Louis-Nero

La città più esoterica d’Italia, un ristorante con un nome perfetto. Tanto è bastato alla produzione del film, “Il mistero di Dante“, in uscita nelle sale il prossimo inverno, per decidere di realizzare alcune delle riprese al ristorante “I Cavalieri” di Torino.

Gli attori del thriller, diretto dal regista torinese Louis Nero, sono sul posto oggi per girare l’impegnativa pellicola, un thriller ambientato nel mondo dantesco, un viaggio attraverso mille misteri: quello degli ordini di cavalleria, dell’ordine segreto dei Rosacroce e del gruppo iniziatico “I Fedeli d’Amore”.

Riflettori puntati su uno dei significati più inediti del viaggio dantesco, quelli legati alla tradizione iniziatica occidentale, tra alchimia, occultismo e misticismo. Lungo i vicoli senza luce sotto il selciato cittadino e tra i fornelli vestiti di mistero si muove il protagonista, il premio Oscar Murray Abraham (già in Amadeus, Scarface, Il Nome della Rosa, The Good Wife che qui impersona l’alter ego di Dante), affiancato da Franco Nero.

E’ tra i sotterranei torinesi che sarà messa in scena la discesa agli Inferi del Sommo Poeta mentre le cucine del ristorante I Cavalieri sono state trasformate per l’occasione in un ashram di inizio secolo. “Qui vengono girate le scene con Murray Abraham che sta stravolgendo il locale con lo scenografo Vincenzo Fiorito”, ha spiegato alla Stampa Louis Nero. “Sarà lo studio di Dante. Dopo torneremo ai Murazzi, nelle gallerie Pietro Micca e al Castello di Macello”.

Motivi di budget la trasferta torinese del cast. “La mia idea era di girare il film completamente negli Stati Uniti”, spiega il regista. “Poi, nonostante avessi già messo insieme parte della produzione che avrebbe dovuto sostenere un prodotto dai costi fra i 5 e i 10 milioni di dollari, la crisi economica mi ha fatto cambiare l’approccio”.

Nel cast del film, una produzione internazionale con capofila la società indipendente torinese L’Altrofilm, oltre a Murray Abraham, ci sono anche lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, il regista Nominato agli Oscar Franco Zeffirelli, il regista Silvano Agosti, lo sceneggiatore americano Christopher Vogler (Il Re Leone, Fight Club, Matrix), lo scrittore Gabriele La Porta, il giornalista e conduttore di Voyager Roberto Giacobbo, il Rabbino Capo Riccardo Di Segni, lo Shaykh Abd al Wahid Pallavicini, Mons. Agostino Marchetto, lo scrittore Massimo Introvigne, l’attore Mamodou Dioume (Mahabharata di Peter Brook), gli scrittori Giancarlo Guerreri, Marcello Vicchio, Aurora Di Stefano e gli attori piemontesi Diana Dell’Erba e Franco Beltrame.

[Link: newspettacolo.com, lastampa.it Immagine: mymovies.it, forum.chatta.it]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui