La pizza surgelata prodotta a Napoli, rectius, a Pozzuoli piace sempre di più. ‘A Pizza ha scritturato la food blogger Chiara Maci come testimonial per rompere le ultime resistenze.

Un’iniziativa che mira a scavalcare i distinguo dei pizzaioli napoletani che storcono il naso di fronte alle pizze surgelate che – si affannano a spiegare dall’azienda – sono artigianali e cotte una a una da un pizzaiolo nel forno a legna, tenace barriera contro i marosi dell’innovazione, per essere immediatamente abbattute e poter essere consegnate surgelate in tutto il mondo.

Chiara Maci, dunque, impugna la pala del forno domestico per solleticare l’interesse dei suoi 344 mila follower su Instagram e del circa mezzo milione su Facebook per convincerli che non c’è differenza, o quasi, tra l’andare in una pizzeria sparsa nel territorio italico e ordinare comodamente da casa la pizza preferita.

E per farlo regala da domani, 23 novembre – anniversario di un ben più doloroso terremoto – due ricette in edizione limitata.

Si chiamano la Pizza di Chiara con il cornicione ripieno di ricotta e farcitura di pomodoro campano, olive di Gaeta e caciocavallo, e una pizza delle sue origini, la Cilentana (Chiara Maci è di Agropoli), due strati di impasto che racchiudono al loro interno scarola ripassata in padella con olio evo, aglio, peperoncino, uvetta e pinoli e provolone (piccante al punto giusto, agro e dolce allo stesso tempo).

“Due pizze che volevo e che, dopo averle assaggiate, ordinerò continuamente. Sono sapori di infanzia e di Campania ai quali tengo tanto e che sono stati davvero esaltati dalla qualità degli impasti. Dopo aver assaggiato alcune pizze ne sono stata entusiasta perché il gusto autentico della pizza napoletana aveva vinto il mio scetticismo. Era così buona che senza conoscere né il mittente né l’azienda decisi di condividerla con i miei lettori attraverso un post su IG e iniziai a parlarne a tutti”, spiega la food influencer a proposito di questa collaborazione nata per caso.

Ora sta a voi decidere se Chiara Maci stia dicendo la verità sul brand fondato da Maurizio Ramirez e Guido Freda e forse l’unico sistema possibile è ordinare (numero verde 800 93 11 93) questa benedetta pizza surgelata e fare la prova del nove. Probabilmente non ne sarete entusiasti se avete una delle migliori pizzerie sotto casa, ma potreste trovare la quadratura del cerchio nel caso la vostra pizzeria di riferimento sia ben lontana da voi.

Per capire cos’è ‘A Pizza, a partire dalla Friariella di stagione, ecco la nota ufficiale che lo spiega copia-incollata senza troppi complimenti.

‘A Pizza è il progetto di due imprenditori napoletani Maurizio Ramirez e Guido Freda che coniuga artigianalità ed alta tecnologia. È la prima pizza napoletana fatta a Napoli come vuole la tradizione: a mano da un pizzaiolo partenopeo, con i migliori ingredienti, cotta nel forno a legna e immediatamente abbattuta per poter essere consegnata surgelata in tutto il mondo. ‘A pizza è un prodotto locale che si rivolge al mercato globale senza tradire le sue origini e senza cancellare le tradizioni. Il processo di abbattimento rapido – da 90° a meno 20° in dieci minuti – ne preserva profumo, fragranza e gusto, nonché tutti i valori nutrizionali: il risultato è una pizza da consumare a casa buona come in pizzeria. Pensata per il mercato domestico, ‘A Pizza si conserva in freezer e si “risveglia” nel forno di casa in soli 8/10 minuti ad una temperatura di 220°. Senza conservanti, né aromi aggiunti, è preparata con farina 00, acqua e lievito madre, condita con pomodoro campano, fior di latte o mozzarella di bufala, olio extravergine d’oliva e basilico fresco e cotta nel tradizionale forno a legna. Oltre alla tradizionale Margherita, il catalogo di ‘A Pizza prevede altre sei varianti: Bufalina, Bianca, Primavera, Porcina, Friariella, Piennolo Dop. Gli ingredienti sono tutti di alta qualità, a Km zero, selezionati con cura tra i migliori fornitori.

‘A Pizza nasce per il mercato domestico come alternativa al “porta pizza” di quartiere e alle pizze surgelate industriali. Si ordina telefonando al Numero Verde 800 931193 o si ordina con pochi click on line sul sito www.apizza.it. Viene distribuita in una elegante bag di cartone direttamente al cliente finale a domicilio mediante veicoli a due e quattro ruote dotati di celle frigorifero. Il corriere espresso partner GLS garantisce la consegna in tutta Italia e lo speciale “frozen packaging” preserva il prodotto alla sua temperatura di partenza senza interrompere la catena del freddo per 36 ore. Nelle principali città italiane ‘A Pizza viene consegnata entro 24 ore dalla sua spedizione.

Dietro ogni pizza di ‘A Pizza c’è un pizzaiolo in carne ed ossa che fa l’impasto, stende con le mani il panetto, condisce e inforna il prodotto nel tradizionale forno a legno. ‘A Pizza è un prodotto artigianale fatto con sola farina 00, acqua, lievito naturale; condita con i migliori ingredienti di stagione ed esclusivamente con olio extravergine d’oliva. Non contiene conservanti né aromi aggiunti. È prodotta secondo alti standard di qualità. L’etichetta breve è garanzia di un prodotto salubre e genuino. Ogni pizza di ‘A Pizza ha un peso di circa 400 grammi.

Che ne dite? Chiara Maci vi ha convinto?

2 Commenti

  1. Un pochino come Rugiati che in TV predica una cosa (in un programma dove si usano anche le sottilette per le “prove”) e poi fa pubblicità a qualunque cosa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui