Breve storia di Santa Lucia, pastificio di Garofalo ora conosciuto per un milione di chili di spaghetti sequestrati

Tempo di lettura: 3 minuti

Santa-Lucia-Pasta-Spaghetti

Diciamolo pure: è stato un duro colpo leggere che il marchio Garofalo era stato associato a un sequestro di pasta.

La pronta smentita della storica azienda, che ha sede a Gragnano ed è stata acquistata dagli spagnoli di Ebro Foods, ha fatto conoscere un altro suo marchio: Santa Lucia.

La notizia del sequestro di circa 1 milione di chili di spaghetti è vera ed è anche datata di qualche mese. E infatti la Garofalo non smentisce questo passaggio. E parliamo di prodotto finito, non di grano.

Il grano sarebbe quello tenero contenuto nelle confezioni di pasta sequestrata che per una pasta napoletana è come una bestemmia. La pasta si scuoce solo ad aprire il pacco come ben sanno i connazionali alle prese con paste di grano tenero vendute nei market dell’Europa Centrale.

Ma cos’è Santa Lucia? Lo spiega Massimo Menna, AD della Garofalo nella sua nota di precisazioni.

2) Il prodotto di cui si parla fa parte della linea Santa Lucia, storico brand di proprietà del pastificio nato quasi quarant’anni fa appositamente per il mercato africano, a cui è tutt’ora destinato, e non raggiunge pertanto gli scaffali italiani né di altri Paesi europei.

pasta Santa Lucia Turchia

Lo leggiamo sul retro dell’etichetta in cui è riportato il Country of Origin che avrebbe dovuto tranquillizzare gli addetti ai controlli nel porto di Genova.

sito Santa Lucia pasta

Forse sono tratti in inganno dal marchio e dal sito della Santa Lucia che, ovviamente, ha tutto l’interesse a chiarire che Santa Lucia è relativamente giovane ma può contare sull’esperienza centenaria della Garofalo che è a Gragnano, cioè la capitale della pasta.

Storia pasta Santa Lucia

Insomma, è come se a Genova avessero preso il marchio per etichetta leggendo Made in Gragnano invece che Made in Turchia dove la pasta viene prodotta.

È sempre Menna che spiega i motivi della scelta di produrre in Turchia: costi e competitività.

4) La scelta del Pastificio di produrre tale linea in Turchia è stata presa, in accordo e nell’interesse anche della clientela africana, con il preciso obiettivo di mantenere vivo il brand sul mercato, perseguibile solo attraverso l’abbassamento dei costi per arrivare ad un prezzo adeguato rispetto a quello dei competitor stranieri, ed in particolar modo turchi. La qualità del prodotto non è inferiore a quella dichiarata e alla nostra azienda non sono mai stati notificati i risultati di presunte analisi

Un orientamento che viene spiegato benissimo dallo spot che reclamizza Santa Lucia.

Siamo più preoccupati dalla sifonata di salsa viola che il ragazzino impone al piatto di spaghetti, e che – scommettiamo – diventerà oggetto di esame visivo degli appassionati di pasta, piuttosto che della possibilità che questa pasta finisca sulle tavole italiane come d’altronde ha escluso Menna.

pasta Santa Lucia Turchia sequestrata

E allora ci chiediamo come mai da alcuni mesi questa pasta turca che è transitata a Genova solo per essere trasbordata e consegnata è stata sequestrata?

Non il Made in Turkey, ma l’indicazione pasta di grano duro (e le percentuali di grano tenero sono state oggetto delle analisi, che però non sono state comunicate all’azienda) ha fatto scattare il provvedimento come se dovesse essere venduta in Italia e sottostare al comma 8 dell’art. 6 del DPR 9 febbraio 2001, n. 187 ?

[Immagini: sito Santa Lucia, vietnamese.alibaba]

4 Commenti

  1. Invito l’autore di quest’articolo a dare un’occhiata ad una carta geografica ed immedesimarsi poi in un ispettore doganale. Avrebbe posto sotto sequestro quella merce o no?

  2. la frode è evidente se scrive grano duro e dentro c’è grano tenero, ed inoltre perché esportare un prodotto, che è l’emblema della cultura culinaria italiana, non consono ai nostri standard? è anche un colpo basso al nostro made in italy

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui