Simpaticamente, ma Bottura e Oldani non sono d’accordo su niente. Chi ha ragione dei due?

Tempo di lettura: 2 minuti

Oldani Bottura

Massimo Bottura e Davide Oldani a confronto. Due idee di cucina opposte spiegate a margine della presentazione del calendario Lavazza 2014 davanti a un silente Antonino Cannavacciuolo. Riporta lo scambio di battute Angela Frenda sul Corriere della Sera.

Il “casus belli” è la domanda se si può democratizzare l’alta cucina e renderla accessibile a tutti.

Le parole chiave sono qualità, materia prima, servizio, crisi, ricerca, innovazione, creatività.

Faccio quello che non si dovrebbe mai fare: estrapolare alcune frasi dall’articolo per mettere in evidenza i concetti in opposizione.

Definizioni

Davide Oldani. Nel mio ristorante, il D’O, faccio cucina pop. Alta cucina, buona cucina alla portata di tutti.

Massimo Bottura. Se vuoi comprare una Ferrari la puoi pagare come una 500? No. Ecco, la nostra cucina è una Ferrari. Ha costi altissimi.

Convinzioni

DO. Essere signori non vuol dire essere ricchi o poveri. Ma rispettare freschezza di materie prime e alta cucina.

MB. No, non si può fare alta cucina (in serie d, ndr). Anche perché tutti parlano e dicono che per uscire dalla crisi bisogna fare ricerca, reimpossessarsi della nostra creatività.

Avvertenze

DO. Non adopero prodotti costosi proprio perché il mio progetto è arrivare a tante persone.

MB. E non è questione di materie prime. Anzi, la materia prima non incide sui prezzi, pur essendo di grande qualità. Ma è tutto il resto che incide.

Soluzioni

DO. Un cuoco deve prima alimentare, e poi far sognare, a prescindere dal prezzo. Puoi usare una cipolla caramellata e far poesia.

MB. Nel mio bistrot La Franceschetta a pranzo si mangia con 15 euro, e con grandissima materia prima.

Cipolla caramellata di Davide Oldanitortellini-super-panna-Massimo-Bottura

Quindi, la pop cuisine che Davide Oldani invoca rifacendosi alla pop art di Andy Warhol non è la stessa pop cuisine di cui spesso parla Massimo Bottura.

Se dovessi cercare punti di riferimenti pop citerei i  Tortellini superpanna, il ragù, la cipolla caramellata o il rafano.

Mi chiedo se gli chef in questa contrapposizione generano perplessità tra arte e popolarità, tra piatti conosciutissimi e ricerca delle proprie radici, tra esclusività e diffusione e in ultima analisi rischiano di lanciare messaggi sbagliati considerato che c’è chi pensa ancora che l’alta cucina siano solo quattro fagiolini, che in Italia si sia smesso di mangiare bene o che le porzioni sono piccolissime.

Resta la domanda madre di tutte le questioni: il pop, a tavola e in una parola, cosa vuol dire?

[Link: Corriere. Immagini: Martin Schoeller, SdG, Fotogustando]

7 Commenti

  1. La cucina parte dall’anima…e nessun’anima è replicabile e uguale ad un’altra…hanno ragione entrambi…e non sapete quanto!

  2. sono due chef profondamente diversi e fanno due cucine non paragonabili a livello di costi, nè di servizio

    personalmente, Bottura tutta la vita
    meglio risparmiare e fare una volta una cena che merita, anzichè fare code di mesi per risparmiare…..

    perfetto il paragone tra la ferrari e la cinquecento

    da D’O sono stata 4 volte, ma mi è piaciuta solo la prima, appena aveva aperto, poi ho pagato il giusto per quello che ho mangiato, ma niente di più

  3. Ero alla presentazione del Calendario Lavazza, io come molti altri presenti (e vi posso assicurare che ieri sera alla Pelota non eravamo in pochi….) ho visto Bottura e Oldani parlare con complicità e scherzare come due grandi amici. In piu’ di un’occasione, in serate diverse, ho sentito lo Chef di Cornaredo parlare con grande stima e professionalità della cucina di Bottura come di altri illustri colleghi.
    Mi spiace ma non troverete appigli per scrivere un De Bello Gastronomico.
    Voto entrambi, braviiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  4. simpaticamente, i giornalisti bricconcelli che estrapolano, stravolgono e coinvolgono in una discussione che non è stata tale due eccellenze come Bottura e Oldani! Gossip su cui sorridere
    Stiamo parlando di professionisti che si stimano, non di meteore in rotta di collisione.

    • Beh Massimo,
      e’ ovvio non incide quando ti fanno pagare sgombro e rognone al prezzo di aragosta e filetto.

      Poi se chiedi aragosta vedi se la materia prima non incide….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui