare e addirittura scampando le aree piú a rischio di “lavoro”. Non dico che TUTTE le forze dell’ordine siano cosí ma tantissime lo sono e le vedo io, come tutti, ogni giorno.
    c) tantissimi locali sono FUORI LEGGE ma continuano a vendere alcol come se avessero aperto ieri. Questo grazie alla burocrazia che va a 1 all’ora.

    Questa é l’Italia, questa é Roma. E i media invece di mettere in onda i video dei ragazzi che si fanno le canne, che almeno si calmano un pó e contribuiscono all’economia italiana con l’acquisto di munchies, forse dovrebbero iniziare a trasmettere i video dei carabinieri che vanno sparati in motocicletta in controsenso, dei vigili che girano lo sguardo dalla parte opposta a macchine parcheggiate in divieto di sosta o ragazzi che p^&%$no in mezzo alla strada. Per non parlare di quelli i cui tavolini sono talmente estesi sul suolo pubblico da creare un problema per chiunque debba camminare. Quindi figuriamoci se l’ordinanza, fisicamente inapplicabile, cambierá qualcosa! Ma per favore!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui