Fuorisalone Milano 2017. 5 cose da seguire e assaggiare in Tortona

Notizie

Vi abbiamo già detto quali sono i 10 imperdibili eventi del food legati al Fuorisalone del Mobile a Milano.

Ritorniamo sul tema e sulle mappe del food+design per guardare da vicino la zona di massimo pellegrinaggio degli appassionati della cultura dell’arredamento: Tortona, il fazzoletto di vie e viuzze fra Porta Genova, la Circonvallazione e Solari che, come abbiamo detto, ospitano Enrico Bartolini e le sue nuove proposte di street food gourmet.

[do action=”jor”/]

Qui c’è anche la nuova apertura ecrudo, in via Savona e la ormai rodatissima pizzeria Olio a Crudo del sempre più milanese Gino Sorbillo.

Ecco altre 5 occasioni ad alto tasso gastronomico  da ascoltare, da vedere, da toccare, e anche da gustare.

1. Filippo La Mantia e Mattia Poggi alla F Design Week

Nella F Lounge, aperta al pubblico, organizzata dalla rivista F di Cairo Editore per la sua F Design Week 2017 presso l’Hotel Magna Pars Suites, si terranno conferenze, presentazioni e workshop su temi legati al design, alla moda e alla cucina. Per la cucina, Mattia Poggi sarà protagonista di due showcookung con Tescoma, martedì 4 alle 17 e sabato 8 alle 18. Sempre sabato 8, alle 15, Chiacchiere in cucina: uno showcooking con lo chef Filippo La Mantia ed Elisabetta Ranieri, giornalista di F.

Hotel Magna Pars Suites. Via Forcella, 3.

2. PepsiCo fra passato presente e futuro

[do action=”jq”/]

PepsiCo presenta “Mix It Up”, una vetrina interattiva e coinvolgente dove passato, presente e futuro convergono nell’esplorazione di come il mangiare e il bere siano vissuti in una società iperconnessa come la nostra, naturalmente dal punto di vista di questa azienda e dei suoi prodotti. Fra le numerose installazioni dedicate ai vari prodotti, segnaliamo quelle a più alto contenuto gourmet, ovvero quelle che hanno come protagonisti Davide Oldani e Andrea Mainardi.

Davide Oldani, la cui creatività si è già incrociata più volte con il mondo del design, sarà presente allo spazio Hello Goodness, che ricorda un caffé all’aperto, creato in collaborazione con l’architetto e designer Fabio Novembre. Qui verrà presentata la piattaforma Hello Goodness, compresi i prodotti di brand come Quaker e Naked Juice: e Oldani ha creato appunto un sistema di recipienti per preparare e lasciar riposare il porridge d’avena. E in una “gazpacheria” modulare su ruote, dedicata ad Alvalle, leading brand di gazpacho in Spagna (il primo gazpacho con ingredienti 100% naturali). Qui verranno esposti servizi di stoviglie e utensili creati da Oldani, che presenterà alcune sue reinvenzioni del gazpacho.

Invece Andrea Mainardi sarà protagonista di Lay’s Chiperie, una esplorazione delle patate, delle erbe e dei condimenti delle patatine Lay’s attraverso showcooking e assaggi.

Mix It Up c/o Superstudio Più. Day Light. Via Tortona, 27.

3. Il cibo di strada in via Tortona

Dal 3 al 9 aprile, “Tortona Bites” proporrà cibo di strada italiano e internazionale, insieme a drink e birre artigianali. Lo spazio, aperto dalle 10 alle 24 tutti i giorni, ospita le golosità di God Save the Food, Asian Street, Monsters Cooks, Vaniglia & Co., Baladin, Sicilandia, Bollicino e Fuori di mente.

Tortona Bites. Via Savona, 37.

4. I panini di Beppe Palmieri con Ofyr al SuperstudioPiù

Beppe Palmieri di Generi Alimentari “Da Panino”, a Modena, si installerà con il proprio staff sulla terrazza Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, insieme al braciere Ofyr.
L’evento, organizzato con SymposiumLab, vuole creare una sinergia tra design e food, abbinando l’esposizione di un innovativo braciere di design, Ofyr, con una delle migliori espressioni del cibo da strada italiano, il panino, riletto da Palmieri.

SuperstudioPiù. Via Tortona, 27.

5. I gelati di design di Gusto 17

L’agrigelateria Gusto 17 per la Design Week ha pensato a tre gelati, ispirati a tre icone del design italiano. Il primo è l’Up-Cream, dedicato alla poltrona Up di Gaetano Pesce: una base di cheesecake e mini ball di fragola. Gli altri due: il Pratone di Derossi, Ceretti e Rosso per Prat-1 (tè verde alla menta) e il Negroni sbagliato.

Gusto 17. Via Savona, 17.

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.