Benedetta Parodi, fai i nomi degli chef che cucinano schifezze in tv

Notizie

benedetta parodi radio

“Possiamo dirlo? Ci son stati degli chef che hanno fatto delle schifezze”. Dopo la Buitoni – sottosegretario – ci si mette la Parodi – Benedetta, donna. Lo so, non fa esattamente lo stesso effetto, ma i nostri poveri chef sembrano essere contrassegnati da un paglione sulla fronte. Durante un’intervista rilasciata a radio DeeJay, incentrata sul lancio (che non solo io farei dalla finestra) del suo libro di ricette per bambini, la smanacciatrice di cibo per eccellenza si è sbottonata nel rivelare presunti disgusti nei piatti degli chef ospiti.

I nomi? “Neanche sotto tortura!”, ha svicolato. Glissa la discussione sulle abilità sorprendenti di Valeria Mazza e sulla bontà del suo pollo al curry. Non abbiamo dubbi che sia meglio incensare la Mazza che affondare, faccio un none a caso, Antonino Cannavacciuolo che ce la sta mettendo tutta per risollevare le sorti dei ristoranti più fuori dalle graduatorie del suolo italico (ebbene sì, anche lui è stato nella cucina parodiana).

Salva la Cracchiana follia che propone di ricostruire il guscio di una cozza con il pane, ma sottolinea, un po’ beffarda, la remota probabilità che qualcuno si metta a riproporla tra le mura casalinghe. L’alta cucina, questa sconosciuta! Il tête-à-tête Cracco-Parodi c’è già stato e se lei afferma di dover fare “buon viso a cattivo gioco”, mi viene da chiedere che mascherone debbano metter su gli chef.

Ma il mondo è bello perché e vario, e quello del food è sorprendentemente ricco di fazioni. Nonostante sia emersa la mia proverbiale simpatia per Benedetta Parodi, comprendo che possa esserci chi apprezza l’arte del rantolo ai fornelli. Non lo dico io. Le “ferite” da forno che mostra fiera parlano al posto mio.

Il programma in questione si chiama DeeJay chiama Italia e qui c’è il video incriminato. Bene, ripropongo la formula .“Scatti chiama Italia”: Parodiani o Gourmettari?

E soprattutto: con quali chef ce l’avrà mai Benedetta?