baccalà

A Somma Vesuviana avevano il culto del baccalà. Uno dei luoghi che lo ricorda è la Lanterna Vesuviana, ristorante di Luigi Russo che è sicuro officiante sulle orme di Francesco Saverio Molaro che aveva aperto una trattoria a Santa Maria a Castello da tutti conosciuta come “Da Cecchiello ’a pupatella”.

Russo si mette a studiare cosa producevano nel territorio di Somma Vesuviana e i baratti fra i sommesi, produttori di frutta secca, e i marinai che arrivavano dal nord Europa col pesce conservato.

Nasce da questi studi l’idea di una cucina tutta a base di baccalà e stoccafisso, dall’antipasto al dolce.

Così, nello storico quartiere Casamale nascono una serie di piatti a base di baccalà e di stoccafisso di cui i ravioli sono emblema di comfort food. Quello che ci vuole in questi  giorni in cui l’inverno piovoso sta dando gli ultimi colpi di coda.

La ricetta dei ravioli ripieni di baccalà

ravioli ripieni di baccalà

Ingredienti

Per la pasta

500 g di semola macinata
1 bicchiere di latte
1 uovo
sale q. b.

Per il ripieno

300 g di baccalà ammollato
Mezza cipolla
1 bicchiere di latte
Pane raffermo
Olio evo q. b.
Noce moscata q. b.

Per il sugo

300 g di pomodorini del Vesuvio
Olio evo q. b.
Uno spicchio d’aglio
Basilico

Preparazione

Per la pasta

Disporre la farina a fontana, al centro rompere l’uovo, aggiungere il sale e il latte e impastare fino a ottenere un panetto liscio. Stendere in lunghe strisce.

Per il ripieno

Soffriggere in un tegame olio e cipolla, aggiungere il baccalà e la noce moscata, far cuocere fin quando non diventa una poltiglia.

Aggiungere il pane raffermo precedentemente ammollato nel latte.

Il composto deve risultare asciutto.

Posizionarlo a mucchietti sulle strisce di pasta, ricoprirle con un’altra striscia e, con l’aiuto della rondella per ravioli, dare la forma.

La Lanterna Vesuviana

Ora a voi. E se non avete voglia di stare a cucinare, vi serve il telefono della Lanterna Vesuviana: 081 8991067

1 commento

  1. Somma vesuviana è una delle capitali italiane dello stoccafisso e baccalà.
    .
    C’è una lunga tradizione(accennata nel post) e, per questo, la ristorazione si è, come dire, specializzata:
    sono numerosi i locali che li cucinano
    e numerosi sono le preparazioni dalle più classiche alle nuove
    interpretazioni.
    Non sono stato in questo locale ma ho un’ottima stima della ristorazione sommese in generale e la Lanterna mi è stata suggerita.
    .
    Somma vale il viaggio come si dice
    o, se siete di passaggio, dall’autostrada merita una piccola deviazione.
    .
    A Napoli c’è il trionfo della pizza.
    E si mangia anche stoccafisso e baccalà.
    Ma è a Somma che trionfano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui