Bologna. I 5 migliori locali per bere birra artigianale

Tempo di lettura: 3 minuti

Fino a poco tempo fa, se eri a Bologna e volevi bere una buona birra dovevi prendere due bus, un taxi, un aereo e una mongolfiera. Nel giro di tre anni la situazione è molto cambiata: brew pub, beershop ed eventi brassicoli come se non ci fosse un domani e sono tutti sotto casa.

1. Green River

Green River

Al primo posto c’è senza dubbio il Green River. Perché, anche se non hanno birre in bottiglia (alle quali hanno dedicato un intero beershop, il Beer for Bunnies) la qualità delle proposte alla spina è alta. Gianfranco e Roberto (i gestori) sono simpatici e sempre disponibili a darti spiegazioni sulle quattordici birre, in buona parte italiane, che hanno in mescita.

Fino a oggi le mie birre top sono state: Lambiek di Boon, Spaghetti Western di Brewfist e una Fundamental Blackhorn di Hornbeer da far paura. E chissà cosa ci riserva il futuro…

Green River, via Petroni 3. Bologna

2. Birra Cerqua

Birra Porqua

Birra Cerqua è forse il primo brew pub di Bologna, aperto dall’aprile del 2013 e in costante miglioramento. La birra è prodotta nello stesso locale dove viene consumata (quando si dice, dal produttore al consumatore!) e non è raro vedere il birraio curare le proprie creazioni tra un’ordinazione e l’altra.

Per il momento, hanno quattro vie per sette tipi di birra a rotazione, e quando tocca alla PorQua (una porter ben equilibrata da circa 6,5%) c’è solo da gioire. Le altre birre sono: Q-Ale (golden ale), Four Hops (APA), Madre Cerqua (blanche), Desert Sun (pale ale), Cerquake (bitter) e la Crom (brown ale).

Birra Cerqua, via Broccaindosso 5.

3. Harvest pub

harvest pub

Degli stessi gestori del Green River, l’Harvest pub è un’ottima scelta per far gozzovigliare le vostre papille gustative. La selezione è fatta con una ratio diversa dal locale in centro, le birre sono forse più particolari, più di sperimentazione e danno meno spazio ai birrifici italiani.

I tavoli sono pochi e l’arredamento è un po’ demodé ma ci sono tante buone spine e qualche bottiglia. Li ringrazio ancora, e con i lacrimoni agli occhi, per avermi fatto bere un’eccezionale Stronge Extra Stout di Buxton alla spina.

Harvest pub, via Montello 4.

4. Birroteca La tana del luppolo

la tana del luppolo

Nel 1998, La tana del luppolo era un beershop in via Petroni, nel cuore universitario, e già piantava i primi semini della cultura birraia. Con il trasferimento in piazza Azzarita, del 2006, e la possibilità della mescita la missione non è cambiata: portare avanti la passione per le birre attraverso una vasta selezione di bottiglie, sei spine e una pompa inglese.

Tap list aggiornatissima: Cajun Estro, Cajun Honey Christmas, La Rulles Triple, La Rulles Estivale, Chimay Dorèe, Augustiner Edelstoff (dissetante eh, per carità, però non le dedicherei una spina in un posto così) e Sierra Nevada Pale Ale.

Birroteca La tana del luppolo, piazza Azzarita 5.

5. Ranzani 13

ranzani 13

Un locale un po’ sulla bocca di tutti è il Ranzani 13. Osannato per la pizza (a ragione), delude un po’ per il trattamento riservato ai clienti e per le proposte: insomma, un locale così non potrebbe azzardare con qualche birrificio “chicca”, invece che puntare sui soliti noti?

E poi, diamine, so che non è semplice, ma voglio una carta delle birre in bottiglia. Soprattutto se mi sento dire: “Abbiamo praticamente tutto” e alla terza birra che chiedo (di Mikkeller, peraltro) ancora scuoti la testa…

Ranzani 13, via Camillo Ranzani 5/12.

Se avete sete di birra, questi sono i 5 migliori locali di Bologna, quelli che proprio non potete perdere.

E se continuate ad avere sete, vi do un altro indirizzo, incontentabili

+1. Lortica

L'Ortica

Qualcuno lo chiama rifugio storico degli appassionati di birra, altri meta imperdibile, ma per me Lortica non si rivela all’altezza delle aspettative. Lo consiglio solo se:

– siete degli indecisi, e forse non volete proprio una birra, preferite un vino biologico certificato;
– siete appassionati di soul & vegan food;
– vi piacciono i locali trendy e per questo affollati;
– per qualche ragione bevete Ubuntu cola.

Sulle birre, infatti, non si sbilanciano mai, la scelta è piuttosto ristretta e i prezzi altini.

Lortica, via Mascarella 26.

E voi, avete altri indirizzi da sottoporci?

[immagini: Alessandra Di Dio, Facebook, www.lortica.org]

25 Commenti

  1. Davvero senza polemica, ma fa un po’ sorridere l’incipit “fino a poco tempo fa…”
    Che suona tanto: ero minorenne, e non potevo bere birra; oppure: solo di recente ho scoperto il mondo del luppolo.
    Di sicuro, dal punto di vista storico, “fino a poco tempo fa…” riguarda al più gli ottimi, validissimi, indirizzi segnalati. Sui quali davvero non posso che mettere una crocetta di approvazione.
    Semplicemente, a Bologna buone birre si bevevano, da molti più anni di quanto credi 🙂

  2. senza nulla togliere agli altri locali citati, il Ranzani13 l’avrei messo molto più in alto nella graduatoria. non mi pare affatto che punti stabilmente sui “soliti noti”: ad esempio, proprio ieri sera ha portato a Bologna per la prima volta alla spina le fantastiche birre di Magic Rock, fra cui persino una berliner weisse; ricordo di averci bevuto autentiche chicche di Bayerischer Banhof, Wild Beer, Rogue, Kernel, fra poco avrà la Gueuze Tilquin alla spina… inoltre se i “soliti noti” sono birrifici di qualità superiore come Montegioco (sfido a trovare un altro locale nel raggio di 100 km che proponga la Draco a pompa a 5 euro!) allora ben vengano queste abitudini!

    io promuovo ampiamente anche Lortica, che oltretutto ha aggiunto un birrificio di sicuro affidamento come Menaresta in pianta stabile fra le sue spine. concordo però sui prezzi: certe volte davvero inaffrontabili.

      • hai ragione: nella foga ho dimenticato non solo l’Arnage, ma persino l’ottimo Barbeer di Forlì. anche se, se non ricordo male, in quanto a prezzi il Ranzani li batte entrambi 😉

  3. Ranzani: recensione ingiusta…ma poi tu vai a chiedere “mikkeller” (stupendoti che non l’hanno in bottiglia, come se fosse un “must”) e non noti le spine di Montegioco???

    Lortica: i prezzi “altini” sulle birre??? Ma se usano le pinte inglesi…i prezzi sono in linea con gli altri locali, anzi a volte piu’ bassi (per 5 euro ti danno appunto una pinta inglese e non quella americana)

  4. Suggerirei anche “Il Santo Bevitore” in via Galliera 42, gestito dai ragazzi dell’ex Sherlock Holmes. Ottime birre sia in bottiglia che alla spina, con proposte sempre nuove. Massima cordialità e prezzi onesti.

    • Un nome, non l’unico Simone, tra quelli che volevo sottolineare nel mio primo intervento. Uno di quelli che esistevano “prima degli ultimi tre anni”, diciamo… giusto “qualche” anno prima di tre anni fa 🙂

  5. io vorrei suggerire musica e birra un ex locale di video nolo in via bellaria 30/E che nel week end fa un aperibirra con birre ottime e da tutto il mondo (non le solite haineken tranquilli) rigorosamente in bottiglia!!! provatelo!!!!!

  6. Come al solito devo leggere i Premi marchetta dell’anno!

    Non ne pub ne brew e beershop ma rido alle classifiche stilate

    Innanzitutto Credo che dire che tutti i citati siano bravi e’ scontato
    ma la tua classifica mi latita per impreparazione,

    Innanzitutto mi dici questo e quello e’ bravo perche ha…..
    Ma ha quello che piace a te ho che piace a tutti???
    Poi pero’ non mi parli delle birre stagionali presenti ,non mi parli della forma delle birre in spina,non mi parli della sipallatura della qualita’ del colore schiuma persistenza,non mi parli della location non mi parli di niente.
    Mi metti hai primi nei primi 3 due posti della stessa persona piu’il loro beershop(tra l’altro uno fuori dal centro)
    Il Green river ha delle ottime birre pero’ per esmpio io non ci starei piu’ di 10 minuti da quanto e’ freddo come posto.
    Ranzani puo’ stare simpatico o meno(a me meno) pero’ non puoi giudicarlo perche non ha una birra che vuoi tu….lo devi giudicare per il prodotto .
    Chiudo dicendo che se avessi un pub non farei affatto fatica ad avere tutte le birre nominate da voi …non e’ che stanno reperendo diamanti.Mi parli di cose che possono avere tutti.
    Anzi se vuoi te ne fornisco 10 barilotti di ogni citate.
    Secondo me Ogni posto e’ valido e lo citerei per momenti diversi e periodi diversi e voglie diverse anche perche se no berremmo tutte cose uguali ovunque.
    Detto cio’ Alessandra ti aggiungo
    Due tre Posti che non citi aime’

    Il Celtic che secondo me lavora per il green river harvest e altri messi insieme non avra’ molta scelta di artigianale ma sta crescendo anche li
    pero’ la competenza sulla birra la qualita’ delle spinature l’ambiente….Non ha eguali

    Poi la Bottega della Birra di Strada Maggiore Non ha le spine ma e’ sempre murato..Lo chiamano la tigre e si fa sempre ben volere da tutti ha un occhio di riguardo per ogni persona a oltre 500 birre e una location fantastica,uno che ti spiega le scelte del locale e determinate idee,che non lavora solo coi nerths della birra ma che aiuta a crescere anche i meno ferrati,secondo me lavora molto di piu’ di alcuni citati senza le spine figurati se le mette e un po di food….

    Poi aggiungerei Ragazzi preparati come prestesto e il beershop vicino lo stadio che crescono il movimento e permettono anche ad altri di gratificarsi dei loro lavori sporchi..

    • Sono d’accordo con te e un giudizio un po’ approssimativo
      Secondo me Green River Ranzani Ortica la Bottega Della Birra Celtic,Cerqua
      Hanno tutte ottime qualita’ poi c’e’ chi sceglie uno o l’altro
      il fatto crea un po’ di competivita’ e migliora la scelta.
      Al primo posto ‘senza dubbio’ mi fa un po’ridere,
      sinceramente e’ un primo posto personale,
      poi che lo meritano o no non lo gudico io che non sono nessuno.
      Penso che sia la gente che faccia i primi posti non il singolo

      Ogni tanto sono andato al ranzani 13 e devo dire che ha prodotti molto buoni, sia food che beer ,poi che lui sia un po’ tipo egocentrico e a volte per questo fastidioso,ma passa in secondo piano,Io vado per mangiar e bere bene.

      L’ortica ha ottimi prodotti forse dovrebbe curare un po’ meglio gli aspetti tecnici e pensare meno ad ammassare,magari dando una proposta economica un po’ migliore e controllare la spinatura.

      il green river ha un ottima scelta e sono competenti di certo non e un ,”un macche” pero’ dai nel complesso merita la stima per i prodotti,le tante spine e
      la loro cura ,forse meno bravi nel saper attrarre.

      La Bottega non ha spine quindi secondo me meno paragonabile nel contesto pub o ristopub brewpub , ha tante birre per tutti i gusti da non sottovalutare e il posto e’ decisamente bello e l’ambiente divertente,sempre pieno di giovani, lui ci sa fare non mi stupirei di exsploit futuri.

      Cerqua sono ottimi ragazzi magari devono ancora crescere pero’ secondo me hanno quella grinta e voglia che presto gli dara’ la ribalta che meritano,la passione li renderanno forti una for hops la bevi sempre volentieri!!

      Il Celtic e’ una storia romantica della birra di Bologna un posto che comincia ad assaporare l’artigianale ma non perde il calore e lo stile che ti da un pub sapientemente da anni ben gestito e’ un piacere bere una birretta da loro.Sono ancora i migliori per me!

      Harvest mi parlano bene ma non l’ho mai visitato e presto lo faro’volentieri

      La tana ha grandi competenze tecniche la sua storicita’ in Bologna e’ di lunga data e’ un altro personaggio particolare come quasi tutti i birraioli citati pero’ ha dato molto al movimento (e ne dara’ ancora),,,

      Detto cio’ come fai a fare una classifica e’ difficile perche ognuno puo’ dire la sua e puo’ essere il contrario della mia
      poi c’e chi sta simpatico uno meno l’altro chi va a periodi,,,
      IO pre non sbagliare do un premio a tutti
      Una cosa e’ certa
      W la birra!

  7. Segnalerei un piccolo pub che ha cambiato gestione da poco, l’ex Sottovoce, ora noto come Birrato…Le birre alla spina per me sono di ottima qualità, magari leggermente più commerciali di quelle disponibili nei locali sopra citati ma sempre servite con un ottima spinatura. I ragazzi sono simpatici e sempre cordiali, l’unico neo è il parcheggio che in zona San Mamolo è davvero poco…però quest’estate quando bologna sarà attaccata dall’afa penso che sarà un ottima tappa per chiunque abbia la voglia di spostarsi in macchina

  8. Belli tutti quelli citati, ognuno valido per ogni aspetto, anche se ancora quando entro in un locale cerco cortesia oltre che professionalitá!

    Stando in zona saragozza frequento spesso la frasca che di birre buone ne ha sempre avute tante ed è un pilastro a bologna, e i neofiti non li trattano con saccenza, anzi… Ciao!

  9. A me quello che fa ridere invece e’ che adesso ” basta essere birre artigianali ” per essere buone,mentre ci sono industrie che da secoli fanno ottime birre ,con standard qualitativi e IGIENICI ultra testati .in Italia ci sono oltre 600 birrifici artigianali, e tra questi quelli affidabili saranno non piu di 20 a stare larghi.
    Io fossi in un gestore curerei molto di piu la spillatura della birra, cosa troppo trascurata in moltissimi locali.tra questi infatti premierei il Celtic ,ottime birre commerciali….,ma spinate con un impianto “stracurato” .tra quelli che avete citato ci sono locali con titolari che con due corsi di beer somelier si sentono fenomeni …13

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui