Sugo nuova manifestazione Roma

Avete già sentito parlare di Sugo a Roma?

Andate oltre quello che preparate a casa e guardate la pentola. Sugo è il nuovo evento che mette insieme contenuto e contenitore, il cibo che ci appassiona e un pop up store per approvvigionarvi di quello che serve a casa e in cucina.

Mettete subito in agenda le date, 12-13-14 giugno, e l’indirizzo di Officine Farneto dove si svolgerà la tre giorni dei “condimenti per la casa“.

Partiamo subito con quello che non può mancare in una manifestazione che si chiama Sugo, il cibo.

Il Bistrot, la Pasticceria, la Dispensa e il Cocktail Bar vi coccoleranno il giusto. Avrete a disposizione un menu messo a punto da Igles Corelli, direttore della scuola di cucina Les Chefs Blanc coordinata da Sandro Masci, e ci saranno i dolci di Giulia Steffanina. Non finisce qui perché da Sugo troverete lo street food newyorkese e quello siciliano in un confronto di mondi gustosi quanto i fritti di pesce dell’ape Civitavecchia, le polpette de L’Appetito e le proposte dell’osteria vegetariana Zoe.

Sugo Roma cibo e design

Ma non vi saziate subito perché Sugo vi apre le porte sul mondo del design.

Il menu propone in esposizione grandi marchi ed etichette di produttori indipendenti italiani e stranieri: Seletti, Bitossi, Hemmesphere, Kubikoff, Norman Copenaghen, Present Time, ex.t. Nel Kids design Ferm Living, Oeuf, Challières, Nobodinoz, Woodly.

Insomma, il bello e il buono del cibo e della casa si sono dati appuntamento in un unico luogo per farvi scegliere.

Sugo bambini

Anche insieme ai più piccoli grazie a due piattaforme di e-commerce co-protagoniste dell’evento: Buru Buru e Le Civette sul Comò.

I visitatori potranno toccare gli oggetti che più piacciono e acquistarli a condizioni speciali inviando l’ordine dalle postazioni oppure attraverso il proprio tablet o smartphone.

Ci fermiamo qui, per il momento e visto che abbiamo parlato di Sugo ci sta una ricetta.

Una pasta al pomodoro da fare in pochi minuti perché vogliamo regalarvi subito 10 ingressi a Sugo.

Regaleremo il biglietto a chi sarà più rapido a dirci la sua ricetta veloce preferita.

Pronti? Via ai commenti (e ricordate di controllare la vostra mail per ricevere la conferma): Sugo vi aspetta.

Sugo semplice: pasta al pomodoro

Sugo ricetta

Ingredienti (per 4 persone)

500 g di vermicelli del Pastificio Gentile
400 g di pomodori pelati Maida
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 spicchi d’aglio
Foglioline di basilico
Sale e pepe

Procedimento

Far imbiondire gli spicchi d’aglio in una padella con l’olio extravergine di oliva.

Aggiungere i pomodori ridotti a dadini e far cuocere per circa 15 minuti.

Unire qualche fogliolina di basilico tritato molto fine, condire con sale e pepe e far cuocere ancora per qualche minuto.

Un sugo perfetto per condire diversi formati di pasta, provatelo con i vermicelli lessati in abbondante acqua salata, scolati e saltati in padella o conditi con il sugo.

Per completare parmigiano grattugiato a piacere e qualche fogliolina di basilico per decorare.

E restate sintonizzati, le sorprese non sono ancora finite.

[Ricetta: Rosalia Imperato. Immagini: Rosalia Imperato, Sugo, Scatti di Gusto]

18 Commenti

  1. Vale anche con il pomodoro a crudo? Arriva l’estate e ci vuole qualcosa di fresco…

    (4 persone)
    500 g di Spaghetti Senatore Cappelli
    400 g di pomodori datterini
    Olio EVO q.b.
    1 Peperoncino “Hot Lemon”
    5 spicchi Aglio rosso di Nubìa
    Basilico q.b.
    Sale
    Pepe
    Bottarga di Muggine

    Almeno un’ora prima di cuocere la pasta, tagliare i pomodorini e amalgamarli in un piatto con l’olio, il peperoncino tagliato a pezzetti, gli spicchi d’aglio tagliati a metà, il basilico, il sale ed il pepe.
    Cuocere la pasta al dente e scolare nel piatto dove il condimento si sarà insaporito.
    Al posto del parmigiano, spolverare con la bottarga.
    ps Per i palati più delicati, rimuovere l’aglio prima di scolare la pasta.
    Buon appetito!

  2. Penne corte
    Passata di pomodoro
    Condimento speziato per pasta al sugo
    Olio d’oliva
    Peperoncino tritato in olio d’oliva.

    Il condimento che uso è preparato di cui non ricordo il nome, ma sono semplicemente spezie e odori, pepe, sale che si possono mettere insieme anche da soli.
    Si fa cuocere un po’ la passata con il condimento in padella mentre la pasta cuoce, appena è al dente si mette nella padella per far amalgamare il tutto al meglio e restringere un po’ secondo i gusti, si aggiunge un po’ di peperoncino che da ancora più sapere e un po’ di piccante a piacere che fa sempre bene!

    Si mangia!

    veloce, semplice, economica, buona!

  3. Amatriciana:

    Ingredienti per 4 persone:

    500 g di spaghetti
    125 g di guanciale
    un cucchiaio di olio di oliva extravergine
    400 g di pomodori pelati
    un pezzetto di peperoncino
    100 g di pecorino
    sale

    ESECUZIONE

    Fate rosolare a fuoco vivo l’olio, il peperoncino ed il guanciale. Togliere dalla padella i pezzetti di guanciale, e tenerli da parte possibilmente in caldo.
    Unire i pomodori, aggiustare di sale, mescolare e dare qualche minuto di fuoco.

    Togliere il peperoncino, rimettere dentro i pezzetti di guanciale e fate asciugare la salsa.

    Lessare intanto la pasta, al dente, in abbondante acqua salata scolarla e metterla in una terrina aggiungendo il pecorino grattugiato e poi versare la salsa.

    Rigirare e eventualmente aggiungere altro pecorino.

  4. Rigatoni Sugo e Piselli:

    Ingredienti per 4 persone:

    320 g di rigatoni
    300 g di piselli surgelati
    1 cipolla
    2 spicchi di aglio
    passata di pomodoro
    1 bicchiere di vino rosso
    olio evo
    sale, pepe
    pecorino e parmigiano grattugiati

    Pulire la cipolla e l’aglio e soffriggerli per qualche minuto nell’olio, quindi versare i piselli e la passata di pomodoro, aggiustare di sale e pepe e allungare con dell’acqua calda. Lasciare cuocere il sugo per almeno 1 ora fino a quando il sugo si sarà ristretto.
    Cuocere i rigatoni in abbondante acqua salata, scolarli e versarli nel sugo. Amalgamare gli ingredienti e spolverare con una ricca manciata di pecorino e parmigiano.
    Servire con abbondante sugo

  5. Ingredienti:
    600 gr di filetto di tonno fresco
    1 limone
    4 germogli di menta
    1 cucchiaio di menta tritata
    1 spicchio d’aglio
    1 cucchiaino di miele di acacia
    1 cucchiaino di aceto di vino bianco
    Peperoncino q.b.
    Sale q.b.
    Granella di sale affumicato q.b.
    Olio extravergine di oliva q.b.
    Preparazione:
    Tagliare a fette il tonno e ricavarne 4 filetti che successivamente taglieremo a cubetti, trasferire il tutto in una ciotola d’acciaio e condire con succo di limone, un filo d’olio extravergine di oliva, il miele, l’aceto, la menta tritata, il peperoncino, e lasciare marinare per circa 10 minuti. Profumare il piatto che accoglierà la portata con mezzo spicchio d’aglio e con l’aiuto di un coppapasta, iniziare a comporre la tartare. Servire con qualche granello di sale affumicato, un germoglio di menta e un cucchiaio della stessa marinatura utilizzata in precedenza.

  6. Spaghetti ai tre pomodori
    Ingredienti:
    Spaghetti di semola di grano duro Benedetto Cavalieri 400 gr
    Pomodori piccadilly 200 gr
    Pomodori ciliegino 200 gr
    Pomodori San Marzano 200 gr
    Timo, maggiorana, Origano, Basilico
    100 grammi di Stracciatella pugliese
    Zucchero Aceto

    Iniziamo col lavare i pomodori ciliegino: asciugarli, tagliarli a metà e adagiarli su una teglia rivestita di carta forno, con la metà tagliata rivolta verso l’alto. Spolverizzare i pomodorini con origano, zucchero, aceto e un filo d’olio. Infornare in forno ventilato preriscaldato a 200° per 20 minuti.
    Lavare i piccadilly, privarli dei semi e della buccia, riduceteli a filetti e condirli a crudo con olio, timo e maggiorana.
    Con i San Marzano preparare una salsa leggera in cui avrà soffritto uno spicchio d’aglio e a cui si aggiungerà a fine cottura il basilico.
    Cuocere gli spaghetti al dente, scolarli e ripassarli brevemente in padella con un po’ di acqua di cottura perché non asciughino troppo.
    Servire, aggiungendo la stracciatella su ciascun piatto.

  7. Pasta pomodoro e basilico:

    Ingredienti per 4 persone
    500 g di spaghetti
    400 g di pomodori pelati
    1/2 cipolla
    1 cucchiaino di zucchero
    olio evo
    basilico
    parmigiano grattugiato

    Fate dorare la cipolla in una padella con l’olio extravergine di oliva. Aggiungere i pelati tagliati, lo zucchero e fate cuocere per circa 10 minuti.Salate.
    Quando il sugo sarà pronto aggiungete le foglie di basilico
    Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salate. Scolate al dente, e saltate in padella per qualche minuto.
    Servite con del parmigiano grattugiato fresco.

  8. Io faccio il sugo “derivato”, memore della prova di mate della maturità.
    Esso si sostanzia nel sugo delle polpette (talvolta con piselli) o del polpettone. A sua volta preparate con gli avanzi del lesso del brodo.
    Quindi, a rigore, derivata seconda
    Prima: realizza polpette
    Seconda: cuoci polpette in suo sugo abbondante
    Conclusione: usa sugo di polpette per condire tuoi spaghetti

    P.S. questa derivata seconda è positiva per definizione, e quindi la sua concavità è perfettamente adatta per accogliere e sfondarsi di spaghi al sugo. Augh!

  9. 350 g di spaghetti
    300 g di polpa di pomodoro
    500 g di triglie
    1/2 bicchiere di vino bianco secco
    1 spicchio d’aglio
    1 peperoncino secco
    1 acciuga dissalata
    3 cucchiai d’olio evo
    sale e pepe
    Pulite le triglie, coi filetti cuoceteli in padella con l’olio d’oliva, l’ acciuga, l’aglio e il peperoncino. Appena i filetti saranno bianchi dal lato della polpa e rosso vivace dalla parte della pelle, dopo 5-6 minuti, versate il vino bianco per sfumare e attendete fino a quando sarà totalmente evaporato. A quel punto spezzettate i filetti e aggiungete la salsa di pomodoro.
    Fate cuocere il pomodoro per una decina di minuti e regolate il sale e il pepe. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e tenetela al dente, mettete da parte un bicchiere d’acqua di cottura, saltate la pasta nel sugo e servite immediatamente!

  10. Salsa di anacardi e zafferano

    Ingredienti per 3-4 persone:
    50 g di anacardi
    140 ml d’acqua
    1 cucchiaio di olio EVO
    1 pizzico di stimmi di zafferano
    sale e pepe

    Tritare gli anacardi nel macinino. Versarli nel bicchiere del frullatore a
    immersione insieme con metà acqua, l’olio, il sale e il pepe.
    Scaldare il resto dell’acqua in un pentolino e sciogliervi lo zafferano.
    Aggiungere quest’acqua con lo zafferano al composto e frullare per qualche minuto fino a ottenere una crema omogenea.
    Addensare la crema a bagnomaria a fuoco basso, mescolando.
    Utilizzarla per condire a piacere la pasta o gli gnocchetti di farro.

  11. Quando si parla di sugo bisogna (secondo me) parlare obbligatoriamente di pomodoro.
    Niente é piú mediterraneo di un bel sugo fatto con un bel filetto di pomodoro fresco, uno spicchio d’aglio ed un filo di olio evo.

    Nel periodo estivo adoro abbinare la succulenza e la freschezza di un buon pomodorino del piennolo (quello dalla buccia cosí sottipe che si spacca) con le olive ed i capperi.
    Scaldo l’olio in una capace padella, sfriggo e faccio imbiondire un pochino d’aglio ed un pò di peperoncino (quello roso fuoco). Aggiungo un bel trito di prezzemolo fresco tagliato al momento ed aggiungo i pomodori. I fusilli sono nati per questo tipo di sugo: li tuffo in abbondante acqua leggermente salata e mentre cuociono unisco al sugo le olive nere, i capperi ed un leggero mestolo di acqua di cottura e lascio insaporire il tutto.
    Quando la pasta sarà al dente (piú che al dente) la tuffo nel sugo e continuo la cottura risottando i fusilli e facendoli legare al sugo.
    ” ‘e che te magne” !!!!!

  12. Ricevono un biglietto di ingresso in regalo
    David
    Fabio
    ALessandro
    Silvia (2)
    Domenico
    Valeria
    Paolo
    FabrizioP
    Anto
    Giuseppe Alfredo Ruggi

    Cortesemente, inviate una mail a info[at]scattidigusto.it con un numero telefonico da dichiarare agli accrediti.

    Ci perdonerà Alessandra D, ma abbiamo considerato che gli altri lettori hanno inserito il testo della ricetta: grazie per l’assiduità con cui ci segue!

  13. Sono io che vi ringrazio per avere preso in considerazione il mio intervento che era poco più di un gioco, piuttosto che una vera e propria ricetta.
    Lascio volentieri il mio biglietto ad Alessandra D, se ha occasione: per distanza e impegni, oimè, non potrei comunque partecipare: dall’alta Val Badia vi penserò e vi seguirò dopo la giornata passata sulle curve, e il pomeriggio passato nel centro benessere. Sarebbe un peccato perderlo!
    Ma un pizzico di rammarico per la mancata occasione ci sarà, davvero; per superarlo credo che le serate dolomitiche finiranno a colpi di birra e racconti epici riguardanti i percorsi della giornata.
    Buon appetito, buon divertimento a voi che andate.

    • Ma grazie Paolo, un vero cavaliere (un po’ lontano, peccato)! Resterò in attesa perché mi sa che avevano contato una sola Silvia ed erano a 11!
      [Edit da Scatti di Gusto: Hai ragione, però… seguici!]

      • La sfortuna vera è che a Roma ci ho passato il ponte del 2 Giugno, e sarebbe stata l’occasione perfetta per includere anche questa visita.
        Ma non dispero, confido in una prossima occasione. Magari uno di questi contest coinciderà con la gita in moto.
        Fossi in zona, Alessandra, ci andrei anche senza biglietto omaggio. Mi auguro che tu riesca a farlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui