5 golosità di cui non potete fare a meno dopo aver assaggiato Milano Golosa

mi-golosa2

Anche quest’anno è tornata Milano Golosa. Quest’anno mi sembra migliorata rispetto al passato – no, non è il termine esatto: diciamo che l’ottimo goloso Davide “Gastronauta” Paolini quest’anno è riuscito a trovare una serie di produttori e prodotti (con le relative storie) nuovi, che hanno affiancato le scoperte più recenti e i “vecchi” (tali solo per numero di presenze, ché anzi anche loro hanno portato o annunciato nuove linee, nuovi prodotti, nuove eccellenze). E gli eventi fuori-Milano Golosa, e i premi: bene, bravo.

mi-golosa-parlacomemangi

Come il premio alle Botteghe, fra le quali anche Parla Come Mangi di Rapallo (che ovviamente cito perché Guido Porrati è un amico, e altrettanto ovviamente, da buon ligure, non mi farà nemmeno uno sconticino…)

Vediamo allora cosa mi sono portato a casa da questa edizione – e che consiglio anche a voi di cercare e di portarvi a casa (ehm… io a dire il vero qualcosa mi son mangiato per strada, ma insomma…).

1. L’Aglio Rosso di Sulmona di Originatural

mi-golosa-aglio

Aglio, va bene. Aglio Rosso di Sulmona, ok, lo conosco, forse più per sentito dire, ma conosco.Ma gli steli di fiore d’Aglio Rosso sottolio raccolti a mano all’alba – no, mai sentiti.

mi-golosa-aglio2

Ora li conosco: delicati, ottimi anche sotto forma di patè, per tartine, condimenti, da soli…

Originatural produce anche altro (purea di cachi, crema di cavolo nero…) – ma in tiratura limitata (ovvero: tutto già esaurito).

2. Le patatine al pesto di Roberto Panizza

mi-golosa-pesto-chips-panizza

Non sono ancora in commercio – ma solo perché non hanno ancora finito di stampare le buste. Le nuove patatine al pesto – non un pesto qualsiasi, ma Il Pesto Rossi di Roberto Panizza, quello del ristorante Il Genovese a Genova appunto, e del Campionato Mondiale di Pesto. Essiccato disidrato spolverizzato – che ne so. Assaggiate. Un consiglio: non fatevele sfuggire.

3. La testa in cassetta, Macelleria Giacobbe di Sassello

mi-golosa-macell-sassello

Arrivi davanti allo stand della Macelleria Giacobbe di Sassello, nel Savonese, e non vedi niente – a parte le diverse confezioni e gli assaggi di testa di maiale in cassetta – ovvero, faccia, lingua, tutto quello che c’è di edibile nella testa, con spezie e pinoli, ma non solo: anche con agrumi, bergamotto, mele e cannella… Diverse versioni, una più buona dell’altra (mi è piaciuto meno, forse, quella con il bergamotto, ma sono io che non lo amo moltissimo…). Finita quella coi semi di canapa, mi son comprato un pezzo delle altre (e mi hanno regalato un vasettino di battuto di lardo con aromi – molto poetico…).

Azienda a conduzione familiare, non sono nemmeno presenti sui social (solo una mail: gino_giacobbe@libero.it) – c’è ancora un mondo da scoprire, fuori rete.

4. La Latteria d’Aviano, i “panetti” e i formaggi

Prima ho visto i “panetti creativi” della Latteria d’Aviano: un mix di formaggi con aggiunte di uva sultanina (Uvèt), frutti di bosco (Fruibò), kren (Krènt), e zenzero (Zenzè: comincia a diventare invadente, lo zenzero…), che si possono usare sul pane, come aperitivo, come condimento. Ma subito a fianco, c’erano i vari formaggi. Non c’è molto da dire, anche perché, se fanno formaggi dal 1919, un motivo ci sarà: ho assaggiato tutto – latteria, grotta, frant… E apprezzato.

5. Claudio Gatti da Tabiano e i nuovi dolci verdiani

mi-golosa-gatti-tabiano

No, non c’erano, a Milano Golosa: ma dopo i prodotti dedicati alla Via Francigena – che, dice Claudio, si sta dimostrando un efficace traino commerciale per il turismo e l’enogastronomia – ai grani antichi accetera, la Pasticceria Tabiano sta preparando per l’anno prossimo una nuova linea dedicata alle opere verdiane. Mi si dice cinque nuovi dolci: ma se le sue opere, di Giuseppe Verdi, sono una trentina – perché fermarsi?

[Immagini: Milano Golosa, iPhone Emanuele Bonati, Camilla Rocca]




- martedì, 18 ottobre 2016 | ore 12:54

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.