Milano. Elegia del migliore kebab, cioè sottocasa da Anatolia Kebab al Giambellino

Tempo di lettura: 2 minuti

kebab Anatolia

Anatolia Kebab è al 15 della storica via del Giambellino di Milano. Il Giambellino non è solo una via, è un modo di essere. Lo raccontava bene Gaber ne La Ballata del Cerutti che narrava di Gino. Il suo bar lo ricordava pure J-Ax nel brano La Fidanzata.

kebab

Oggi ad attirare in questa via non è più Gino, ma il kebab. E Salman. Ha soli 32 anni, vive a Milano dal 1993, quando ha raggiunto il padre che si era già trasferito nel 1989. Loro vengono da una zona stupenda della Turchia, dal cuore dell’Anatolia, Gaziantep, una delle più antiche città abitate continuativamente nel mondo.

In questa metropoli, la più grande della regione, sono famosi anche i baklava, dessert di pistacchio, che Salman propone qui nel suo locale, per chiudere il pasto con un gusto dolce in bocca.

kebab durumdoner kebab

Non ci sono parole per descrivere il suo kebab, bisogna provarlo. Sia doner che durum, ovvero sia nella versione panino che piadina: un’attenzione unica agli ingredienti, da tagli nobili di carne a insalata sempre fresca, fino a salse e patatine. E poi, ingrediente indispensabile e fondamentale per avere un’attività è il sorriso: Salman, insieme a Shakir, Alì e agli altri compagni sanno sempre riscaldare l’ambiente e il tempo speso da loro con un sorriso sempre sul volto, un calore unico e una simpatia eccezionale. Eppure, non si fermano mai: li trovate lì dalle 11 fino a mezzanotte ad orario continuato.

stesura Kebab kebab lavorazione

14 anni fa sono stati tra i primi ad aprire a Milano, un locale semplice, sempre pulitissimo e senza fronzoli, perchè loro son persone che pensano alla sostanza e alla qualità del loro prodotto. Ed è sempre pieno, perché si sa, se fidelizzi il tuo cliente con un prodotto sempre ottimo, noi fedeli non ti tradiremo mai. Infatti Anatolia Kebab conta su una clientela costante nel tempo, ma sempre in crescita, anche grazie a tutti gli uffici nei dintorni che continuano a sceglierlo come miglior pausa pranzo.

E voi, avete voglia di raccontarci il vostro kebab sotto casa o siete di quelli che lo vorrebbero fuori dalle mura?

Anatolia Kebab. Via Giambellino, 15. Milano. Tel. +39 02 423 5885

 

6 Commenti

  1. Ho letto decine di articoli che esaltano questo locale di Milano.
    Lo sapete come funziona un messaggio ripetuto spesso?
    Alla fine … può convincere.E, quasi sempre, convince.
    Su questa semplice verità vengono spesi migliaia di miliardi in pubblicità…soltanto per…convincere… milioni di consumatori.
    (o milioni di cittadini in politica)
    .
    Poi arrivano 3 Milanesi e “sembrano” ridimensionare il messaggio.
    Ora non è che, improvvisamente, pensi che questo locale non sia più buono o ottimo o eccellente.
    No.
    Gli interventi dei 3 Milanesi mi fanno pensare, invece, che a Milano ci siano anche Altri kebab buoni od ottimi: o, quanto meno, che la distanza non sia abissale.Vi potrei dimostrare lo stesso per la pizza napoletana…a Napoli e nell’hinterland.E si potrebbe fare lo stesso anche con tanti altri prodotti, diffusi nelle città italiane.
    .
    Un blog senza dibattito è squilibrato.
    .
    Perché la Comunicazione la fa soltanto il blog ed è, quasi sempre, di parte.
    Cioè sta schierato, quasi sempre, con le realtà che “presentano”, che “pubblicizzano”. che esaltano.
    Sembrano, i blog, sempre più strutture del marketing.
    O, addirittura, sono stati acquistati da società di marketing.
    Hanno quasi smarrito la passione degli inizi.
    Un po’ quello che è successo a Slow Food.
    ,
    Solo il dibattito può, in parte, “ri-equilibrare” un messaggio non oggettivo e di parte.
    .
    Ma il dibattito può, in qualsiasi momento, essere stroncato.
    .
    Perché noi commentatori…siamo palle di cannone.

  2. Abito da 2 anni proprio a fianco questo locale. Kebab buono, niente da dire, apprezzo in particolare che in quello completo ci siano anche le patatine (cosa che altri non fanno). Ma elogiarlo così è decisamente esagerato. kebab normalissimo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui