È morto Sam Panopoulos, inventore della pizza con l’ananas che infiamma il web

#pineapplepizza è stato l’hashtag che ha impazzato sul web quest’anno. Il merito è del presidente islandese Guðni Jóhannesson che ha messo all’indice la pizza all’ananas, per i napoletani un orrore gastronomico che vanta schiere di estimatori negli Stati Uniti.

Il Corriere della Sera ha rilanciato la notizia che a 83 anni è morto Sam Panopulos considerato l’inventore della farcitura che fa discutere mezzo mondo. A lui, ristoratore canadese di origini greche si deve negli anni Sessanta l’idea di utilizzare un impasto americano condito con pomodoro e formaggio e completato con prosciutto e pezzi di ananas. L’effetto dolce-salato non ha sfondato tra i cuoi concittadini ma ha fatto breccia nei palati degli statunitensi.

In un’intervista alla BBC lo stesso Panopulos ha smontato il mito della pizza nata alle Hawaii come variante del toast con una sola fetta su cui è appoggiato formaggio, prosciutto, ananas e ciliegia maraschino ideato dallo chef tv tedesco Clemens Wilmenrod, qualche anno prima nel 1955.

La prima pizza con l’ananas venne sfornata nel ristorante «The Satellite» di Chatham-Kent nel 1962. Nell’Ontario, come nel resto del Canada, in quegli anni la pizza era sconosciuta. Il posto più vicino per mangiare la pizza era Detroit e Panopulos l’aveva assaggiata negli Stati Uniti e aveva deciso di riproporla con una stravaganza esotica, l’ananas sciroppato appunto.

Anche all’epoca la decisione scatenò polemiche e in tempi digitali e di condivisione come i nostri la dichiarazione provocatoria del presidente islandese che voleva metterla al bando con una legge ad hoc ha acceso parecchi falò in terra napoletana.

I puristi non ammettono un simile vilipendio della pizza margherita che è in pratica la base della pizza all’ananas anche se non sono pochi i pizzaioli che non temono le invettive proponendo la pizza con wurstel e patatine che nelle discussioni sui social riesce a stare dietro benissimo alla pizza con l’ananas.

All’epoca la pizza era sconosciuta in Canada: bisognava andare fino a Detroit per trovare una pizzeria. Panopoulos, dopo aver assaggiato la pizza made in Usa, decise quindi di riproporla — tra le polemiche — nel proprio ristorante, aggiungendo però una stravaganza esotica: l’ananas sciroppato.

Il liceale islandese non poteva sapere che la sua semplice domanda al suo presidente avrebbe creato l’hashtag virale e non è detto che a pochi giorni dall’avvio del Napoli Pizza Village non ci sia qualche pizzaiolo che si cimenti per il divertimento dei moltissimi visitatori della manifestazione.

D’altronde, troverebbe la ricetta della pizza con l’ananas proprio sul sito del Napoli Pizza Village accompagnata da un’immancabile birra che vi copiaincolliamo di seguito.

Che sia venuto il momento di rendere l’omaggio postumo all’inventore della pizza più discussa dell’intero pianeta?

La ricetta della pizza all’anas

Ingredienti

250 g di farina
160 ml d’acqua
7,5 g di sale
1 g di lievito
120 g di pomodori pelati
90 g di prosciutto cotto tagliato a listarelle
100 g di mozzarella tagliata a dadini
90 g di ananas tagliato a cubetti
basilico fresco q.b.

Per decorare

1 peperone verde (facoltativo)
olive nere q.b. (facoltativo)

Procedimento

Versate l’acqua in una ciotola, aggiungete il sale e parte della farina e amalgamate il tutto. Proseguite incorporando il lievito sbriciolato e la restante parte della farina, lavorando l’impasto con le mani finché non avrete ottenuto un panetto liscio e compatto. Lasciatelo riposare per circa 7-8 ore coperto con un canovaccio umido.

Trascorso questo tempo stendete l’impasto in una teglia circolare che avrete unto con un filo d’olio, aiutandovi con le dita. Distribuite sulla superficie la polpa dei pomodori pelati, i cubetti di mozzarella e il prosciutto cotto tagliato a listarelle. Irrorate il tutto con un filo d’olio e lasciate cuocere in forno preriscaldato a 250 °C per circa 15-20 minuti.

All’uscita dal forno, completate la vostra pizza con i dadini di ananas e alcune foglie di basilico fresco. Se gradite potete aggiungere del peperone crudo tagliato a listarelle e delle olive nere denocciolate.

[Immagini: Huffington Post Germania, Napoli Pizza Village]




- sabato, 10 giugno 2017 | ore 14:29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.