Milano. Assaggino diventa assaggione e non ditemi che non ve l’avevo detto

Ristoranti

Assaggino Milano

Io lo avevo detto subito. Perché un assaggino dovrebbe essere un parallellepipedo di una composta di ingredienti frullati assieme o qualcosa del genere, e non magari una porzioncina, una fettina, un quadratino?

Meno di un anno fa, l’inaugurazione di Assaggino in via della Moscova: l’idea c’è (ristorazione veloce, qualità italiana, miniporzioni cubettate).

La realizzazione, per quanto garantita dal Refettorio Simplicitas, ristorante in Brera, lascia un po’ a desiderare. Ogni assaggino è una purea, uno sformato, insomma un morbidone premasticato di ossobuco, pollo, parmigiana o. L’impressione non è gran che positiva: tornato un paio di volte (me lo aveva chiesto anche l’ufficio stampa), non ho avuto motivo di ricredermi: non che gli assaggini fossero cattivi, ma non li capivo.

assaggini a Milano2015-07-24 12.02.06

Ripasso dopo qualche mese, e decido di provare ancora una volta ad assaggiare gli assaggini di Assaggino, attirato anche da una serie di insegne e cartelli che sembrano evidenziare un cambiamento di rotta, pur mantenendo e anzi esplicitandolo nel nome (L’Assaggino di Refettorio) il legame col la casa madre di Brera.

Ed in effetti, entrando, mi trovo davanti a un deciso e totale riposizionamento del prodotto, Sono scomparsi le lunghe ed artistiche teorie geometriche di assaggini cubettati, a favore di altrettanto geometrici contenitori di preparazioni di dimensioni, consistenze e apparenze tradizionali.

Assaggino_2015-07-24 12.13.44

Si mantiene il nome e la formula di “assaggino”: la proposta prevede un piatto con due assaggini (leggi porzioni) a 7 €, tre + acqua a 10 €. E gli assaggini sono porzioni di melanzane alla parmigiana, pesce, verdure ripiene, hummus, lasagne, cavolfiore gratinato, patate al forno, zuppe e così via. Servite in un piatto unico (diviso in tre scomparti quello da tre porzioni).

Assaggiamo questi nuovi assaggini, ora divenuti “assaggioni”: discreto l’hummus, discreta la parmigiana di melanzane. Nel pomodoro gratinato, il ripieno di pangrattato era abbastanza moscio – mi sarei aspettato più prezzemolo, aglio, un po’ di nerbo.

La nuova domanda è: nel cambio, il gusto ci guadagna? Lascio a voi il giudizio.

Assaggino. Via Moscova 24, Milano. Tel +39 02 8907 0650




Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.