Expo 2015 Street food

Costa troppo mangiare a Expo. Sì e no. Avete il vituperato McDonald’s che vi fa mangiare a pochi euro ma, confesso, io non sono entrata.

E ho puntato direttamente sullo street food, il passaporto universale per mangiare low cost in ogni parte del mondo.

Food Truck Nation Expo 2015 Stati Uniti

Mi attira subito “Food truck nation”, cioè gli Stati Uniti d’America che fanno sventolare il vessillo del food 2.0. Pensavo di trovare il top, camion bar di ogni tipo in grado di trasportare, in un sol boccone, il visitatore goloso negli Stati Uniti.

E invece niente: hamburger di angus (da 8 €), ribs (da 11 €), pesce (da 7 €), qualcosa per vegani (da 6 €) e dolci (da 6 €) ma dentro, a preparare il tutto, personale italiano.

E allora giro i tacchi e mi metto alla ricerca di qualcosa di più interessante. Torno indietro e un profumo di tartufo davanti al padiglione della Slovenia mi chiama (lo stesso banchetto è presente dietro a quello della Repubblica Ceca).

Expo 2015 Street food Pasta al tartufo

Mi fermo, valuto: 7 € per una porzione di pasta al tartufo. Decido di prenderla e di mangiarla camminando, mentre provo a guadagnare  la terra promessa dello street food all’Esposizione milanese. Il piatto di cartone biodegradabile è perfettamente in tema con il senso profondo dello street food, è comodo (sta in una mano) e perfetto da portare a passeggio.  Sui miei garganelli mettono formaggio ed erba cipollina, ma non mi tiro indietro. Sapore? Buono, peccato per la cottura un po’ troppo avanti della pasta.

Expo 2015 Street food croissant

Il mio tour prende una piega decisamente positiva quando arrivo davanti ai padiglioni dell’Olanda e della Francia, attaccati e con veri food truck. Tutto quello che cercavo. Così dal banco mi prendo un croissant salato (2,5 €), ma mi porto via una baguette (2 €).

Expo 2015 Street food mini pancake olandesiExpo 2015 Street food Francia

Decido di concludere la mia prima ricerca con qualcosa di dolce, quand’ecco che noto una fila di diverse decine di metri. Si tratta di un food truck olandese, con Olandesi in carne e ossa sopra che di parlare due parole di italiano oltre a ‘ciao’ e a ‘grazie’ non ne vogliono proprio sapere. “Dove c’è fila, sta sicura che si mangia bene”, si dice e quei mini pancakes hanno un aspetto invitante. Mi metto in fila anche io, pago i miei 4,50 € e con una forchettina mangio i miei otto (forse pure troppi) pancakes formato mini, con Nutella sopra. Perché uno dei mantra dello street food è che “se non è almeno un po’ grasso, non ci piace”. Leggermente indietro di cottura al centro, ma lo show-cooking in diretta dell’Olandese che si sente un asiatico che gira polpette mi ha emozionata veramente tanto. E così anche da questo padiglione esco soddisfatta.

Con la pancia (quasi) piena mi metto a gironzolare e faccio la turista. Mi comunicano che le larve e le cavallette non saranno proposte prima di un qualche giorno, ma che se ho voglia di fritto, al padiglione del Belgio fanno coni enormi pieni di patatine (4 €).

Riprendo il mio tour dopo qualche ora, l’appetito è tornato mentre a pochi metri da Palazzo Italia l’Albero della Vita sputa bolle di sapone. Mi giro, mi rigiro e mi chiedo: ma dov’è il cibo? Lo so, in questo esatto momento pochi fortunati stanno degustando i gioielli di Identità Expo (come Massimo Bottura) e a Eataly c’è un ristorante per ogni regione e potrei addentare una pizza democratica a 7,50 € da Rossopomodoro. O scegliere tra pizza e pasta a 10 € da Ecco – Pasta e pizza.

Expo 2015 Street food bis

Vedo un grande movimento nello spazio dell’Alto Adige e colgo l’occasione per comprare un brezel (3,50 €) e mangiucchiarlo mentre continuo a guardarmi in giro per trovare qualche esemplare di street food made in Italy.

prosciutto Expo 2015 prosciutto

Cuoppo? No. Pani câ meusa? Nemmeno. Panino con lampredotto? Non se ne parla. Invitante il palazzo multipiano di Citterio. D’altronde ho ancora una baguette da parte e dovrà pur essere riempita. Metodo di pagamento veloce, macchine all’ingresso che prendono banconote e spicci, danno il resto e sputano scontrino e comanda: 4 € per tre assaggi, 7 € per sei.

Expo 2015 Street food Citterio

Il vassoio è una scatola con tre contenitori. Si va dall’affettatore che al momento taglia a macchina tre fettine del salume scelto. C’è il San Daniele, il cotto, il prosciutto di Parma, lo speck nordico, la bresaola e il salame. Prendo anche una birra (3 €) e mi siedo sulla prima panchina che incontro per farcire con i salumi la baguette francese comprata poche ore prima.

Ecco, miei cari lettori, ora conoscete la strada per mangiare a bassissimo prezzo all’Expo a Milano.

Una francese baguette con un italiano prosciutto e una birra vi costa 9,50 €. Pizza e birra vanno un po’ più su: 10,50 €, ma se siete virtuosi con l’acqua restate sotto i 10 €.

A meno che voi non siate riusciti a scovare cibo a prezzo ancora più democratico. E volete condividere con noi le scoperte.

11 Commenti

    • Ciao Paola,
      a quanto pare si dovranno aspettare alcune settimane prima che lo street food asiatico esca dalla fase di rodaggio. Considera che, per esempio, il Giappone su carta ha ben quattro ristoranti, ma per ora ne hanno consegnato uno, forse l’altro è stato consegnato ieri o lo sarà nei prossimi giorni. In definitiva il mio consiglio è quello di aspettare un po’. Anche per assaggi più audaci, tipo cavallette e larve. Poi ovviamente facci sapere com’è andata e che ne pensi. A presto!

  1. Grazie dell info. Infatti è questo che non trovo nelle notizie da parte dei primi visitatori: cosa manca, cosa evitare, cosa non perdersi, quando andare. Per questioni di tempo ed energie pensavo di tralasciare l’assaggio di cibi europei e USA che conosco bene, mentre mi incuriosiva il resto. Di perdere tempo e soldi in ristoranti non ne ho voglia. Cosa consigli? Preferisco cose veloci. Vorrei andarci tra 20 giorni. Troppo presto? Sono indietro con le consegne?

    • Penso che venti giorni vadano bene. Ma ti consiglio vivamente di fare un salto tra Olanda, Francia e Belgio. Lì potresti trovare qualche chicca interessante. Anche tra gli italiani, il “palazzo” Citterio – come ho scritto – non è male per uno spuntino. America non soddisfa.

  2. Si si li conosco bene.
    A Gorizia in settembre c’è una mega manifestazione sui cibi Europei. Si chiama “Gusti di Frontiera”. Te la consiglio se ti piace lo street food alternativo.

  3. le mie scoperte girovagando.
    Degustazione caffè nel Padiglione dell’Uganda a volte in quello dell’Etiopia nel Cluster Caffè.
    Degustazione cioccolate a vari gusti (Ottime arancia e cocco) nel Padiglione Lindt
    Degustazione Prodotti Tipici Nazionali Padiglione Russo.
    11:30-12.00; 13:00-13:30; 14:30:15:00; 16:00-16:30; 17:30-18:00; 19:30
    Degustazione datteri nel Souk del Padiglione de Qatar
    Questo tutto gentilmente offerto.
    Da assaggiare pagando una sciocchezza.
    Il Panino Cunzato e La Pizza pomodoro e Origano (2 Euro l’uno, nella Sicilian Bakery del Cluster Bio-Mediterraneo
    Somosa di carne verdure o pollo nei Padiglioni del Cluster del Riso. Spesso in omaggio anche dei dolcetti di riso fritto.
    Il prossimo fine settimana ci tornerò e vi faro sapere.
    P.S. Per chi abita in zona come me o capiterà spesso a Milano consiglio caldamente la Season Pass, 115 Euro, accessi illimitati per tutta la durata dell’EXPO ingresso privilegiato e niente file. La sera dopo le 19 ingresso a 5 Euro ma con file belle lunghette.
    Buon divertimento

  4. ognuno è libero di fare ciò che vuole per carità…….ma andare alla FIERA del cibo mondiale per mangiare Citterio e/o Beretta……boh!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui