Roma. Not Only Bread: la protesta contro Marino corre sul filo del panino

panini

I panini sono indigesti per il sindaco di Roma. Lo aveva già sperimentato Gianni Alemanno che ne aveva fatto le spese con un flash mob contro l’ordinanza antipanino e anti bivacco.

Ora è la volta del sindaco Ignazio Marino che non subisce un flash mob ma si vede recapitare la protesta di Not Only Bread causa multa e chiusura per occupazione di suolo pubblico.

Ecco cosa è successo direttamente dalle parole dei gestori del locale romano.

Dal 17 novembre al 21 novembre il locale resterà chiuso per ordine del Comune di Roma a seguito di una indebita occupazione di suolo pubblico di mq. 3,12 (2 piante e 4 sgabelli): infrazione per la quale siamo stati anche sanzionati con oltre 1.000 € di multa.

Ringraziamo il sindaco Marino e la sua Giunta ricordando che pochi mesi fa i 130.000 mq del Circo Massimo sono costati agli organizzatori del concerto dei Rolling Stones poco meno di 8.000 euro.

Michele Serra avrà anche ragione che in Italia non siamo più abituati al rispetto delle regole ma dovrà renderci atto che quando le regole ed i pesi sono inversamente proporzionali a chi è chiamato a rispettarle c’è chiaramente qualcosa che non va!!!

Riapriamo sabato 22 e se vi va venite che festeggiamo!!!

P.S. Ignazio Marino sei invitato

Le regole sono regole e vanno sì rispettate. Ma diventa difficile concordare che vale sempre la norma base: rubare una mela o rubare un quadro di inestimabile valore è sempre rubare.

Io da parte mia posso dirvi che da Not Only Bread ho mangiato uno stupendo panino e ve lo racconto.

salumi

Il locale è microscopico senza insegne altisonanti o ammiccanti. Ho ordinato il panino più “semplice”, con crudo (3 €)

Dopo qualche minuto mi viene presentato bene nella sua semplicità un panino al sesamo, riscaldato al punto giusto con prosciutto laziale e un po’ di insalata e pomodori. Al primo morso ho avuto la riconferma che l’abito non fa il monaco. Inizio a parlare con il proprietario, Roberto Vitaliano, che mi spiega un po’ la sua filosofia: solo prodotti “a km 50” se così possiamo dire, di produttori nelle vicinanze di Roma, o al massimo del Lazio.

wurstel

Mi fa vedere una mortadella, di piccolo diametro, pastosa, dal sapore diverso e piacevolissimo da quella tradizionale bolognese, e mi fa assaggiare un particolare formaggio, il Cardo di Martignano (un pecorino a pasta molle) e anche un mega-wurstel fatto non con scarti ricavati meccanicamente ma solo con carne “vera”.

Insomma una piacevole sorpresa che potrete ri-assaggiare fra qualche giorno. Alla ri-apertura

Not Only Bread. Via di Parione, 28. Roma. Tel. +39 06 6476 0869

7 Commenti

  1. Innanzitutto va detto che gli 8000 euro dei Rolling Stones sono stati pagati per ottenere l’autorizzazione mentre i 1000 pagati dal locale rappresentano una sanzione per aver commesso un illecito.
    Poi facendo due conti con i dati forniti nell’articolo si evince che per il circo massimo si pagano 6 centesimi a metro quadro al giorno; secondo questi parametri il locale avrebbe speso una settantina di euro per avere la concessione del suolo pubblico per un anno.
    Poiché non ha voluto spendere poco prima, si ritrova giustamente a pagare tanto dopo.

    • Sono d’accordo, le regole vanno rispettate. E con questa bella pubblicità, vedrai che faranno quanto basta per pagare l’ammenda.

  2. Quella strada, come quasi tutti i vicoletti del centro storico di Roma, è ridicolmente stretta, i tre metri quadri in questo contesto sono più di quanto sembri.

  3. Prima precisazione la sanzione ė stata emessa per 2 fioriere. 40 X 70 appoggiate al muro ai lati del locale e 4 sgabelli ikea, (con questo non voglio dire che non abbiamo sbagliato, ma semplicemente la sproporzione della pena rispetto al reato) inoltre vorrei precisare che non solo nel centro di Roma i permessi di OSP non vengono rilasciati, ma sono stati anche sospesi a chi li aveva già senza spettare la naturale scadenza del permesso stesso, ulteriore precisazione è che non capisco per quale motivo l’occupazione di suolo pubblico costa notevolmente più di 6 centesimi per un locale che la richieda.
    Inoltre sempre solo per precisione la strada dove si trova il locale è larga oltre tre metri, e le mie fioriere sono state prontamente sostituite da autovetture parcheggiate, e forse anche una smart occupa più di 3 mq.

  4. il formaggio che hai mangiato dovrebbe essere il cosiddetto “Caciofiore di Columella”, ideale per i vegetariani “duri e puri”, quelli che non sopportano il fatto che il caglio sia di origine animale, perché qui il caglio è ottenuto dal cardo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui