Obiettivo Lavoro. Per Manpower scarseggiano gli chefTempo di lettura: 2 min

aspiranti chef e camerieri

Conoscete la teoria che tutti vogliono fare gli chef perché guardano la televisione con i vari MasterChef, La Prova del Cuoco, Hell’s Kitchen, Cucine da incubo?

In pratica ci sarebbero legioni di giovani pronti ad immolarsi sul sacro fuoco dei fornelli pur di dire “Oui, je suis chef”.

Con grave danno per tutte le altre professioni e mestieri a partire dai nobili camerieri che si sono dovuti riunire in associazione a difesa della specie nemmeno se stessimo parlando del panda e del WWF.

Sento già ronzare i pungiglioni pronti a colpire lo sventurato che voglia opporsi a questo dato di fatto.

E avete quasi ragione perché è uscita la decima edizione del “Talent Shortage 2015” che non è un nuovo programma tivvù, ma l’indagine annuale condotta da ManpowerGroup che coinvolge oltre 41.000 responsabili di Risorse Umane di 42 Paesi.

E sapete che ne esce? Che in Italia, nonostante un tasso di disoccupazione ancora alto, c’è un 28% di aziende che riscontra difficolta nel ricercare lavoratori con le giuste competenze. Secondo l’indagine, è finita l’era in cui ad essere richiesti erano ingegneri, laureati in economia e commercio, architetti, avvocati e notai.

infografica ricerca lavoro chef manpower

“Dall’indagine si evince come i posti di lavoro maggiormente disponibili sono quelli non facilmente sostituibili dalla tecnologia. – ha commentato Stefano Scabbio – Presidente Area Mediterranea ManpowerGroup – Rispetto al passato, pero’ le competenze richieste dalle aziende stanno diventando sempre piu’ elevate. Per competere sul mercato del lavoro sara’ necessario quindi quel giusto mix di conoscenze tecniche (hard skills) e competenze”.

macelleria

Al primo posto delle richieste nel mondo ci sono gli addetti specializzati nelle lavorazioni e in particolare chef, pasticcieri e macellai. Che sono in calo, ma pur sempre nelle prime 10 posizioni in Italia

Ci vogliono, però, competenze più elevate. Niente bruciapadelle ma tutti aspiranti stelle Michelin?

cannavacciuolo

Non lo so, ma stasera guarderò con occhio diverso Antonino Cannavacciuolo impegnato a redimere ristoratori e chef approssimativi. Serve saper cucinare e conoscere almeno un paio di lingue perché “il turismo è un settore in crescita che può offrire diverse opportunità d’impiego soprattutto in ambito alberghiero e nella ristorazione”.

Studente avvisato, chef mezzo salvato.

[Link: Agi. Infografica: Manpower]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui