Feltrinelli. Meglio scommettere sui pani câ meusa che sui libri

Tempo di lettura: 1 minuto

pani-câ-meusa-milza-focacceria-san-francesco-palermo

Feltrinelli mette in mobilità 1.378 dipendenti in 102 negozi a partire dal 10 giugno. C’è la crisi anche se i dipendenti messi “in solidarietà” si chiedono però come mai la Effe 2005, holding del gruppo, abbia deciso il 28 marzo scorso di comprare la maggioranza dell’Antica Focacceria San Francesco, la società siciliana che gestisce lo storico locale palermitano.

Motivi di diversificazione era stato spiegato: “L’operazione rientra nella strategia di diversificazione del proprio business e va a rafforzare la sua posizione all’interno del settore della ristorazione”. Ma già il 10 febbraio l’azienda aveva annunciato un calo delle vendite pari al 10,5% in due anni denunciando l’andamento critico di 66 punti vendita e ipotizzando la chiusura di 15 librerie nei 12-24 mesi successivi (con un totale esuberi di 130 unità). Per evitarlo occorreva recuperare 4,3 milioni in 12 mesi (cioè 216 mila ore lavorate) ed ecco quindi i contratti di solidarietà.

Editoria sempre più in crisi? Sembrerebbe di sì se al tavolo della cultura della Feltrinelli si affacciano i panini dello street food e le aperture riguardano solo il marchio Red (Read, Eat, Dream come a Roma) con il nuovo spazio a Milano di 450 metri quadri alla base della Torre Unicredit.

[Link: ilfattoquotidiano via dagospia]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui